Black Snake Moan

Black Snake Moan è una one man band psych blues, progetto di Marco Contestabile. Il cantante, chitarrista e compositore ha reso disponibile dallo scorso 8 Giugno Revelation & Vision. Noi abbiamo fatto qualche domanda a Marco per scoprire qualcosa in più sul progetto.

Ciao Marco, benvenuto sulle nostre pagine. Parliamo subito del tuo nuovo lavoro “Revelation & Vision”. Un vero e proprio viaggio sonoro attraverso un percorso di rivelazioni notturne e visioni profetiche. Raccontaci meglio questa tua dimensione onirica.

Ciao a tutti gli amici di Rock My Life “Revelation & Vision” sono due brani complementari. Rivelazione che genera visione, la visione che rivela nuove dimensioni da vivere. E’ un percorso che segue un flusso di coscienza. Un auto-ascolto interiore che evoca sensazioni che nella realtà non compaiono per ciò che sono.

E’ una visione di un mondo parallelo nel quale viaggiare e immergersi. La propria fantasia che si fonde a suggestioni e ispirazioni che inevitabilmente ci segnano. Come ogni, pensieri, esperienze trascendentali o semplicemente vivere la propria emotività. Ho voluto dare un senso ad un momento molto particolare, rivelazione e visione di uno stato d’animo.

La stasi di un determinato sentimento, la ricerca costante del proprio obiettivo seguendo il miraggio all’orizzonte. La poetica del viaggio nel Deserto rappresenta il concetto di perdersi e di ritrovarsi. Ed anche la ricerca incessante di nuove risposte e luoghi da esplorare.

La tua musica è fortemente caratterizzata da elementi che stanno a metà tra il culto ed il mistero. Senza dubbio frutto della cultura delle terre Etrusche in cui sei nato e cresciuto. Quanto è forte per te il legame con con questi elementi?

La mia musica è fortemente caratterizzata da elementi di culto e mistero, il blues e la psichedelia evocano questa percezione. Mi piace molto enfatizzare artisticamente questo simbolismo e concetto esoterico del viaggio che si fonde con la mia musica. Che descrive i luoghi dai quali provengo, è una proiezione di una visione.

Il legame con questi elementi è fondamentale ed emerge costantemente in ogni luogo che vivo della mia terra. E’ una connessione spirituale, un nuovo modo di comunicare ed esprimere le proprie visioni e realtà che ognuno di noi vive. Un linguaggio artistico e spirituale che percorre le strade della storia e anche del presente che viviamo oggi, come un linguaggio di evasione perdendomi nel tempo e nello spazio.

Le sonorità Rock Blues che si fondono con il metafisico creano una dimensione diversa che porta l’ascoltatore a scavare dentro se stesso. Qual è il messaggio delle tue canzoni e della tua musica?

Le sonorità rock blues rappresentano la mia attitudine alla musica e alla vita. Sicuramente è una dimensione personale che mi garantisce una stato di tranquillità e stimolo per il mio flusso creativo. un processo di riflessione e meditazione. Il messaggio delle mie canzoni è di lasciarsi andare, di prendersi il proprio tempo e viaggiare dentro se stessi.

Seguire una strada, la propria via; è importante perdersi e ritrovarsi. Mi piace suonare e lasciare un messaggio che non rappresenti a tutti la stessa cosa, la stessa sensazione. Non devo descrivere nulla se non una esperienza, un sogno, una riflessione, un luogo che mi rappresenta.

Black Snake Moan è una One Man Band. Non è semplice destreggiarsi (così bene) con tutti gli strumenti e riuscire a farli andare tutti d’accordo in un unico progetto. Il fatto di scrivere la tua musica e suonare batteria, chitarra e tastiere rende i tuoi lavori molto più personali? Come nasce questa idea?

Suonare simultaneamente più strumenti è stato sempre molto divertente e stimolante, ho iniziato con la batteria e con il canto. Poi successivamente la chitarra e il resto dei strumenti che uso per arrangiamenti o tappeti sonori. Il progetto Black Snake Moan nasce dall’esigenza di intraprendere un nuovo percorso artistico solista “monobanda”.

Suonando più strumenti simultaneamente rappresentando concettualmente l’idea sonora di una band. L’idea è di esprimere tutto ciò che mi rappresenta e che mi descrive. Suonare ciò che sono, focalizzare le mie principali vocazioni sonore come il Delta Blues e Rock Psichedelico e Desert Rock. Ho cominciato a suonare la chitarra grazie al Delta Blues tradizionale anni 30.

Rimasi affascinato dal mondo misterioso, oscuro e viscerale del Blues primordiale, connesso inevitabilmente alla Psichedelia. La voglia di sapere di più sulle origini così antiche, mi ha portato a documentarmi e mi sono perso nel mistero del Blues. Ma anche dei suoi leggendari protagonisti, riproposti poi negli anni 60 fino ad oggi.

I tuoi lavori sono sempre un percorso onirico, una profonda mutazione interiore, un completo risveglio del proprio spirito. La figura del serpente è ricorrente sia nel nome del progetto che nelle grafiche. Perché proprio il serpente?

La figura del serpente è ricorrente perchè rappresenta molti simboli spirituali che rispecchiano la mia musica. Dal risveglio, il legame con la vita provenendo dalle profondità della terra. Vive in armonia con ogni sua vibrazione energetica ed è il simbolo della saggezza, considerato anche il simbolo della conoscenza.

Poiché dall’oscurità riemerge verso la luce, pace interiore e consapevolezza. E’ un animale misterioso, custode di segreti che narrano antiche energie terrestri che scorrono e si concentrano nel potere dello spirito. Un animale antico e molto affascinante, simbolo di molte religioni e del peccato della tentazione.

Ha moltissimi significati e lo associo ad un mutamento interiore psichedelico e potente, profondamente misterioso. Ha evocato molte mie sensazioni anche come referenza del rock del panorama psichedelico anni 60. Mi piace interpretare così la figura del serpente, connessa al mio genere musicale, dal significato arcano che tramanda dall’antichità.

Ancora una domanda su Revelation & Vison. Tu dichiari che “i brani di questo mio ultimo 45 giri, non possono essere scissi e distinti dalla solita separazione tra lato “A” e lato “B”. E questo perché, in realtà, entrambi scaturiscono da un unico momento creativo”. Puoi approfondire questo concetto?

Ho deciso di rappresentare la fotografia di un determinato momento rendendo omaggio al doppio singolo “Revelation & Vision”. Poiché rappresentano la stessa tematica proiettata in luoghi differenti. La scelta “commerciale” di pubblicare un 45 giri nasce dalla passione di questo formato.

Dalla volontà di rendere omaggio alla produzione analogica dei vinili, che adesso, fortunatamente, stanno anche tornando di moda. I due singoli nascono durante una sessione di registrazione in studio e sono stati realizzati e scritti lo stesso giorno. Ecco perchè credo che non possono essere divisi, ragione per la quale ho voluto produrli insieme senza ulteriori tracce.

(Leggi anche questo articolo)

Vogliamo salutarti con un’ultima domanda. Quale viaggio spirituale, metafisico o tangibile ha intrapreso in questo momento Black Snake Moan?

Il vero viaggio spirituale di Black Snake Moan è l’auto-ascolto. La volontà di perdersi e ritrovarsi seguendo il proprio istinto e la propria creatività che ha sempre portato alla realizzazione di esperienze davvero belle e indimenticabili. Sono in un momento di riflessione e di crescita personale, è proprio questo il bello. Non smettere mai di sognare e di esprimersi, seguendo il proprio flusso. “Ride The Snake”…

Segui Black Snake Moan attraverso i link:

Facebook: https://www.facebook.com/BlackSnakeMoanOMB/
Spotify: https://open.spotify.com/artist/7b9uHpzuGRqYEwWRnzww2j?si=wwgQspByRhObeTfLkzIj0w
Instagram: https://www.instagram.com/blacksnakemoan_omb/
Bandcamp: https://blacksnakemoan-omb.bandcamp.com

Recommended Posts