A piedi Scalzi, il nuovo video del giovane cantautore Guglielmo!

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

A piedi scalzi è il nuovo singolo del cantautore toscano Guglielmo. Si tratta di una canzone autobiografica, parla dell’overthinking e dell’instabilità mentale che ti crea. Pensi fino ad impiccarti coi tuoi stessi pensieri. Dei macigni sempre più pesanti e difficili da portare con sè, ti portano via il sonno e prendono forma sotto uno strato di nebbia che ti separa dal mondo che ti circonda.

La chitarra solista di A piedi scalzi è stata registrata da Giacomo Pianigiani, al basso Jacopo Pettini, alla batteria Niccoló Maggi. Il mix e il master è stato curato da Alessandro Guasconi. L’arrangiamento invece è a cura dello stesso Guglielmo con il fondamentale aiuto di Jacopo Pettini, che ha anche registrato alcune parti di chitarra assolo compreso.

Ecco chi è Guglielmo

Guglielmo Fineschi è un cantautore di 25 anni. Prende ispirazione da varie sfumature del rock (nello specifico grunge, punk-rock) e dal mondo del cantautorato. Si esibisce all’interno di vari gruppi rock e da solista in esibizioni live dal 2015 al 2019.

Dal 2019 si concentra solo sull’incisione dei propri brani. Nel 2020 pubblica due brani tramite l’etichetta Brano inedito. Si tratta di: Rivoluzione Naturale e Iniezioni di solitudine. A fine ottobre del 2020 firma poi con l’etichetta Ghiro Records con la quale il 15 Gennaio pubblica Mi sono rotto il caos. (Leggi il nostro articolo QUI).

A piedi scalzi – testo

Già da bambino odiavo la normalità
Arrampicandomi sui tetti ammiravo la città
Adesso Crolla tutto e non so dove aggrapparmi..
Il cervello che scricchiola perché pieno di tarli

Non chiudere mai occhio Non riuscire a riposare
pensieri che tornano, ansie che ritornano
Pugno allo specchio per nascondere il disprezzo
La vita m’ha portato il conto indicando il prezzo!

Poco attento, corpo spento (spento sussurrato ,
uso abuso della mente con la quale mi tormento
confusione dentro e fuori
Sorridi a chi incontri all’interno muori.

Alti e bassi
prima su dopo giù come sassi
Passi falsi
Da sempre fatti a piedi scalzi.

Desidero conoscere la faccia del silenzio
la cella come premio solo se d’isolamento
Lasciate ogni pensamento, o voi che entrate
le scarpe fuori grazie le potreste sporcare.

Schiavo del pensiero Di non trovar lavoro
trovarlo da precario un salario mal pagato
le tasse in arretrato tanti Minions in senato.

Nel frattempo piano piano aumentano il divario
Ora smetto, ho poco tempo
Da fuori non si vede perché erodo dall’interno
Sto a distanza per tenerli al sicuro.

Io contro me tra una nube di fumo
Alti e bassi
prima su dopo giù come sassi
Passi falsi
Da sempre fatti a piedi scalzi.

Alla bocca dello stomaco si è formato un nodo
Fatico a respirare sento che affogo
Inspiro ed espiro mi concentro non mi muovo
A chi non attrae il brivido del vuoto.

Alti e bassi
prima su dopo giù come sassi
Passi falsi.
Da sempre fatti a piedi scalzi
Alti e bassi
prima su dopo giù come sassi
Passi falsi
Da sempre fatti a piedi scalzi.

Credits brano:

Chitarra solista: Giacomo Pianigiani
Scritta e composta da Guglielmo Fineschi
Video: Clizia Corti
Drums: Niccolò Maggi
Mix e Master: Virus Studio (Alessandro Guasconi)
Bass and electric guitars: Jacopo Pettini.

Guglielmo, link e social:

FB: https://www.facebook.com/sonoguglielmo
IG: https://www.instagram.com/sonoguglielmo/
SF: https://open.spotify.com/artist/46TeooFWFoIzWSgFLyCZZA?si=40Liq1OETNyEoyYx7IrMAA
YT: https://www.youtube.com/channel/UCU1fAzM4VEajBuckz4uotcA

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
By |2021-04-18T15:38:17+00:00Aprile 18th, 2021|Brand New Rock, Musica Rock, Rock News|