Analfapeti, il punk giovane del Veneto!

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Sì chiamano Analfapeti, il loro album è intitolato “Analbum” e hanno appena concluso il loro primo “Tour-piloquio”.

Sì, il loro nome è davvero questo, l’album è a dir poco particolare, e anche il nome del tour non è stato un errore di battitura.
Diciamo che gli Analfapeti non sono esattamente la band che faresti ascoltare alla nonna la domenica mattina mentre cucina, ma di sicuro a noi piacciono.

Una band nuova, nata nella laguna veneziana, cioè non esattamente in acqua, anche se il chitarrista assomiglia un pò al protagonista della Bibbia.

La band nasce ad ottobre 2017. Subisce diversi cambi di formazione e trova l’assetto definitivo con Sandro alla voce e chitarra.

Rusca, chitarra solista (nominato prima come colui che potrebbe camminare sulle acque), Jacopo al basso e Buso alla batteria.

Dopo qualche mese pubblicano i loro primi due singoli: “Padre Merluzzo” e “Dario 73”. Quest’ultimo dicono che sia ispirato ad una persona reale, da come ce lo hanno raccontato è una sorta di mistero, come il mostro di Loch Ness.

Subito dopo esce il primo singolo, “Ragazza (a)sociale” che anticiperà il loro primo album uscito il 3 dicembre scorso.

Nel giro di soli pochi giorni dall’uscita, il disco degli Analfapeti raggiunge il primo posto nella classifica “rock alternativo” di Soundcloud.

La band vanta sonorità ska punk tipiche di fine anni 90/inizio 2000 andando, però, a rendere il sound più elaborato e coerente con i giorni nostri.

L’ironia non gli manca, i testi se li scrivono da soli facendo trapelare la loro critica sociale mescolata al sano e buon veneto.
Una band irriverente, giovane, senza peli sulla lingua e tanta voglia di fare casino nei locali, dove a partire da Cesena, la data zero del tour, li ha portati in giro per il triveneto fino ad arrivare in Slovenia.

Canzoni con testi ironici ma con un fondo di verità, come “Milano”, una forte critica alla metropoli paragonata alla campagna veneta, oppure come “Odio il regghetton”, no,nemmeno questo è un errore e sì, diciamo non c’è altro da dire: il titolo parla da solo.

Insomma, gli Analfapeti ci piacciono davvero! Sono giovani, hanno voglia di fare musica, la loro musica, e tanto casino.
La ricetta perfetta per qualcosa di nuovo, perchè siamo onesti: il “reggheton” ha stufato un pò tutti eh…..

Non ci rescta che ascoltarli in questo singolo godendoci la loro musica.

Laura Semenzato

Link Utili: https://www.facebook.com/analfapeti/

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
By |2019-03-08T11:52:00+00:00Marzo 8th, 2019|Brand New Rock, Musica Rock, Rock News|