Nostalgia, l’album di debutto di UMI, ecco la nostra recensione

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Nostalgia è il titolo dell’ album di debutto di UMI, progetto metal strumentale ideato dal chitarrista senza volto, del quale prende il nome. Il disco è disponibile in streaming e in digitale dal 30 Settembre scorso e vede la partecipazione straordinaria alla batteria di Federico Paulovich (Destrage).

Nostalgia è un lavoro concepito e realizzato per esprimere al meglio le sensazioni di UMI e per farle comprendere a chiunque lo ascolti, ed arriva dopo la pubblicazione dei singoli “Voices” e “Memory’s Forest”.

Dal racconto dell’autore apprendiamo che i brani nascono durante un periodo difficile, quello del primo lockdown. Come per molti, il periodo rappresenta uno stato d’animo depressivo. Da una parte la voglia di rifugiarsi in un posto sicuro, rappresentata dalle parti più melodiche della sua scrittura. Dall’altra, la voglia di scappare, di uscire e sentirsi liberi, rappresentata dalle sonorità più heavy.

Ascoltiamo il disco

I brani partono per lo più da elementi della natura e ne catturano sia la forza che il potere rassicurante. Il disco si apre infatti con Distant Sea, che culla l’ascoltatore tra le onde del mare con sonorità fluide e melodiche. Troviamo un perfetto equilibrio tra gli strumenti che qui non prevaricano mai gli uni sugli altri. Un ascolto coinvolgente e piacevole.

Arriva immediatamente un brano più forte dai tratti decisamente più movimentati. Memory’s Forest è il brano più rappresentativo del concept del disco. Tutto cambia all’improvviso, e gli stati d’animo sono descritti al meglio attraverso i cambi tempo che troviamo nei 3.33 minuti della traccia.

Voices si apre con un evocativo intro di chitarra accompagnato da un tappeto di voci sussurrate in background. E’ proprio questa l’idea dell’autore, quelle famose vocine nella testa che scompaiono non appena entrano in gioco gli altri strumenti. Un brano ricco di elementi molto diversi tra loro e sonorità spesso stridenti e controverse.

Non poteva mancare una traccia in cui la chitarra di UMI fosse l’assoluta protagonista del racconto. Nostalgia in fondo è fatta anche di questo. Lonely Night parla di notti insonni, passate in solitudine in cui ognuno trova il suo modo per tirare fuori il mostro nero che ci mangia da dentro. L’autore lo fa con un solo di un minuto e mezzo intenso e tagliente.

Nelle notti insonni passate in solitudine si pensa anche all’amore. Il racconto prende man mano una piega più amara e ruvida da metà brano in poi. Qui il dialogo con se stessi si riflette in quello tra gli strumenti che creano dinamicità e coinvolgimento nell’ascoltatore.

Nostalgia è un continuo alternarsi di parti melodiche e tipici elementi heavy metal. Un altro brano molto eterogeneo è Invisible. Una visione onirica dell’autore che riflette la sensazione di sentirsi invisibile tra la folla eppure così al sicuro ed in pace con se stesso.

Il lavoro di UMI si conclude con una traccia dal titolo Lost. Alla fine di questa narrazione strumentale in cui la musica rievoca gli stati d’animo più dolorosi, si apre una luce di felicità. C’è il ricordo, la malinconia ma anche la speranza. Ed è proprio quello di cui si alimenta la Nostalgia.

Dopo questo viaggio introspettivo nell’animo del chitarrista senza volto possiamo dire di aver vissuto un’esperienza di ascolto molto particolare. Siamo certi che l’intento dell’autore fosse proprio questo, dare alla musica e alle emozioni il posto principale.
Del resto, ognuno di noi ha dentro una melodia da ascoltare.

Ascolta il disco QUI

Tracklist

Distant Sea.
Memory’s Forest.
Voices.
Lonely Night.
Hollow Love.
Invisible.
Lost.

Credits Nostalgia:

La composizione dell’intero disco è di UMI. Studio di registrazione RecLab Studio (Milano). Produzione, mix e master di Larsen Premoli. Chitarra: UMI; basso: Loris Bersan; batteria: Federico Paulovich; tastiere: Larsen Premoli.

Segui UMI attraverso gli spazi ufficiali:

FB: https://www.facebook.com/umimusicproject

IG: https://www.instagram.com/umi__official_/

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
By |2021-10-05T09:40:07+00:00Ottobre 5th, 2021|Brand New Rock, Rock News|