Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Per chi ancora non avesse tra le mani questo straordinario album c’è solo un modo per descriverlo:

E’ il tempio del Glam! Del resto il titolo non lascia spazio a dubbi. Un ascolto che fin dal primo brano ci fa battere il piede a ritmo di musica ed agitare la chioma. Fresco, giovane, dinamico e fuori da ogni schema, maledettamente irriverente sembra strizzarci l’occhio con aria furbetta di chi sa bene il fatto suo. Dieci tracce, una molto diversa dall’altra che ci catapultano su un palco immaginario che si materializza davanti ai nostri occhi mentre ascoltiamo questi giovani ragazzacci che sembrano avere in testa una cosa soltanto: suonare, suonare, suonare e ancora suonare finché una sola goccia di hard rock avrà la forza di scorrere nelle vene!

Un album davvero divertente che dipinge perfettamente lo spirito giovane e intraprendente della band ormai sulle scene dal 2012, con tantissimi live all’attivo che l’ hanno fatta amare ed apprezzare ovunque e che può vantare una prestigiosa etichetta come quella targata Volcano Records & Promotion. La band nasce dall’idea di Danny Boy, drummer e autore di molti dei brani contenuti in Glam Caramel, che dopo aver collezionato una serie di pietre miliari al fianco di Gilby Clarke (ex Guns ‘n’ Roses)e John Coraby (ex Motley Crue) decide di selezionare alcuni musicisti tanto bravi quanto folli da mettere in piedi un progetto alternativo che sconvolgesse tutte le regole dell’Hard Rock. Questo sono i Nastyville: Mark, David, Manuel, Fabian, e Danny Boy che ci ricordano molto anche gli Hardcore Superstar dei primissimi album, ma in generale tutto il rock nord europeo che i Nastyville sembrano tanto amare e da cui hanno tratto sicuramente il meglio. Chitarre graffianti e ruvide ci introducono “Lady Boy” ma continuano a spettinarci anche sul solo di “Sert-Control”. Batteria incalzante e dritta come un treno in “Star Whore” e come non ascoltare e riascoltare più di una volta “Macho Girl” guardando magari anche il video assolutamente geniale che lo accompagna.

Ebbene sì, questo brano ci ha conquistato a tal punto che prima di finire di ascoltare tutto l’album abbiamo già deciso di riservargli un posto speciale nella nostra discografia preferita.

Siamo a poco più di metà album e già questa band ha rapito ogni molecola di rock che si è lustrata le borchie per l’occasione. Dopo questo autoironico brano scivoliamo ancora verso “Granny Award” che sembra cominciare come una più tranquilla ballad, e invece no!! qualche battuta di basso e via, ancora in una corsa mozzafiato fino alla fine, dove fa già capolino “Tha King”. Neanche il tempo di arrivare alla fine che schiacciamo di nuovo play sul nostro lettore per tuffarci ancora nel mondo Glam dei Nastyville.

Tracks:

1. Nerd Superfly

2. Big Band Theory

3. Jelly Toy Goes

4. Lady Boy

5. Sert-Control

6. Granny Awards

7. Macho Girl

8. Star Whore

9. Camel Toe

10. Tha King

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.