Masd Records festeggia un anno di attività con il primo festival invernale

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Masd Records festeggia il primo intenso anno di attività e di ottime produzioni sonore e decide di farlo alla grande regalandoci un gran bel festival nel tempio del metal toscano:
il Circus Club di Scandicci.

Il team Masd, capitanato dall’energica Chiara Rovesti, sceglie quattro delle band più importanti della label dedicata alla musica indipendente per una serata all’insegna della condivisione e dell’amicizia.

l’atmosfera infatti, malgrado la pioggia ed il mal tempo si presenta fin da subito familiare, la prima band sta per salire sul palco ed il locale comincia a riempirsi.

Abbaimo giusto il tempo di scambiare quattro chiacchiere con gli artisti, ritrovare dei vecchi amici e settare la nostra fotocamera che scalpita nella sacca sperando di cogliere l’attimo perfetto da immortalare in uno scatto.

Sono le 22.00 in punto quando i Racket salgono sul palco.

La band Heavy-Rock apre la serata con una performance decisamente ad alto voltaggio!!! Un bel mood deciso, diretto e graffiante dalle tinte Heavy. Il pubblico comincia a ballare e scatenarsi davanti al palco.
Del resto la band piu Rock di Masd Records può vantare di aver supportato persino Phil Campbell dei Motorhead in quel di Parma.

Ibrani dei Racket corrono via velocemente, il popolo del Circus comincia a curiosare al banchetto del merch trai dischi delle band e le T- shirt con il loro logo, lo staff si appresta velocemente al cambio palco e l’atmosfera cambia tecisamente tono con i potentissimi Toolbox Terror.

La band Death metal di Genova ci colpisce fin dal primo pezzo con un bel muro di suoni di grandissimo impatto.

Qui si scatena il primo pogo della serata dove persino il boss di Masd, Chiara, raggiunge il palco per godersi la straordinaria perfomance scapocciando come i metallari più duri!

L’atmosfera è carica di divertimento e se qualcuno si aspetta di trovare il metallaro molesto e maleducato, alla fine rimarrà deluso perché l’aria che si respira è decisamnete di festa. Infatti ci colpisce molto come tutti gli artisti rimangano a supportarsi a vicenda durante il live dei loro colleghi di palco e l’affetto che lega tra loro i “fratelli di label”.

Del resto non va dimenticato che questi ragazzi hanno davvero lavorato tantissimo quest’anno insieme a Masd Records e che per l’occasione hanno fatto diverse centinaia di chilometri per venire a portare la loro musica e la loro arte nella nostra splendida terra.

Anche i Toolbox Terror terminano la loro scaletta serrata ed incalzante con una serie di “ballad” come scherzosamente le definiscono loro, chissà se scopriremo mai cosa ci sarà in quella cassetta del terrore, magari nel prossimo album!

Lasciamo allo staff il tempo di allestire il palco per la prossima band e ci fermiamo al bar per goderci finalmente un’ottima birra.

Scambiamo le prime impressioni con i ragazzi delle band, con chi è venuto ad assistere al concerto e con chi da sempre continua a sostenee la musica indipendente con coraggio e determinazione. Persone che troviamo di live in live ogni week end, che un po’ come noi non riescono mai a stare troppo tempo lontani da un palco.

I Self Disgrace si stanno scaldando per concludere questa bella serata ma prima ci sono i Last Rites on stage.
La band Thrash metal di Savona attiva dal lontano 2001 non ha bisogno di grandi presentazioni dato che viene definita tra le dieci thrash metal band più promettenti del panorama italiano dalla prestigiosa rivista Metal Hammer.

La padronanza di palco è notevole, la tecnica di altissimo livello, un growl pazzesco affinato in quasi vent’anni di live.
Se il Circus è davvero il tempio del metal toscano, stasera ne abbiamo avuto la prova.

Fino ad ora le nostre orecchie si sono godute un grandissimo concerto, ma la nostra curiosità è cresciuta intorno agli headliners della serata, un po’ per la voglia di sentire per la prima volta i Self Disgrace, e un po’ per il feelig femminile che ci spinge a supportare ed incoraggiare un po’ di più le donne sul palco.  Cosa non facile da trovare in un ambiente di metal estremo.

Come se la caverà la piccola ed esile cantante della band?
E la chitarrista dal viso così dolce?

Ogni dubbio viene spazzato via fin dal primo brano!!! Che potenza questa band!! Rimaniamo in attento ascolto per i primi due pezzi prima di riuscire a scattare delle foto, ci godiamo lo spettacolo e la musica.  La determinazione di queste due donne non ha davvero nulla da invidiare ai colleghi mashietti Death Metal.

Stavolta Chiara Rovesti ci ha fatto una grande sorpresa con questa band, ed è stato davvero un enorme piacere poter essere presenti a questo festival.

A serata finita, a luci spente, torniamo a casa. Ancora una volta siamo pienamente soddisfatti di questi chilometri percorsi a favore dell’ underground e della musica indipendente.

Di solito concludiamo i nostri articoli con la frase: “…Perchè nella vita in fondo cè bisogno di Rock”. Stasera invece ci sentiamo di dire che nella vita c’è bisogno anche di qualcuno che creda ancora nella musica e che lavori ogni giorno con passione e dedizione per portare sul palco un grande spettacolo ed una grande emozione.

MAGGIORI INFO: https://www.facebook.com/masd.records/

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
By |2019-02-03T19:40:43+00:00Febbraio 3rd, 2019|Altri Eventi, Brand New Rock, Musica Rock, Rock News|