Diego Ribechini, il cantautore poeta dall’animo rock

Diego Ribechini

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Diego Ribechini è un cantautore italiano, toscano per la precisione. Il suo nuovo lavoro dal titolo Autofagia è uscito lo scorso 29 Gennaio per l’etichetta Native Division Records (Volcano Records & Promotion).

Si tratta di un lavoro poetico, profondo, che scava dentro l’animo umano. Tanto da farci pensare all’autore come un rocker dall’animo tormentato e dannato in cerca di pace attraverso la musica.  La cosa che più colpisce è senza dubbio il ruolo affidato alla chitarra, protagonista assoluta insieme ai testi per tutta la durata del disco.

Un ascolto dinamico, piacevole, ricco di sfumature e mai banale. E se la chitarra è il fulcro intorno al quale ruotano questi 14 brani, lo è anche la poliedricità di Diego Ribechini. Un cantautore capace di raccontare e raccontarsi in mille modi diversi, come dimostra ad esempio l’armonica dalle tinte blues nel brano “Il Ciliegio”. Ma passiamo anche attraverso brani strappacuore dal sapore “Acoustic ballad” fino a quelli più duri.

Brani invece come “L’arca di Noè” e “Shangri la” ammorbidiscono con le loro sonorità più gioiose e di ampio respiro anche i temi più cupi e riflessivi. Non poteva mancare in questo disco, e quasi ce lo aspettavamo, un brano pieno di ottimismo e speranza. Con “Il tempo Della Semina” Diego Ribechini tira fuori dalle tasche manciate di allegria da spargere in giro per il mondo.

Alla fine del nostro ascolto, non ci sembra poi così esagerato azzardare il paragone con un giovane De Andrè che Diego ci ricorda tanto, sia nelle liriche che nel carattere dato ai brani. Solo con un pizzico di rock in più!

Ascolta Autofagia su Spotify

Ecco altri articoli che puoi leggere su Autofagia

Tracklist:

1. Autofagia
2. Frankestein
3. Quello che accadrà
4. Il pazzo col cappello
5. L’arca di Noè
6. Dentro il vuoto
7. La stanza dell’eco
8. Lei
9. Lucida follia
10. Eva
11. Lo spaventapasseri
12. Il ciliegio
13. Il tempo della semina
14. Shangri la.

Biografia:

Diego Ribechini inizia il suo percorso artistico nel 1996 con la sua prima band “Collage” (poi divenuti (Quintessenza)dove fin da subito ha iniziato a produrre canzoni e testi propri. Nel corso degli anni ha intrapreso studi e percorsi di vario genere per avere più contaminazioni possibili e per studiare a fondo il suo strumento vocale.

Ha scritto e lavorato in teatro sia di prosa che musicale, ha scritto e pubblicato libri di Poesie, ha collaborato e collabora con professionisti e artisti italiani di livello ed infine passando per il suo ultimo gruppo “Stoned Dogs” è arrivato a creare questo nuovo progetto con il quale è giunto al secondo album ufficiale.

Hanno suonato:

Diego Ribechini – Voce, chitarra acustica, armonica.
Filippo Fantozzi – tastiere, piano, campioni e fisarmonica.
Federico Francesconi – chitarra elettrica.
Lucio Passeroni batteria, percussioni.
Andy J Fox- basso.

Special guest:

Nik Capitini – Ukulele
Carlo Paoletti – acustica e solo di classica su “Eva”
Leonardo Barbafiera – sax e flauto.

Registrazioni parte strumentale: Al Redwall Recording Studio
Voci, mix e il mastering – a cura di Giovanni Ghezzi presso Redroom Recording Studio.

Per maggiori informazioni su Diego Ribechini:

www.facebook.com/nativedivisionrecords
https://www.facebook.com/diegoribechinidr40/

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Crawling Chaos: i death metaller italiani presentano il video di “The Prince Is Here”!

Crawling Chaos

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Crawling Chaos, oggi l’importante magazine statunitense Decibel presenta in esclusiva “The Prince Is Here“, il nuovo video dei death metaller italiani. (Guarda il video QUI ).

Il brano proviene dal nuovo album del gruppo, “XLIX“, ora disponibile su Time To Kill Records.”XLIX”. Si tratta di un concept album ispirato da “Il Principe” di Niccolò Machiavelli ed è una produzione di Simone Mularoni.

Tracklist:

01. My Golden Age
02. The Prince Is Here
03. Block And A Bloody Knife
04. 49th, Or The Law Of Desperation
05. Ishnigarrab, Or The Awful Offspring Of The Goat
06. Covered In Debris
07. Doom Of Babylonia.

I Crawling Chaos in “XLIX” sviluppano una sorta di viaggio-parabola, una cronaca fuori dal tempo e dallo spazio. Ripercorrono in questo modo le vicende di un protagonista senza nome e senza volto che costituisce l’unico punto di vista dell’intera narrazione.

Il concept:

Il protagonista si ritrova tra le mani una fantomatica “edizione perduta” (e maledetta) della famosa opera del Machiavelli. E’ un uomo già profondamente amareggiato e frustrato dalla realtà in cui vive, mai temporalmente definita.

Il tomo, che egli trova tra le rovine di una città perduta, lo guida esotericamente verso l’incarnazione dello “statista definitivo, del dominatore ultimo”.
Egli riesce a conquistare il potere ed il controllo totale della Società, che riesce a plasmare seguendo le orme di uno spettrale e distopico Cesare Borgia. Si tratta del figlio illegittimo di Papa Alessandro VI nonché potente condottiero rinascimentale.

Nella persecuzione di un mondo utopico egli si ritrova in realtà a ricalcare le tappe gloriose ed infauste di tutte le altre grandi figure che hanno dominato la Storia prima di lui. Il protagonista, compie gesta terribili e si lascia ossessionare dalla ricerca di un Ordine che annulli il Caos dell’esistenza.

Sembra ormai una marionetta che agisce compulsivamente sotto lo sguardo e la volontà di qualcuno (o qualcosa) che siede ai margini della scacchiera cosmica. Finisce quindi per essere inghiottito dalla sua stessa grandezza, in un inferno finale in cui tutto ciò che ha costruito si rivela una mostruosità. Una dimensione che si accartoccia su se stessa facendo ripiombare la realtà nel Caos che le appartiene.

“XLIX”

Il disco è pertanto la storia archetipica e allegorica di un’ascesa al potere, epica e gloriosa, cui fa seguito una caduta rovinosa e inevitabile. Ognuna delle sette canzoni è legata a ciascuno degli aspetti principali che costituiscono la narrazione.

È un’opera da interpretare utilizzando varie chiavi di lettura (teologiche, sociologiche, esoteriche o psicologiche) che incorpora numerose citazioni e spunti grotteschi – una caratteristica che ha da sempre caratterizzato i testi dei Crawling Chaos.

Bio Crawling Chaos

I Crawling Chaos muovono i loro primi passi a Rimini, in Emilia-Romagna. Nel gennaio 2009 la band pubblica il suo primo EP autoprodotto, “Goatsuckers“. Sebbene il lavoro abbia ottenuto molte recensioni positive da parte dei media, questo è stato distribuito principalmente a scopo promozionale.

Negli anni seguenti, i Crawling Chaos si dedicano ancora più seriamente alla stesura di nuova musica. A dicembre 2012, la band registra il debut album “Repellent Gastronomy” presso i Domination Studios di Simone Mularoni. L’album è stato quindi pubblicato nel novembre 2013 tramite Memorial Records.

Sull’onda dei notevoli responsi ottenuti da “Repellent Gastronomy”, un’opera lodata da molte webzine metal internazionali, l’attività live della band decolla. Siamo tra il 2013 e il 2016, la band tiene dozzine di concerti in tutta Italia supportando gruppi internazionali. Li vediamo infatti al fianco di Suffocation, The Monolith Deathcult, Havok, Skeletonwitch, Hideous Divinity, Necrosy, Dark Lunacy e molti altri.

Solo nel 2019, la band è rientrata in studio per registrare il secondo album, “XLIX”, un concept ispirato al famoso libro di Machiavelli, “Il Principe”. Ancora una volta, il mixaggio è opera di Simone Mularoni.

Line up Crawling Chaos

Manuel Guerrieri – “MG” – Guitars, Vocals
Andrea Velli – “Shub” – Guitars, Backing Vocals
William Leardini – “Will” – Fretless Bass
Edoardo Velli – “Yog” – Drums.

Segui la band anche sui social:

facebook.com/crawlingchaosit
crawlingchaos.bandcamp.com

Time To Kill Records:

https://www.facebook.com/timetokillrecords/
https://www.timetokill-records.com/

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Sfonda il club, il nuovo singolo di 22&theMonkey

Sfonda il club

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Sfonda il club è il chiaro il messaggio del nuovo singolo di 22&theMonkey: liberarsi da ogni inibizione!
Si tratta di un brano forte e diretto in cui il rapper classe 92 mixa sonorità elettroniche a beat martellanti.

Crea così un sound elettrorap unico che ci trasporta direttamente dentro la calca del dancefloor! Non ha importanza dove, quando o con chi lo ascoltiate, il ritornello di Sfonda il club vi inietterà nelle vene del mood esclusivo di 22&theMonkey.

Conosciamo meglio l’artista:

Matteo Francesco Ventura in arte 22&theMonkey, nasce a Milano ed attualmente risiede in Abruzzo. Nel periodo adolescenziale scopre che la sua vocazione è la musica, ma solo nel 2010 entra a far parte nel suo primo team. Il progetto dura circa 8 anni in cui il gruppo si esibisce live in note località italiane.

Nel 2019 decide di proseguire il percorso musicale da solista con il nome d’arte 22&theMonkey. Nello stesso anno vengono pubblicati i suoi primi singoli. Il suo personale progetto ha dunque l’obiettivo di portare il rap nei club inserendo in tutte le produzioni nuove sonorità che richiamano il sound elettronico. Ma anche con testi che puntino alla musicalità delle parole, lasciando spazio a “punchline” e “flow”.

E’ il 2020 quando entra a far parte nel roster artisti dell’etichetta “Sorry Mom!” e da qui inizia il suo percorso professionale con la musica.

Ascolta Sfonda il club anche attraverso questi link:

Spotify: http://spoti.fi/3rbmhMl
YouTube: https://bit.ly/3cvFHHK
iTunes: http://apple.co/3cyb4kO
Deezer: http://bit.ly/3tb8F5H
Amazon: https://amzn.to/2MKjYAM

Instagram: https://www.instagram.com/22_themonkey_/
Facebook: https://www.facebook.com/22theMonkey

www.facebook.com/sorrymom.it
www.sorrymom.it

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/yWs8217rxrs” alignment=”” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” css_id=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

N I n a all’esordio per Volcano Records con REVENGE

N I n a

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

N I n a è il moniker dietro al quale si nasconde un’artista dotata di talento, ispirazione e straordinaria energia canalizzata in un nuovo progetto in arrivo con un full lenght il prossimo 16 aprile.

Il disco fonde le tinte oscure del metal con la potenza dell’alternative rock e la ricchezza timbrica dei sintetizzatori. Revenge, questo il titolo dell’album che uscirà a marchio Volcano Records & Promotion. Conterrà undici tracce prodotte da Marco “Dandy” D’Andrea e vedrà ad affiancare la splendida voce di Valentina Attanasio, in arte N I n a, la partecipazione come ospite d’eccezione di Giacomo Voli. Parliamo del frontman dei blasonati Rhapsody Of Fire.

“Revenge è vendetta, passione, sogni, speranza, sudore. È il passaggio dall’adolescenza all’età adulta. È il racconto di sensazioni, emozioni, delusioni, conquiste e vittorie. E’ Rinascita” come commenta l’autrice del disco.

Volcano Records & Promotion rende però oggi noti titoli dei brani che conterranno il disco Revenge e la copertina dell’album, in attesa di svelare altre anticipazioni prima dell’uscita ufficiale ad aprile.

Tracklist:

1. Look @ Yoursel
2. I Want It Now (feat. Giacomo Voli)
3. Another Heart
4. Via
5. Why Do You Like?
6. Ballad In Love
7. Cry Me A Rive
8. Belong
9. My Tattooed Heart
10. Sedile Passeggero
11. Making Mistakes

Per maggiori informazioni su N I n a

www.volcanopromotion.com
www.facebook.com/ninamusiqueartist

[/fusion_text][fusion_imageframe image_id=”7032|full” max_width=”” style_type=”” blur=”” stylecolor=”” hover_type=”none” bordersize=”” bordercolor=”” borderradius=”” align=”center” lightbox=”no” gallery_id=”” lightbox_image=”” lightbox_image_id=”” alt=”” link=”” linktarget=”_self” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=””]http://www.rockmylife.it/wp-content/uploads/2021/02/N-I-n-a-Volcano-Records.jpg[/fusion_imageframe][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]