Fragments of Sorrow, nuovo video Going Under

Fragments of Sorrow

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

I Fragments of Sorrow sanno che Jeans attillati, tanti capelli e capannoni abbandonati che sparano fiamme, sono la ricetta perfetta per un video Metal/Hardrock 80’s vibe. E’ anche il trattamento migliore per questo singolo Going Under.

Riff potenti e voci melodiche che saltano dai ringhi gutturali a strilli acuti, Going Under unisce perfettamente due epoche della musica.

“Per Going Under abbiamo voluto mischiare sonorità che richiamassero. Il passato con il sound tipico del Metalcore moderno, l’idea era di essere nostalgici senza perdere la grinta del Rock e del Metal”

aggiunge poi Dave Birmingham, cantante dei Fragments of Sorrow:

“Il testo e il concept della copertina si fondono alla perfezione, è il concetto allegorico del perdersi nel deserto, un posto insidioso come alcuni periodi che attraversiamo nella nostra vita. Il testo racchiude la volontà di redenzione nei momenti difficili, cercando la giusta strada da percorrere”

Resta In Contatto Con La Band:

IG:  https://www.instagram.com/fragmentsofsorrowofficial/

FB: https://www.facebook.com/fragmentsofsorrow

[/fusion_text][fusion_imageframe image_id=”6636|full” max_width=”” style_type=”” blur=”” stylecolor=”” hover_type=”none” bordersize=”” bordercolor=”” borderradius=”” align=”center” lightbox=”no” gallery_id=”” lightbox_image=”” lightbox_image_id=”” alt=”” link=”” linktarget=”_self” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=””]http://www.rockmylife.it/wp-content/uploads/2020/12/DSCF0896.jpg[/fusion_imageframe][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container][fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_youtube id=”/XMgkpQiXNk8″ alignment=”” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” css_id=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Saxon – Denim And Leather – 1981

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

Denim and leather (Denim e pelle) è un singolo dei Saxon, che da il nome al loro quarto album, pubblicato il 5 ottobre del 1981.

l disco venne realizzato dopo un lungo  tour che porto il gruppo fino in Giappone. A causa della calorosa accoglienza raccolta ai concerti, i Saxon decisero di dedicare l’album ai loro fan.  Il disco è inoltre l’ultima prova in studio con Pete Gill, fuoriuscito poco prima dell’inizio della tournée di supporto.

 

I Saxon sono popolari in quegli anni proprio per una sorta di identificazione della classe operaia nella loro musica, grazie anche ai loro testi in cui si parla proprio delle proteste per le decisioni politiche in quegli anni.

In questo brano i Saxon ci fanno una serie di domande retoriche su dove eravano nel 1979, quando tutto è iniziato, quando “la diga ha iniziato a cedere”, quando il “i jeans denim e le giacche di pelle ci hanno fatto riunire”

Dove eri nel ’79
quando la diga ha iniziato a cedere
Ci stavi dando un’occhiata
giù al concerto del paese
Eri vestito in denim e pelle?
Sei corso in prima fila?
Hai fatto la fila per il tuo biglietto
con il freddo e la neve

Denim e pelle
ci hanno fatto riunire
Eri tu che liberavi gli spiriti
Denim e pelle
ci hanno fatto riunire
Eri tu che liberavi gli spiriti

Hai letto i giornali musicale
dalla prima all’ultima pagina?
Hai scoperto dove
vedere la tua band preferita
Ascoltati la radio ogni venerdì sera?
Frequentavi il negozio di dischi sotto casa?

Denim e pelle
ci hanno fatto riunire
Eri tu che liberavi gli spiriti
Denim e pelle
ci hanno fatto riunire
Eri tu che liberavi gli spiriti

Sogni di suonare la chitarra
o fracassare i tamburi?
Forse puoi imparare a suonare il basso
puoi sempre essere un cantante
come me e davanti alla band
quando sul palco
aspettiamo tutti il tuo comando

Denim e pelle
ci hanno fatto riunire
Eri tu che liberavi gli spiriti
Denim e pelle
ci hanno fatto riunire
Eri tu che liberavi gli spiriti

Sei stato tu a liberare gli spiriti
Sei stato tu che ci hai portato qui oggi
Sei stato tu che hai riempito le sale dei concerti
Sei stato tu a liberare gli spiriti

Denim e pelle
ci hanno fatto riunire
Eri tu che liberavi gli spiriti
Denim e pelle
ci hanno fatto riunire
Eri tu che liberavi gli spiriti

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://www.youtube.com/watch?v=PgTHwpqCJ0w” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Motley Crue – Girls, Girls, Girls – 1987

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Girls, Girls, Girls” è un singolo della band Hair metal americana dei Motley Crue. È il primo singolo estratto dall’album omonimo, pubblicato il 15 maggio 1987 per l’etichetta discografica Elektra Records.

Il video della canzone è ambientato in uno strip club, dove i quattro componenti del gruppo ( Nikki, Mick, Tommy e Vince ) si siedono al primo tavolo per guardare lo spettacolo. Esiste una versione non censurata del video in cui le scene nel club sono più esplicite e le ragazze riprese in topless.

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://www.youtube.com/watch?v=d2XdmyBtCRQ” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Aerosmith – Rag Doll – 1987

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Rag Doll” è un brano musicale degli Aerosmith. Unici nel loro genere e dal sound inconfondibile il gruppo pubblica questo brano come primo singolo dall’album “Permanent Vacation” del 1987. Fu scritta da Holly Knight, Joe Perry, Steven Tyler e Jim Vallance.

Ha raggiunto la posizione numero 12 della Hot Mainstream Rock Tracks, la numero 17 della Billboard Hot 100 negli Stati Uniti, e la numero 42 della UK Singles Chart nel Regno Unito.

Il testo della canzone è stato scritto principalmente da Steven Tyler e Jim Vallance, Joe Perry ha composto il riff di pedal steel guitar, e Vallance ha poi aggiunto la linea di basso. Inizialmente, il pezzo doveva intitolarsi Rag Time, ma alla band non piaceva particolarmente, ed è stato chiamato l’autore esterno Holly Knight per contribuire a cambiare alcuni versi del brano. Egli ha proposto il titolo Rag Doll, che in realtà era un altro titolo a cui avevano pensato Tyler e Vallance.

Il videoclip di Rag Doll mostra gli Aerosmith esibirsi in diversi locali differenti (si nota perché in alcune scene la band appare vestita in maniera diversa rispetto ad altre, e anche perché solo in alcune è presente Steven Tyler con una bandana in testa). In alcuni momenti, si vede la band mentre gira per le strade di New Orleans. Nella scena finale, si vede Steven Tyler mentre guida una vecchia Shelby Cobra in Hamilton Street, a Johnson City.

Come tutti i video dei singoli estratti da Permanent Vacation, anche questo è stato diretto da Marty Callner.

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://youtu.be/jv2vx57BYi8″ width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Judas Priest – Breaking The Law – 1980

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”20px” padding_right=”” padding_bottom=”20px” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text]

“Breaking The Law” è una famosissima canzone dei Judas Priest e la terza traccia del loro album British Steel pubblicato nel 1980.

Dal momento della sua nascita ad oggi, la canzone è immediatamente diventata un classico dei Judas Priest, e molti gruppi mondiali l’hanno infatti reinterpretata, su propri album o su compilation metal.

Breaking the Law fa parte della lista stilata da VH1 che riguarda le 40 canzoni metal più belle di sempre, risultando al quarantesimo e ultimo posto (40 Greatest Metal Songs).

La canzone è stata usata nel film “Scarface: The World Is Yours” ed è apparsa nel famoso cartone di Beavis and Butt-head.

In Italia è stata usata come sigla per la quinta edizione del programma In onda su La7 nell’estate 2012.

Il video musicale mostra i membri del gruppo spostarsi per la città in automobile per poi ironicamente entrare in una banca armati con i loro strumenti,rubare un loro pezzo di discografia e fuggire.

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://youtu.be/L397TWLwrUU” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Scorpions – Rock You Like A Hurricane – 1984

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Rock You Like a Hurricane” è la seconda canzone dell’album Love at First Sting  degli Scorpions, uscita nel 1984.

La canzone è stata composta dal chitarrista Rudolf Schenker, dal cantante Klaus Meine e dal batterista Herman Rarebell. Insieme a Still Loving You è la canzone principale dell’album. Negli Stati Uniti la canzone fu un gran successo, classificandosi alla posizione 25 nei charts. Il video di Rock You Like a Hurricane venne molto diffuso dal canale MTV, partecipando al successo della canzone. Rock You Like a Hurricane è presente anche nelle seguenti raccolte: Hurricane Rock, The essential, Bad for Good: The Very Best of Scorpions, Box of Scorpions, Gold, Deadly Sting: The Mercury Years, 20th Century Masters: The Millennium Collection: The Best of Scorpions e in Best of Rockers ‘n’ Ballads.

La canzone inizia con un riff molto tagliente da parte del chitarrista ritmico Rudolf Schenker che viene subito accompagnato da una “dichiarazione” di apertura della chitarra solista di Matthias Jabs, che dimostra subito la sua abilità con lo strumento. La batteria fa un lavoro molto intenso, dovendo stare dietro alla velocità della chitarre. La ritmica sulla strofa è tipicamente pop-rock, molto musicale, e “in tensione”, suonata con due modalità diverse: il primo run è stoppato, il secondo invece è d’impeto.

 

È stato anche girato un video della canzone, reputato da molti il migliore della band, il video è ambientato in un posto chiuso, in particolare la band è in una grossa cella dove molte persone tentano disperatamente di toccare i membri della band, riuscendoci solo al momento dell’assolo centrale, Matthias, mentre fa l’assolo vieno tirato e strattonato, solo alla fine dell’assolo viene spinto al centro della cella. Concludendo, questo video è uno dei più visti e gettonati del rock.

Rock You Like a Hurricane è considerata da molti una delle migliori canzoni rock di sempre. È stata posizionata quarta dal magazine Sync, nella classifica dei migliori riff di chitarra di sempre e nel 2006 VH1 l’ha posizionata 31ª nelle 40 canzoni metal più belle di sempre.

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://youtu.be/6yP1tcy9a10″ width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Whitesnake – Still Of The Night – 1987

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Still of the Night” è un popolarissimo brano dei Whitesnake, estratta come singolo dall’album omonimo e di maggior successo del gruppo pubblicato nel 1987.

La canzone è stata scritta dal cantante David Coverdale assieme al chitarrista John Sykes, ed è una delle composizioni più famose degli Whitesnake. Il pezzo combina le influenze blues originarie della band con un nuovo sound più aggressivo e distorto, facendone una potente composizione hard rock. David Coverdale ha spiegato la genesi della canzone in un’intervista:

“Quando morì mia madre, andai a prendere della roba a casa sua e trovai alcune vecchie cassette demo. Una di queste era una canzone che avevo registrato con Ritchie Blackmore in cui era presente l’idea base di quello che sarebbe diventato Still of the Night. Era totalmente irriconoscibile […] La diedi allora a Sykesy mentre eravamo nel sud della Francia, e lui vi inserì incredibili parti di chitarra. John odiava il blues per cui dovetti operare all’interno di questi parametri. La resi un blues elettrico, ma il modo in cui lui la eseguì fu favoloso per quei tempi e relativamente unico per le canzoni. C’erano un sacco di persone che facevano questa roba varia, ma senza avere la qualità di quelle canzoni”

La canzone presenta una lunga parte centrale che ricorda vagamente quella di Whole Lotta Love dei Led Zeppelin. John Sykes ha così parlato della sezione centrale:

“Sì, ed è stata in realtà la prima parte che ho scritto per questa canzone… la sezione centrale. Venne tutto composto su chitarra nella cucina di mia madre. Rimase in quel modo fino a quando mesi e mesi dopo scrissi il resto e ottenni fondamentalmente i riff e l’accordo per i versi”

La canzone è stata quasi sempre suonata nei bis dei concerti degli Whitesnake e nelle esibizioni da solista di John Sykes.

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://youtu.be/swPt9HBRXuE” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Dead Kennedys – Holiday In Cambodia – 1980

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Holiday in Cambodia” è il singolo di punta del gruppo musicale punk di Jello Biafra, i Dead Kennedys, successivamente inserito nell’album d’esordio “Fresh Fruit for Rotting Vegetables”.

La canzone è un attacco agli studenti di college statunitensi, ritenuti viziati e privilegiati. Il testo offre il punto di vista ironico di un giovane americano di destra, che auspica di contrastare tale stile di vita agiato con la brutale dittatura dei Khmer Rossi, guidata da Pol Pot, che si stima abbia causato la morte di circa due milioni di persone in Cambogia tra il 1975 e il 1979.

La versione che appare in Fresh Fruit for Rotting Vegetables è differente rispetto a quella del singolo, essendo cinquantacinque secondi più lunga, in tempo più veloce e con un’estesa introduzione influenzata dalla musica surf.

Anche se il testo originale comprende il termine “niggers” qui utilizzato in tono satirico, nelle successive esibizioni dal vivo dei riformati Dead Kennedys e in varie cover da parte di altri artisti, il termine è stato sostituito con altre parole tipo “brothers” o “blacks”.

Nell’ottobre 1998, Biafra venne citato in giudizio dagli ex membri dei Dead Kennedys. Secondo Biafra, la causa fu il risultato del suo rifiuto di permettere l’utilizzo di Holiday in Cambodia per uno spot pubblicitario della Levi’s Dockers.

Tuttavia, gli altri membri del gruppo dichiararono che le royalties non erano state correttamente pagate dalla casa discografica (di proprietà di Biafra) che deteneva i diritti sulla canzone che perse la causa e la Alternative Tentacles venne condannata a pagare 200,000 dollari agli altri membri della band.

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://www.youtube.com/watch?v=Qr6NOsluHYg” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Motörhead – Ace of Spades – 1980

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Ace of Spades” è probabilmente la canzone piu popolare dei Motörhead e pubblicato come singolo nel 1980 estratto dall’omonimo album.

La canzone parla del gioco d’azzardo infatti la traduzione letterale del titolo è proprio “Asso di Picche”.

Il 6 settembre 1980 Lemmy, frontman dei Motörhead, è stato intervistato da Graham Neil nel varietà Rock On Saturday, di BBC Radio 1; con la band ha suonato le canzoni “Bomber”, “Ace of Spades” e “Love Me Like A Reptile”.

Nel 1988 è stata pubblicata (e più tardi ritirata dal mercato) un’altra versione della canzone intitolata Ace of Spades (live).

Successivamente, è stata pubblicata anche una versione dal titolo “Ace of Spades (The CCN Remix)”, come si può vedere nella raccolta All the Aces.

La canzone si è posizionata al numero 10 nella speciale classifica redatta da VH1, 40 Greatest Metal Songs; nel marzo 2005 ha raggiunto la posizione 27 nella lista delle canzoni con più impatto chitarristico.

“Double up or quit, double stake or split, the ace of spades, the ace of spades”

il frontman Lemmy Kilmister a causa di un cancro alla prostata e di un’insufficienza cardiaca congestizia è morto il 28 Dicembre 2015. Poco dopo l’annuncio della morte, il batterista Mikkey Dee ha annunciato lo scioglimento del gruppo, dichiarando che non seguiranno né tour, né eventuali nuovi album:

“I Motörhead sono finiti, è ovvio. Non faremo più tour o altro e non ci saranno più dischi, ma il nome sopravvive e Lemmy continuerà a vivere nel cuore di tutti”

[/fusion_text][fusion_vimeo id=”https://vimeo.com/29446301″ width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Iron Maiden – Run To The Hills – 1982

Iron Maiden

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Run to the Hills” è uno dei brani piu famosi degli Iron Maiden, estratto dal loro terzo album “The Number of the Beast” pubblicato il 12 febbraio 1982.

Run to the Hills ha raggiunto la 27ª posizione nella classifica stilata da VH1 delle 40 migliori canzoni metal di sempre.

Composta interamente dal bassista Steve Harris, Run to the Hills tratta del conflitto fra i nativi americani e gli invasori europei. La prima strofa è scritta dal punto di vista dei nativi americani mentre le restanti due da quello dei soldati europei.

Il singolo è stato pubblicato il 12 febbraio 1982 come anticipazione dell’album ed è la prima apparizione ufficiale del nuovo cantante Bruce Dickinson.

Nella B-side del disco è incisa la canzone Total Eclipse che non rientrava nell’iniziale versione dell’album. Tuttavia in seguito il gruppo aggiunse il brano nella lista tracce della riedizione di The Number of the Beast, pubblicata nel 1998.

Nel 1985 è stato ripubblicato, come estratto, per la promozione dell’album dal vivo Live After Death.

L’11 febbraio 2002 per celebrare i 20 anni della pubblicazione del disco è stato realizzato un nuovo singolo Run to the Hills in formato Enhanced CD (con aggiunte differenti canzoni dal vivo) e in vinile 7″ (edizione limitata colorato di rosso).

 

 

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://youtu.be/86URGgqONvA” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Def Leppard – Armageddon It – 1987

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Armageddon It” è una canzone dei Def Leppard, contenuta nell’album Hysteria del 1987.

Fu pubblicata come singolo nel 1988 e raggiunse la terza posizione della Billboard Hot 100, diventando il quarto singolo del gruppo capace di scalare la top 10 in classifica negli Stati Uniti.

Questa indimenticabile band fa parte di quella corrente britannica definita “new wave of British heavy metal” di cui facevano parte i già famosissimi Led Zeppelin, Black Sabbath e Deep Purple. Il loro esordio avvenne nel 1977 portandoli in oltre 30 anni a vendere circa 100 milioni di copie. Loro furono in un certo senso il punto di rottura sia per il loro sound decisamente più radiofonico sia per la spettacolarità dei loro video.

Ma la cosa davvero straordinaria per cui voglio ricordare i Def Leppard è la bellissima storia legata al batterista Rick Allen che ebbe un terribile incidente che gli costò la perdita di un braccio, la drammaticità della situazione fu tale che la band non pensò neanche per un attimo di sostituirlo, dando prova di una grandissima amicizia, Rick inizio un lungo e faticoso percorso di recupero che aveva come unico scopo quello di rimettersi ai piatti! Fece costruire così una batteria speciale dotata di elementi percussivi ed elettronici ricominciando cosi a suonare con il resto della band!! Questa grande passione per lo strumento e per la musica dette vita Nel 1987 ad un album storico: Hysteria, da cui vengono estratti ben 7 singoli.

L’album resta nelle classifiche britanniche per oltre 3 anni!!! È il loro album di consacrazione, e questo brano ne è un estratto.

Il titolo “Armageddon It” vuole essere un gioco di parole di “I’m A Gettin’ It“, motto della band durante le sessione di registrazione per l’album Hysteria. Lo stile vocale della canzone è descritto come “Eddie Cochran che incontra i T. Rex“, secondo il cantante Joe Elliott.

Il videoclip di Armageddon It è il secondo, dopo la seconda versione di Pour Some Sugar on Me, a mostrare i Def Leppard in concerto.

Il 12 febbraio, la band registrò un concerto presso la McNichols Sports Arena di Denver, in Colorado, per un futura registrazione live. Tuttavia, un mese più tardi, Armageddon It venne imposto per essere pubblicato come sesto singolo dell’album Hysteria, in quel periodo all’apice del successo di vendite, ed era urgente un videoclip musicale. Ci fu un po’ di esitazione da parte della band nel voler girare un altro video con materiale interamente nuovo, ed essendo rimasti soddisfatti del risultato ottenuto con il video di Pour Some Sugar on Me, decisero di ripeterne la formula.

Pertanto, venne lanciata l’idea di creare rapidamente un video montato con le riprese (e alcuni immagini dietro le quinte) del concerto di Denver.

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://youtu.be/urNFQw8VIvA” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Dire Straits – Money for Nothing -1985

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Money for Nothing” dei Dire Straits è sicuramente uno dei riff piu conosciuti della storia del Rock.

Fa parte dell’album “Brothers in Arms” che ha venduto oltre 35 milioni di copie in tutto il mondo ed è al 351º posto della Lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone.

Il singolo ha raggiunto la prima posizione nella Billboard Hot 100 per tre settimane ed in Canada, la seconda in Polonia, la quarta in Nuova Zelanda, Australia e Regno Unito, la sesta in Irlanda e la settima in Austria.

Il videoclip inizia in stile cartone animato con una TV che trasmette la sigla di MTV I want my MTV e subito dopo si vede un uomo che si siede su una poltrona a guardare la TV: è qui, da dentro la TV, che incomincia il video con il batterista e, poco prima del riff iniziale, lo spettatore viene risucchiato in TV. A questo punto vi è un ingrandimento sulla chitarra e su Mark Knopfler col suo fingerpicking che suona il motivo iniziale e da una di queste immagini verrà tratta la copertina dell’omonimo album e vari ingrandimenti su chitarre, tastiere, batteria, fino a che si arriva in un magazzino con due facchini che cantano e intanto sugli schermi del magazzino si vede la band suonare e circa a metà canzone essere a provare per un concerto, ma la canzone continua sempre fino a che i facchini cantano ma sembra che vogliano intraprendere un discorso e mentre parla uno dei facchini si congela e l’altro lo mette nel microonde in una pentola e la pentola girando nelle pareti farà vedere la band suonare. A questo punto incomincia a cantare Knopfler e l’uomo viene espulso dalla TV e rimandato sulla poltrona a guardare il video dei Dire Straits e viene l’altro facchino che si mette davanti alla TV impedendo all’altro di guardare. La telecamera cambia angolazione e punta su un cane della stanza che si addormenta.

Nel gennaio 2011 l’authority per le trasmissioni radiotelevisive canadese ne ha vietata la trasmissione radio poiché contiene nel testo la parola “faggot”, termine poco gentile per definire un omosessuale. Questo fatto ha suscitato anche molte perplessità tra i fans i quali hanno ritenuto eccessiva questa cosa soprattutto dopo ben 25 anni dall’uscita del singolo. Il 1º settembre 2011 il divieto è stato ritirato, e le radio hanno ricominciato a suonare il pezzo

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://youtu.be/wTP2RUD_cL0″ width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]