Youmanity, tutte le emozioni dell’animo umano.

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Parlare di Youmanity non è così semplice come parlare di un qualsiasi altro album.

Qualche giorno fà è passato a trovarci Piero Giotti, chitarrista dei Blind per raccontarci questo magnifico dipinto.
Cominciamo con ordine e proviamo a spiegarvi perchè Youmanity è un disco che non va solo ascoltato ma sentito.

L’dea risale ad oltre un anno fà, quando esperienze artistiche e stati d’animo particolari diventano un progetto ben concreto.

Così dopo mesi di piccoli intoppi, cambi di lineup e la costante ricerca di un prodotto cucito addosso come un abito su misura, arriva Youmanity.

L2501 (Reborn) ci introduce già alle atmosfere in apparenza aride e asettiche di quello che troveremo lungo il viaggio sensoriale.

Ben presto ci accorgiamo che stiamo parlando di un uomo che per anni ha vissuto come in una bolla credendo che quella fosse la sua reale dimensione.

La vera sorpresa poi sta nel rendersi conto che uscendo dalla bolla arriva il mondo vero, quello fatto di sensazioni ed emozioni che non siamo più abituati ad ascoltare.

Ed è questo il filo conduttore dell’intero disco, tutto ricorda un astronauta, quello rappresentato in copertina, che partendo da un mondo inquinato da percezioni artefatte e stereotipate, scopre poi un viaggio diverso.

La meraviglia di Youmanity è che poco alla volta la band ci introduce nella sua dimensione, con immagini, colori, racconti che portano l’ascoltatore ad esplorare il suo sentiero interiore.

Cosa c’è davvero nel nostro mondo? Lo sanno bene coloro che erano presenti il mese scorso all’Exenzia di Prato per la presentazione del disco.
Il buio, occhi bendati e cinque infiniti minuti di intro. Una gamma di sensazioni forse nuove, che non siamo più abituati ad ascoltare, che invece in questo esperimento emotivo hanno aperto il cuore ad un live diverso.

Sonorità che ricordano a tratti lo stile dei Porcupine Tree, con elementi quasi psichedelici ed ipnotici dei Pink Floyd.
Ma non è neanche questa la cosa che rimane più impressa dell’intero lavoro.

Youmanity ha la straordinaria capacità di sembrare ad ogni ascolto un disco diverso ed evocare emozioni diverse a seconda dello stato d’animo con cui lo ascoltiamo.
Per noi è stata una scoperta che ancora continua a sorprenderci e sicuramente riascoltandolo anche domani potremmo scrivere cose ancora diverse.

Vogliamo darvi un piccolo assaggio di tutto questo con il primo video rilasciato dai Blind.
Quindi, chiudete gli occhi, regolate il volume in cuffia ed lasciate che la musica di Youmanity racconti quello in fondo è già dentro di voi.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
By |2019-06-10T09:55:28+00:00Giugno 10th, 2019|Brand New Rock, Rock News|