Volbeat svelano il video di “Shotgun Blues”

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Volbeat, la band danese multiplatino, svela il nuovo video di “Shotgun Blues”. Il singolo estratto dall’imminente ottavo album, “Servant of the Mind” (Universal, 3 dicembre). Il video è diretto da Adam Rothlein e prodotto da by Ghost Atomic Pictures, qui.

La band ha di recente pubblicato “Becoming”, la quarta canzone tratta da “Servant Of The Mind”.  Brano preceduto da “Shotgun Blues” e dalla doppietta estiva “Wait A Minute My Girl” e “Dagen Før (feat. Stine Bramsen)”. La prima delle quali è il nono singolo del gruppo a raggiungere il numero uno nella classifica Billboard Mainstream Rock.

Per “Servant of the Mind” Volbeat coinvolgono Michael Poulsen (chitarra/voce), Jon Larsen (batteria), Rob Caggiano (chitarra) e Kaspar Boye Larsen (basso). Portano così il proprio caratteristico suono heavy metal, psychobilly e punk ‘n’ roll ad un livello superiore. Mettono infatti in luce l’acuta capacità di Poulsen di scrivere canzoni e raccontare storie.

Il nuovo disco sarà disponibile come standard CD, 2LP vinile deluxe (in diverse varianti in edizione limitata) e una edizione digitale deluxe. I preordini dell’album sono qui.

Ecco cosa racconta Poulsen:

Ho scritto l’intero disco in tre mesi. Mentre ero a casa, stavo bene ed ero di buon umore… Ci sono un sacco di caratteristiche dei Volbeat in esso. Se si torna al primo disco e lo si paragona a dove siamo ora, è possibile sentire come la band abbia sviluppato il suo stile, pur mantenendo la propria firma sonora.

Altre canzoni dell’album tessono racconti intricati e affascinanti. “The Sacred Stones” racconta la storia di “un essere terreno che si è affidato al lato oscuro. È in missione, parla alle forze più oscure e agli angeli caduti”. D’altro canto, “The Devil Rages On” guarda all’idea del diavolo che prende forma umana.

La canzone di apertura dell’album invece, “Temple of Ekur” ritorna ai temi antichi esplorati in brani del passato come “The Gates of Babylon”. Mentre l’epica chiusura del disco “Lasse’s Birgita” parla della storia dei primi roghi di streghe avvenuti in Svezia nel 1471.

Con una carriera ventennale alle spalle, i Volbeat hanno condiviso il palco con leggende come Black Sabbath, Metallica, Motörhead, Slipknot, Megadeth, Anthrax e altri. Hanno raggiunto quasi tre miliardi di streaming nel corso della loro carriera. Hanno inoltre ottenuto una nomination ai Grammy nella categoria Best Metal Performance per “Room 24 (feat. King Diamond)”. Canzone tratta dall’acclamato disco d’Oro Outlaw Gentlemen & Shady Ladies del 2014, e si sono aggiudicati diversi Danish Music Awards.

Senza riposare sugli allori, il loro prossimo album Servant of the Mind, che è stato scritto e registrato durante il lockdown e la quarantena resi necessari dalla pandemia COVID-19, è introspettivo ma non è meno rumoroso o trascinante dei lavori precedenti.

Volbeat in Tour:

I Volbeat hanno anche annunciato il loro tour del 2022 da co-headliner con i Ghost e gli ospiti speciali Twin Temple, che toccherà città come Seattle, Denver, Chicago, Houston e Phoenix. I biglietti del tour, co-prodotto da Live Nation e Frank Productions, sono disponibili qui. Pacchetti VIP limitati sono disponibili anche su volbeat.dk.

Da quando si sono formati nel 2001, i Volbeat sono passati dai club di Copenaghen ai palchi di tutto il mondo. Compreso il famoso stadio Telia Parken in Danimarca dove hanno registrato il tutto esaurito, come primo artista nazionale.

Nel corso di sette album da record, la band ha collezionato canzoni da numero uno. (Tra cui nove #1 nella classifica US Mainstream Rock), certificazioni multi-platino, premi e riconoscimenti in tutto il pianeta.

Il loro ultimo album, Rewind, Replay, Rebound, è uscito il 2 agosto 2019 e da esso sono stati estratti i singoli di successo “Last Day Under The Sun”, “Die To Live (feat. Neil Fallon)” e “Leviathan”.

Un album dal vivo con canzoni registrate durante il successivo tour mondiale, Rewind, Replay, Rebound: Live in Deutschland, è uscito in digitale il 27 novembre 2020.

Più recentemente, hanno contribuito con una cover di “Don’t Tread on Me” a The Metallica Blacklist, e tutti i proventi del brano sono stati donati in beneficienza a All Within My Hands Foundation e alla danese Børne Cancer Fonden.

SERVANT OF THE MIND Standard Edition Tracklist:

1. Temple of Ekur.
2. Wait A Minute My Girl.
3. The Sacred Stones.
4. Shotgun Blues.
5. The Devil Rages On.
6. Say No More.
7. Heaven’s Descent.
8. Dagen Før (feat. Stine Bramsen).
9. The Passenger.
10. Step Into Light.
11. Becoming.
12. Mindlock.
13. Lasse’s Birgitta.

Deluxe 2 CD/2 LP e Digital Deluxe Bonus Tracks:

14. Return To None (Wolfbrigade cover).
15. Domino (The Cramps/Roy Orbison cover).
16. Shotgun Blues (feat. Dave Matrise from Jungle Rot).
17. Dagen Før (Michael Vox Version).

Segui Volbeat attraverso gli spazi ufficiali:

http://www.volbeat.dk/us/
http://www.facebook.com/volbeat
http://www.twitter.com/volbeat
https://www.instagram.com/volbeat/
http://www.youtube.com/user/VolbeatVEVO

Volbeat cover
Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
By |2021-11-12T08:35:50+00:00Novembre 12th, 2021|Brand New Rock, Rock News|