Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

L’emozione che ci ha lasciato Thomas Silver al Circolo Supernova per la prima delle sue tre date italiane, difficilmente si può racchiudere in poche parole. Ad accoglierci al locale troviamo una nostra vecchia conoscenza, Daniele Petri, mitico bassista degli amici Junkie Dildoz e della band italiana di Silver, lui stesso lo definisce come un fratello, infatti fin da subito traspare il feeling e l’affetto nei suoi confronti e in quelli dell’Italia.
Mentre sul palco suonano i Lost & Found e gli Oranjeboom scaldando l’atmosfera, noi ci godiamo dell’ottima Tennent’s alla spina e la compagnia di Thomas Silver che sorseggia il suo bicchiere di vino e si lascia andare ad una conversazione amichevole al fresco di una serata in riva al lago, tra le luci che illuminano l’esterno del locale e gli alberi che lo circondano. Sembra quasi una sera di mezza estate in cui dei vecchi amici si trovano a condividere ricordi e racconti.
L’atmosfera che si crea è da subito accogliente e familiare, parliamo un pò con Thomas Silver, con Daniele ed i ragazzi della band che non si negano a scatti (ufficiali o meno) selfie con i ragazzi presenti al locale e autografi sui vecchi dischi degli Hardcore Superstar di cui Silver è storico fondatore e a cui è ancora molto affezionato, come dimostra il tatuaggio con la stella sul collo che ammicca dal colletto della giacca. Il locale intanto inizia a riempirsi di gente che si avvicina al palco, in attesa di sentirlo cantare. Luci soffuse, due chitarre acustiche qualche sgabello e dei fogli sparsi su ci sono annotati i testi dei brani. Partono i primi accordi ed è subito magia, gli occhi brillano e la musica inizia a battere nel cuore, perchè molti di noi con quei brani ci sono davvero cresciuti, sentirli riproposti così con un giro di accordi riarrangiati e proposti in questa veste più calda, creano davvero l’atmosfera amichevole e speciale che troviamo spesso intorno ad un falò. Trai vecchi brani degli Hardcore Superstar e i nuovi pezzi dell’album solista, Silver ci propone una cover inaspettata e dal sapore davvero speciale, “losing my religion” dei REM che arriva a sorpresa facendoci luccicare un pò gli occhi.
La serata scivola via troppo velocemente, è passata da poco l’ una ma vorremmo che durasse all’infinito. Subito pensiamo che abbiamo a disposizione altre due serate come questa, e a chi si fosse perso la prima consigliamo di non fare l’errore di mancare le altre due. Noi che invece abbiamo avuto il grande piacere di essere presenti ringraziamo ancora di cuore Thomas, Daniele e l’accoglienza del Circolo Supernova e come di ciamo sempre… See you soon on the road again!

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.