The Future is Analog, l’album che apre le porte di mondi sconfinati

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

The future is Analog è il nuovo album della band lombarda Siveral. Fin dal primo ascolto, l’intero lavoro si presenta davvero particolare ed originale.Un prodotto di grande levatura sia tecnica che musicale, ma soprattutto una miscela di elementi eterogenei che si fondono in un unicum sensoriale e metafisico.

Ognuna delle dieci tracce contenute nell’album apre le porte di mondi sconosciuti stimolando riflessioni puramente personali e profonde. Possiamo dire che The Futute is Analog è figlio del nostro tempo, sia per le tematiche affronatate, sia per gli elementi di modernità che fondono i vari generi misicali.

Dal prog all’elettronico, dal rock al cossover, elementi ben bilanciati, studiati, smussati e resi unici brano dopo brano.
Il grandissimo lavoro iniziato dal 2015 intorno a The Futute is Analog ha permesso alla band di trovare l’equilibrio perfetto trai testi, tra le armonizzazioni e curare ogni minimo dettaglio.

Nel suo insieme sembra di camminare in una dimensione parallela in cui ogni brano rappresenta una stanza, una porta da aprire ed oltrepassare. Numerose le sensazionoi che arrivano ascoltando ogni volta da capo The Furute is Analog.

Ad ogni ascolto ci rendiamo conto di qualche piccola sfumatura, una riflessione differente che si plasma sullo stato d’animo dell’ascoltatore.
Ricordiamo che già tre brani hanno preceduto l’uscita di The Furure is Analog, “Alvadret”, “Awake” e “Pray”.

Armonie ricercate, chitarre potenti ed arrangiamenti moderni sono il filo conduttore che ci ha portato fino alla fine del viaggio lungo dieci tracce. Ogni brano è tuttavia diverso dall’altro.
In alcune parti i synt fanno da protagonisti, lasciando poi successivamente spazio ad elementi più duri e rock.
In altri troviamo ritmiche più serrate ma che scivolano poi su ritornelli più morbidi che spingono l’ascoltatore a riflettere sul testo.

The Future is Analog non è solo un album, è un romanzo da sfogliare e leggere in varie fasi della propria vita, perché a nostro avviso è un lavoro destinato a rimanere scolpito nel tempo.
Un disco eterno che racconta sia la fragilità dell’equilibrio umano sia la solidità di alcune strutture. I Siveral ci hanno regalato un grande lavoro che se in una prima fase può sembrare duro da digerire, una volta metabolizzato entra a far parte di quei piccoli gioielli da custodire in eterno.

Traks:

Awake
Dreamer
Pray
Alvadret
El.ga
The Future IsAnalog.
Cali
My deceit
Lite Gravity
Regentanz

Credits:

The Future is Analog è stato interamente composto da Antonio Magrini, che ne ha curato anche la produzione artistica con Max Zanotti (Deasonika, Casablanca, Rezophonic). I testi sono di Leah Janeczko, ad esclusione di “Awake”, “Regentanz” e “My Deceit” di Antonio Magrini. Il disco è stato registrato al 2000 spire Recording Studio (Ronago – Como) da Max Zanotti, ad esclusione delle batterie, registrate da Simone Bertolotti al Whitestudio 2.0 (Milano). Mix e master di Tancredi Barbuscia, Greenriverstudio (Varese).

Hanno suonato: Antonio Magrini (voce, chitarra, programmazione), Fernando De Luca (basso), Lorenzo Pasquini (chitarra), Giovanni Tani (batteria).

Contatti Facebook: https://www.facebook.com/siveralmusic/

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
By |2019-05-19T08:33:57+00:00Maggio 19th, 2019|Brand New Rock, Rock News|