Arancio, il nuovo lavoro di Mike Orange raccontato dall’autote in questa intervista

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Arancio è il titolo dell’ Ep del cantautore lombardo Mike Orange. Dopo averne parlato sulle nostre pagine e averne pubblicato la recensione, abbiamo deciso di farcelo raccontare meglio proprio dal suo stesso autore.

Ciao Mike, benvenuto sulle nostre pagine, anzi, bentornato! Perchè qui in redazione abbiamo avuto il piacere di ascoltare in anteprima il tuo nuovo lavoro “Arancio”. Così a caldo, a poche settimane dall’uscita dell’EP come ti senti? Sei soddisfatto della risposta di pubblico?

Ciao a tutti voi di nuovo! Si, “Arancio” è uscito da poco ed è come se mi fossi liberato di un segreto che avevo voglia di condividere con tutti. Molti amici mi hanno chiamato per darmi le loro impressioni, devo dire la maggior parte positive. Anche le recensioni mi hanno colpito. Sono un po’ sorpreso devo dire, l’esigenza di fare questo disco è arrivata da me e in quel momento non pensavo alle conseguenze. Mi piace che abbia preso vita in altre mani.

Questo EP è il tuo primo lavoro da solista. Ci sono riflessioni molto profonde e stati d’animo che forse abbiamo provato un po’ tutti. Cosa ti ha fatto sentire l’esigenza di esprimere la tua musica in un progetto solista?

Un paio di anni fa andavo parecchio in giro a suonare con uno dei miei progetti (i SOCS) e sentivo di aver bisogno di nuovi stimoli. Così ho provato a registrare a casa quello che mi veniva in mente e improvvisamente avevo in mano una decina di canzoni. Le ho fatte sentire a un po’ di amici con cui abbiamo cominciato a suonarle ed eccomi qua. Credo che l’esigenza principale fosse data dal bisogno di esprimermi in modo diverso, con parole diverse.

Come titolo hai scelto Arancio, un colore che richiama la tranquillità e la serenità interiore, così come i colori scelti per l’artwork. Ovviamente c’è anche un riferimento al tuo nome, Mike Orange. Quanto ti appartiene questo colore e quello che rappresenta?

Il titolo l’abbiamo scelto per queste ragioni: volevamo un titolo in italiano che rappresentasse il concept di questo EP. E quindi ci sembrava giusto chiamarlo come me, è la mia versione della storia. Dopodiché, lavorando alla copertina con un mio amico artista, Giorgio Barbieri, abbiamo realizzato che potevamo identificare questo viaggio dentro me stesso, alla ricerca di un equilibrio creativo e personale, appunto, con il colore arancio. Di nome e di fatto!

In questo EP è molto bello il gioco di sensazioni che si creano tra i testi molto introspettivi e un sound pulito, diretto, senza sovrastutture. E’ un po’ come leggere un racconto con la colonna sonora giusta in sottofondo che accompagna le emozioni. Quanto c’è del tuo quotidiano in questi testi?

Moltissimo, quello che mi senti cantare è realmente successo o prende spunto dalla mia realtà quotidiana. Credo sia importante esprimersi in questi termini, ognuno di noi è legato all’altro dal filo delle esperienze comuni e partire da se’stessi è l’unico modo per mettersi a confronto. Per rendere condivisibile e manifesto un pensiero. Volevo fare un disco di piccole cose, per poi farne una riflessione più generale.

Ogni brano di Arancio, racconta uno spaccato di vita, qualcosa che in qualche modo abbiamo vissuto o stiamo vivendo anche noi. A quale di questi brani sei più legato e quale ti somiglia di più?

La canzone che mi piace di più di questo disco è Mare, per l’evoluzione che ha avuto. Inizialmente era molto rock. Poi l’abbiamo rimaneggiata molte volte per cercare quella leggerezza necessaria al brano. E’ stato sorprendente vederla crescere, ogni volta che si inseriva uno strumento bisognava cambiare tutto l’arrangiamento. Il risultato è una sintesi di dettagli, sensibilità e visioni diverse, ci siamo tutti noi del gruppo. Il brano che mi rappresenta di più invece è Kamikaze, che è una storia da loser di provincia, come mi sento io.

Parliamo del video che ha anticipato l’uscita del disco: Segrate. Qui ti vediamo protagonista in una versione reale e nell’altra cartoon, tra il traffico cittadino e la fredda tristezza di una stazione in attesa di salire su una corsa Trenord. Ci racconti questa attinenza tra città e conflitto interiore?

La città di per sé è conflitto interiore, se ci pensi lo stesso posto può essere pieno di vita ad una certa ora del giorno e desolato in un altro momento. C’è sempre quella tensione per cui uno può vivere la città come meglio crede. Per uno come me, abituato a vivere in una piccola città con gli stessi riti, le stesse persone, gli stessi contesti, questa è una possibilità straordinaria.

Allo stesso tempo anche io vivo un conflitto simile: vivere in città con tutta la sua velocità, lo stress o rimanere in provincia, dove è sempre tutto uguale ma anche molto rassicurante? Non ho ancora una risposta.

C’è ancora una cosa che vogliamo chiederti prima di salutarti. In questo momento così difficile e particolare per la musica e i musicisti che rapporto ha Michele Arancio con Mike Orange? Andate d’accordo? Grazie per il tempo che ci hai dedicato e per aver condiviso con noi la tua musica, e ovviamente in bocca al lupo per i tuoi progetti.

Per me Mike Orange è un amico che incontri dopo tanto tempo e non sembra passato un giorno. In fondo è la parte di me con cui ogni tanto faccio i conti per capire che direzione voglio prendere. In questi giorni un po’ particolari mi piacerebbe togliermi gli occhiali di Michele per essere Mike e andare in giro a fare concerti. Ma credo che per un po’ dovrò abituarmi alla convivenza in casa. Andiamo d’accordo ma ogni tanto mi fa incazzare, svela tutte le parti più nascoste di me. Grazie a voi dell’intervista, speriamo di risentirci presto.

Cover art: a cura di Giorgio Barbieri.

Foto promozionali: Federica Roselli.

Per Arancio hanno suonato:

Mike Orange (voce), Giangiorgio Giallo (batteria), Simone Mazzola (basso), Alberto Ubbiali (chitarre elettriche e soliste), Dario Sorano (tastiere).

Resta in contatto con Mike Orange:

FB: https://www.facebook.com/mikeorangeita/
IG: https://www.instagram.com/mikeorange85/
YT: https://www.youtube.com/channel/UCH5WGITclMXEAwnAhohWrpw
Spotify: https://open.spotify.com/artist/6BqJWSPvWrgblkRSP9pK2G?si=nda1pqxBSxGS3LuRztLDrg

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
By |2021-03-15T16:05:04+00:00Marzo 15th, 2021|Brand New Rock, Musica Rock, Rock News|