Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

“Still of the Night” è un popolarissimo brano dei Whitesnake, estratta come singolo dall’album omonimo e di maggior successo del gruppo pubblicato nel 1987.

La canzone è stata scritta dal cantante David Coverdale assieme al chitarrista John Sykes, ed è una delle composizioni più famose degli Whitesnake. Il pezzo combina le influenze blues originarie della band con un nuovo sound più aggressivo e distorto, facendone una potente composizione hard rock. David Coverdale ha spiegato la genesi della canzone in un’intervista:

“Quando morì mia madre, andai a prendere della roba a casa sua e trovai alcune vecchie cassette demo. Una di queste era una canzone che avevo registrato con Ritchie Blackmore in cui era presente l’idea base di quello che sarebbe diventato Still of the Night. Era totalmente irriconoscibile […] La diedi allora a Sykesy mentre eravamo nel sud della Francia, e lui vi inserì incredibili parti di chitarra. John odiava il blues per cui dovetti operare all’interno di questi parametri. La resi un blues elettrico, ma il modo in cui lui la eseguì fu favoloso per quei tempi e relativamente unico per le canzoni. C’erano un sacco di persone che facevano questa roba varia, ma senza avere la qualità di quelle canzoni”

La canzone presenta una lunga parte centrale che ricorda vagamente quella di Whole Lotta Love dei Led Zeppelin. John Sykes ha così parlato della sezione centrale:

“Sì, ed è stata in realtà la prima parte che ho scritto per questa canzone… la sezione centrale. Venne tutto composto su chitarra nella cucina di mia madre. Rimase in quel modo fino a quando mesi e mesi dopo scrissi il resto e ottenni fondamentalmente i riff e l’accordo per i versi”

La canzone è stata quasi sempre suonata nei bis dei concerti degli Whitesnake e nelle esibizioni da solista di John Sykes.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.