Jefferson Airplane – Somebody To Love – 1967

Jefferson Airplane - Somebody To Love - 1967

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Somebody to Love” è un leggendario brano rock psichedelico dei Jefferson Airplane, pubblicato nel 967 e contenuta in Surrealistic Pillow.

Il brano, scritto da Darby Slick, originariamente fu interpretato dai The Great Society, band in cui militava Grace Slick prima di entrare nei Jefferson Airplane. Inedita, fino a quel momento, la commistione tra musica folk e Rock psichedelico che poi sarà una costante nelle composizioni della band.

Di questa canzone vennero realizzate parecchie cover da vari gruppi, come i mod revival inglese The Lambrettas nel 1982 o persino i Ramones. Anche gli Hugu Tugu hanno realizzato la loro cover con il titolo Fino a ieri. Nel 2009 la cantautrice scozzese KT Tunstall ne ha eseguito una cover in collaborazione con gli artisti cubani di Rhythms del Mundo.

When the truth is found to be lies
And all the joy within’ you dies
Don’t you want somebody to love?
Don’t you need somebody to love?
Wouldn’t you love somebody to love?
You better find somebody to love

When the garden flowers baby are dead, yes and
Your mind, your mind is so full of red
Don’t you want somebody to love?
Don’t you need somebody to love?
Wouldn’t you love somebody to love?
You better find somebody to love

Your eyes, I say your eyes may look like his
Yeah, but in your head, baby, I’m afraid you don’t know where it is
Don’t you want somebody to love?
Don’t you need somebody to love?
Wouldn’t you love somebody to love?
You better find somebody to love

Tears are running down and down and down your breast
And your friends, baby they treat you like a guest
Don’t you want somebody to love?
Don’t you need somebody to love?
Wouldn’t you love somebody to love?
You better find somebody to love

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://www.youtube.com/watch?v=aw18AaVE9_Q” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Steppenwolf – Born To Be Wild – 1969

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Born to Be Wild”  è una canzone rock resa famosa dal gruppo statunitense Steppenwolf anche se scritta inizialmente da Mars Bonfire.

Spesso la canzone è descritta come il primo brano heavy metal mai scritto, oltre ad aver ispirato il nome dello stesso genere musicale.

Anche se queste affermazioni sono tuttora oggetto di discussione, il secondo verso nel testo di questa canzone  è la prima registrazione in cui si utilizza la parola “heavy metal” in un contesto musicale.

Born to Be Wild fu registrata per la prima volta dagli Steppenwolf nel 1968, fu il secondo singolo del gruppo, e quello che ottenne maggiori risultati, raggiungendo la seconda posizione della Billboard Hot 100.

Nel 2004, la rivista Rolling Stone ha messo Born to be Wild alla posizione 129 della lista delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi.

La canzone fu originariamente pubblicata nel 1968, ma in seguito venne inclusa in numerose compilation e colonne sonore.

Il primo film ad utilizzarla nel proprio commento musicale fu Easy Rider nel 1969.

A differenza della versione presente sui dischi degli Steppenwolf, la versione utilizzata in Easy Rider figurava all’inizio il rumore del motore di una motocicletta.

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://www.youtube.com/watch?v=1dAwI_jqcFQ” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Jimi Hendrix – Purple Haze – 1967

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”20px” padding_right=”” padding_bottom=”20px” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text]

Non basterebbe una giornata intera per parlare di Purple Haze di Jimi Hendrix, perla della musica Rock del 1967, inserito nell’album d’esordio “Are You Experienced”.

Il brano Purple Haze, secondo quanto dichiarato dal produttore della band Chas Chandler, nasce per caso nel back-stage del club Upper Cut Club, dove Hendrix incominciò a suonare il riff  e proprio Chandler sentendolo suggeri a Hendrix di scrivere dei testi per quel riff di chitarra.

In Inghilterra il singolo entra in classifica al 39º posto, per poi risalire fino al 3º posto e restare nella chart per ben quattordici settimane. Negli States il singolo raggiunge il 65º posto, restando in classifica per otto settimane. In Austria il singolo raggiunse il 7º posto, mentre in Norvegia si piazzò al 17º posto.

In un’intervista del 1969 per la rivista New Musical Express Jimi Hendrix dichiarò che il titolo Purple Haze, letteralmente “foschia viola”, ed il testo del brano nacquero da un sogno che egli fece, nel quale camminava sul fondo del mare, e quindi smentì qualsiasi riferimento a sostanze stupefacenti.

L’opinione pubblica invece interpretò il brano come un chiaro riferimento a qualche tipo di sostanza stupefacente. Ci sono in effetti due tipi di droga chiamati “purple haze”, un genere di LSD e una varietà di marijuana. Un verso in particolare può far pensare a quei riferimenti:

“Excuse me while I kiss the sky”

E “kiss the sky” è un diffuso eufemismo per riferirsi agli effetti della cannabis.

Nel 2005 il mensile britannico Q giudica Purple Haze come il brano con i migliori arrangiamenti di chitarra della storia della musica rock.

La rivista statunitense Rolling Stone nel 2003 colloca il brano al 17º posto della sua celebre classifica dei migliori brani musicali di tutti i tempi, “The 500 Greatest Songs of All Time”.

Nel 2008 il canale televisivo-musicale australiano Max, piazza il brano al 17º posto della loro classifica Rock Songs: Top 100.

 

Esistono numerose cover di Purple Haze, tra le quali una versione di Ozzy Osbourne durante il concerto Moscow Music Peace Festival del 1989 a Mosca, e quella di Frank Zappa durante il live The Best Band You Never Heard in Your Life del 1991.

 

[/fusion_text][/fusion_builder_column][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_youtube id=”https://youtu.be/fjwWjx7Cw8I” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

The Doors – Break On Through – 1967

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Break on Through (To the Other Side)” è il primo singolo pubblicato dal gruppo musicale statunitense The Doors.

È tratto dal primo album della band, “The Doors”, del quale è il brano d’apertura. A differenza delle loro hit successive,”Break on Through (To the Other Side)” non ebbe molto successo, raggiungendo soltanto la posizione n. 106 nelle classifiche statunitensi.

La canzone è in 4/4 ed ha un ritmo piuttosto sostenuto e inizia con un insolito assolo di organo in cui alcune note sono volutamente fuori posto, mentre il giro di basso, lievemente somigliante a quello tipico della salsa, prosegue quasi invariato per tutta la durata del pezzo.

Esistono due versioni identiche del brano registrato in studio: nella prima versione la voce di Jim Morrison canta per quattro volte “she gets high”, nella seconda alla voce di Jim viene tagliata la parola “high” nelle prime tre ripetizioni.

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://youtu.be/rOpQjD-rX0g” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Pink Floyd – Money – 1973

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

“Money” è una canzone dei Pink Floyd, interamente scritta dal bassista Roger Waters e contenuta nel celeberrimo album “The Dark Side of the Moon del 1973”. Fu anche pubblicata come singolo con Any Colour You Like sul lato B. È una delle quattro canzoni che i Pink Floyd hanno eseguito al Live 8 il 2 luglio 2005, serata nella quale sono tornati ad esibirsi insieme per la prima ed ultima volta dopo 24 anni.

« …Tutti i grandi testi hanno parole banali, e questo è un testo molto banale. » (Roger Waters)

È opinione diffusa che Roger Waters si sia ispirato al libro di George Eliot, il celebre Silas Marner, per la scrittura del testo.[2]Il testo della canzone è un’ironica critica all’eccessivo attaccamento al denaro, uno dei “lati oscuri” della natura umana, cause di disagio e sofferenza, che costituiscono il tema centrale di The Dark Side of the Moon. È opinione comune che il denaro sia la radice di tutti i mali odierni, osserva Waters, ma nessuno è mai davvero disposto a privarsene.

Nel film Pink Floyd The Wall, durante la canzone The Happiest Days of Our Lives, si vede il piccolo Pink a scuola che scrive una poesia su un pezzo di carta. Il professore gli si avvicina e, per deriderlo, legge all’intera classe la poesia. Si tratta di un estratto del testo di Money:

« Money get back
I’m all right, Jack
Keep your hands off my stack
New car
Caviar
Four star daydream
Think I’ll buy me a football team. »

[/fusion_text][fusion_youtube id=”https://youtu.be/-0kcet4aPpQ” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]