2050, la nostra recensione sull’ Ep d’esordio di Branco

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Raccontare 2050 è un’impresa da coraggiosi. Perché dentro ogni pezzo, in una manciata di minuti c’è dentro tutto un mondo che talvolta può far male scoprire.

Per raccontare questa storia partiamo dall’inizio. Dal giorno in cui per una serie di eventi Filippo Alessio si trova a poche settimane dalla partenza per gli USA e la vita gli ha cambiato tutte le carte in tavola.

Ed è sempre così che accade l’impossibile, accade che Filippo tira fuori tutto qullo che ha nell’anima. Che tira fuori tutto ciò che si sente cucito addosso da una vita. Lo trasforma in canzoni, melodie, testo e in un’idea ben precisa che porterà a Los Angeles e che diventrà Branco.

Passano giorni e notti in cui come in una visione premonitrice di ciò che sarebbe avvenuto di lì a pochi mesi, nascono i primi tre testi quasi surreali.

Ed è per questo che probabilmente dovremmo ascoltare questo Ep partendo proprio dalla title track 2050. Un video girato in una città deserta, quella del lock down, quando tutti vivevamo come in un film di fantascienza e quella era una realtà che facevamo fatica ad accettare.

Nessuno potrà mai dimenticare quei momenti terribili, in cui la vita era appesa ad un filo. In cui ogni giorno c’era qualcuno che lottava per poter guardare al futuro.

Have you seen at the world who won’t surrender?
Can you feel their rage beyond the glass?
They will cross the line of the border, looking for their promised land

Ma la cosa incredibile è che questo testo è stato scritto mesi prima che la pandemia cambiasse per sempre le nostre vite. Ed è forse per questo che poi l’intro dell’Ep è stato affidato ad un brano che porta una data emblematica: 2020.

la traccia si apre con delle sirene, il suono che ha fatto da colonna sonora a quell’anno terribile che noi tutti ricorderemo per sempre. Voci e suoni che si susseguono in un crescendo talvolta angosciante. L’angoscia si placa soltanto con le note del pianoforte e gli elementi elettronici che emergono in background. Un cuore che batte sempre più forte fino ad entrarci dentro come se fosse il nostro. Ma forse lo è davvero….

Tra 2020 e 2050, tutto un vissuto da raccontare ancora. Dopo la paura, l’angoscia, l’incertezza del domani, viene alla luce la parte più sommersa delle persone. Quella che pesca nel fango, quella che nelle situazioni più estreme può tirare fuori il peggio dell’essere umano. Ed è quello che racconta Branco in Flockʼs Run.

Sitting on your butt in your dimension until the grave
watching all the shit you’ve got around you, who will you blame?
you better wash your tongue before, you better think a little more on your
tomorrow
no matter what you think your problems are.

In questo racconto così denso di emozioni e sensazioni trova posto McCandless Syndrome. E la nostra mente fa un balzo indietro nel tempo alla storia di Chris McCandless. Noi tutti lo ricordiamo come il protagonista di IntoTthe Wild. Un determinato giovane che rifiuta le comodità e le convenzioni della vita borghese per cercare qualcosa di autentico e rimanere così connesso alla realta.

You feel so lonely and it’s cold tonight.
It seems that nothing gives you strength to fight.
And it’s surreal that you’ve tried that thrill and donʼt regret for nothing.
But if you think to heal the wounds of world’s mistakes
You canʼt pretend that nothing moves and nothing breaks,
it’s a seam you should try to tear, you’ll regret for nothing.

2050 sono i 17 minuti  forti ed intensi che tutti dovremmo ascoltare. Non solo per la bellezza degli arrangiamenti, delle melodie e degli elementi così diversi che si fondono tra loro in perfetto equilibrio. O perché questo disco è stato registrato presso gli Steakhouse Studios ad Hollywood. E neanche perché è il primo lavoro interamente progettato, scritto e prodotto dallo stesso Branco.

2050 è un disco da ascoltare per capire chi siamo davvero quando siamo soli, quando abbiamo paura, quando l’istinto di sopravvivenza viene fuori per non farci impazzire. Ad un certo punto dobbiamo davvero decidere se rimanere nel buio e farci mangiare dalla parte più aggressiva di noi stessi oppure reagire. Scegliere di alzare la testa e permettere alla parte migliore di noi di guradare avanti.

Metti su le tue cuffie e schiaccia Play adesso.

Tracklist 2050

1. 2020
2. Flock’s Run
3. McCandless Syndrome
4. 2050.

Segui Branco a questi link

www.volcanopromotion.com
www.facebook.com/branco.music.official
https://www.instagram.com/brancomusic.official/

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
By |2021-03-25T15:35:51+00:00Marzo 25th, 2021|Brand New Rock, Musica Rock, Rock News|