Venomous Anynomus è il nuovo lavoro dei Cruel Intentions

Venomous Anynomus è il nuovo

Venomous Anynomus è il nuovo lavoro dei Cruel Intentions. Lizzy DeVine torna a stupire con undici brani orecchiabilissimi e nuovi di zecca.

I The Cruel Intentions nascono dalle ceneri dei Vains Of Jenna, gruppo patrocinato da Stevie Rachelle cantante dei Tuff e ideatore di Metal Sludge. Comparsi sulle scene ormai una decina di anni fa, la band è composta da DeVine, Nygaard (ex Bloodlights), Wernerson e Nilsson. Venomous Anonynmous esce a quattro anni dal debutto No Sign Of Relief.

Il disco

L’attesissimo ritorno del combo svedese sicuramente non deluderà i fan di lungo corso della band. Ogni canzone contenuta all’ interno di questa nuova uscita sembra pensata con il preciso scopo di far cantare il pubblico a squarciagola. Troviamo persino una ballad in lingua madre che certamente verrà apprezzata in terra natia. Le coordinate rimango le stesse Guns, CrueRatt si fondono alla lezione dei nuovi classici della scena svedese come Hardcore Superstar, Backyard Babies e Crashdiet. La produzione è sicuramente più compatta, un suono saturo e pieno che ormai sembra caratterizzare ogni uscita di derivazione glam metal prodotta in Scandinavia. Il disco è sicuramente accattivante e farà la felicità di chiunque ami il genere: chitarroni, cori da cantare tutti assieme, melodie pronta presa e ritmiche uptempo.

Se posso esprimere la mia sincera opinione, trovo che negli ultimi anni la reiterazione di una formula ormai assodata abbia ucciso l’originalità di queste band. In tutti i dischi incontriamo una scelta di suoni molto simile, una scrittura condivisa, un modo di suonare e cantare che ormai sembra standard. Certamente il lato positivo che trasmettono queste scelte è un forte senso di “movimento”, di “scena” e di “appartenenza”. In più i fan non mancano di apprezzare, riempire i concerti, comprare i dischi e questo è quello che più conta.

La riflessione

Gli anni ottanta, però, ci hanno insegnato che quando le personalità delle band vengono accantonate a favore di un cliché è lì che, presto, si è passa ad altro. Avendo visto questa scena nascere, crescere e avendola praticata per oltre un ventennio, spero sinceramente di sbagliarmi. Allo stesso modo, spero che le band siano le prime a mettersi più in gioco, dando un taglio appena più personale alla propria proposta. Tutto ciò vale anche per i Cruel Intentions che, al netto di questa riflessione, hanno sfornato un buonissimo secondo disco.

The Cruel Intentions

Facebook: https://www.facebook.com/thecruelintentions/
Instagram: https://www.instagram.com/thecruelintentionsofficial/
Spotify: https://open.spotify.com/artist/3RKn3P56kkewba1s6QpyDk

I Junkie Dildoz cercano un Chitarrista!!!

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Oggi i Junkie Dildoz, storica band sleaze metal fiorentina annuncia di essere alla ricerca di un nuovo chitarrista.

Vi riportiamo qui di seguito le parole della band che slutando e ringraziando con stima e affetto Davide Puliti, apre le candidature al suo successore.

– Hai tecnica?
– La tua attitudine e il tuo look sono in linea con band come Wasp, Kiss, Hardcore Superstar, Alice Cooper, Crue ecc. ecc.?
– Hai disponibilità di tempo e una tua strumentazione professionale?
– Soprattutto: ti piacciono davvero i Junkie Dildoz? Credi sul serio nel nostro progetto, nella nostra visione estetica e musicale?

ALLORA SEI IL MUSICISTA PERFETTO PER NOI!

Inviaci subito un PM e parliamone!

Non è successo nulla di grave con Davide, ci vogliamo bene, siamo e saremo sempre amici e compagni di sbronze e di avventure, semplicemente ha deciso concentrarsi su altri progetti musicali che possano soddisfarlo al 100%.
Davide è sempre stato un ragazzo serio e sentendo che non riusciva più a dare il massimo, ad amare la band come noi la amiamo ha deciso di fare un passo indietro, noi non possiamo fare altro che stimarlo e apprezzare il suo gesto e la sua decisione e ovviamente gli auguriamo il meglio da ora e per sempre, ottimo lavoro soldato!

Per tutti noi la musica non è un mero hobby ma parte integrante delle intere nostre esistenze, per cui se non siete pronti, per favore non contattateci, ci saranno sicuramente band adatte a voi ma per entrare nei Junkie devi vivere per la musica e adorare la band e quello che facciamo, abbiamo bisogno di mostri che credano davvero in noi!

Non ci resta che augurare un grosso in bocca al lupo ai Junkie Dildoz e continuare a supportare la band!!!

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Chris Holmes si racconta in un’interessante intervista

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Rock My Life ha incontrato Chris Holmes per un’interessante intervista in occasione dell’imminente data in cui sarà headliner del Fuck You We Rock Festival.

Chris ha risposto ad alcune domande della nostra Anna Paladin raccontandoci alcuni aneddoti della sula lunghissima carriera artistica.
Ecco l’intervista completa a questo straordinario artista.

Ciao Chris, benvenuto su Rock My Life e grazie per il tempo che ci stai dedicando. Ci piacerebbe iniziare dell’esperienza on the road con Metallica. Ti sei divertito? Ci sono stati problemi tra loro e W.A.S.P.?

Blackie li odiava e a loro non piaceva.

Siamo abbastanza sicuri che una riunione sarà impossibile, ma per te, qual è stato il periodo migliore per W.A.S.P.? Quali sono le canzoni che ami di più e quelle che non riesci proprio a sopportare?

“Headless children” è il mio album preferito perché sono riuscito a suonare tutte le mie chitarre. Blackie non era in studio quando stavo registrando, eravamo quasi sempre Mike Davis ed io. Blackie è arrivato il giorno dopo ed ha ascoltato quello che abbiamo fatto. Quindi per rispondere alla tua domanda, mi piace perché non avevo nessuno dietro di me con una pistola alla testa che mi dicesse che dovevo finire la canzone in due minuti. Quello che non mi piace è KFD.

Parlando del passato, puoi raccontarci qualche ricordo del periodo con le Psycho Squads?

Le Psycho erano una band killer, ma erano dieci anni in ritardo per farcela o meno nel mondo della musica.

Vorresti raccontarci qualche storia sulla famosa intervista in piscina di Decline of Western Civilization Part II?

Prima di tutto non era la mia piscina ma la casa di Stuart Copland, il fratello del batterista dei Police. Ero stupidamente ubriaco in quel momento, non ho nulla da nascondere.

Puoi dirci perché hai lasciato l’America e ti sei trasferito in Europa alcuni anni fa? Quali differenze hai riscontrato nello stile di vita e nella scena musicale?

Il business della musica è cambiato così tanto in America, i ragazzini non ascoltano più rock e ho sbattuto la testa in giro per L.A per dieci anni cercando di trovare musicisti con cui suonare e non ci sono riuscito. Ho quindi deciso di venire in Europa e tentare la fortuna qui.

Ora che abbiamo parlato un pò del passato, guardiamo al futuro. Vuoi presentare la tua band Mean Man? Chi sono i membri? Da quanto vi conoscete? Siete anche amici dietro le quinte?

Ho due ragazzi della band Wicked Jackal: Ollie Tindall (chitarra e canzoni WASP) e Lex Gifford (basso). Sono bravi ragazzi di talento e facili da inserire. Sono abbastanza giovani da poter essere i miei nipoti haha. Il batterista Stephen Jackson del gruppo Heart Break Remedy è più vecchio e io ho suonato con lui più a lungo di Ollie e Lex, lo sappiamo e ci capiamo meglio, quindi sì lo considero un buon amico. Ho avuto un conflitto di interessi con i musicisti precedenti e non ha funzionato.

Nelle tue prossime date in Italia ascolteremo il tuo nuovo EP “Under the Influence” e stai lavorando ad un nuovo album. Inoltre suonerai in molti paesi. Parlaci di questi progetti.

Sono pronto per registrare l’intero album per la fine del 2019 e stiamo programmando il tour del 2020 anche fuori dall’Europa come il Nord e il Sud America e il Giappone.

Chi sono attualmente gli artisti preferiti di Chris Holmes? E le tue influenze? Cosa ti ispira quando scrivi le tue nuove canzoni?

Johnny Winter, Jimi Hendrix, BB King. Potrei dirtelo finché non lo scrivo perché poi ogni canzone è diversa. Inizio scrivendo prima la musica e poi i testi arrivano dopo averla ascoltata e nasce così nella mia mente.

Ci salutiamo con un’ultima domanda e ti ringraziamo ancora per aver passato del tempo con noi. Adesso per favore potresti soddisfare una mia curiosità? Ho sentito che nella tua giovinezza c’è stato uno “scambio” di chitarre tra te e Eddie Van Halen. È vero? Com’è andata?

Nel 1978 sono stato in ospedale a letto per alcuni mesi, non potevo muovermi. Eddie è venuto nella mia stanza dopo il primo tour prima del secondo album, avevo acquistato lo stesso tipo di chitarra che aveva anche lui. Eddie l’aveva modificata per cambiare il suono ed ha preso in prestito la mia per il secondo album. Poi mi ha dato la sua chitarra modificata fino a quando ha finito l’album.

Vi ricordiamo che potrete ascoltare Chris Holmes il 23 Marzo all’Exenzia Der Club di Prato sul palco del Fuck You We Rock Festival insieme ad altri straordinarie band: Junkie Dildoz, Rain, Hollywood Groupies, Etrusgrave.

Ecco il Link all’evento: https://www.facebook.com/events/978021432406952/

ENGLISH VERSION:

Hi Chris, first of all I thank you for the time you dedicate to answer to my questions. Let’s start about the on the road experience with Metallica. Did you have fun? There were problems between them and W.A.S.P.?

Blackie hated them and they didn’t like him

We are quite sure that a reunion will be impossible, but for you, what was the best era of W.A.S.P.? And what are the songs you love the most? And those that you just can not stand?

Headless children is my favorite album cause I played all the guitars on it . Blackie was not in the studio when I was recording, it was most of the time the engineer mike Davis and I . Blackie just came the next day and listened what we did . So for answer to the question that the one because I didn’t had anybody standing behind me with a gun on my head telling me I have to finish the song in 2 minutes. And the one I don’t like is KFD

Talking about the past, can you tell us some memories about the period with the Psycho Squads?

Psycho squad was a killer band, it was just 10 years too late in the time frame of making it or not in the music bussiness

Would you like to tell us some story about the famous pool interview from Decline of Western Civilization Part II?

First of all that was not my pool but the house of Stuart Copland, the brother of the drummer of Police. I was drunk idiot at the time, I have nothing to hide.

Why did you leave America and moved to Europe some years ago? Which differences have you found in the lifestyle and in music scene?

The music bussiness has change so much in America, the young kids doesn’t listen Rock and I beat my head around L.A for 10 years trying to find musicians to play with and was totally unsuccessful at it I just decided to come in Europe and try my luck out here.

Now that we’ve talked about the past, let’s take a look at the future. Would you introduce your Mean Man band? Who are the members? How long have you known each other? Are you also friends behind the scenes?

I have two kids from the band wicked jackals Ollie Tindall( guitar and WASP songs ) and Lex Gifford (bass), they are good kids talented and easy to go with . they are young enough to be my grandkids haha. the drummer Stephen Jackson from the band Heart break remedy is older and I played with him longer than Ollie and Lex, we know and I understand each other better then yes i consider him as a good friend. i had conflict of interest with the previous musicians and it didn’t work out.

In your next dates in Italy we will listen to your new EP “Under the Influence” and you’re working on a new album. Beside you’re going to play in many countries. Tell us about these projects.

I’m ready to recording the full album for end of 2019 and we decide for 2020 touring also out of Europe as North and South America and Japan

Who are currently your favorite artists? And your influences? What inspire you when you write your new songs?

Johnny winter, Jimi Hendrix, BB King. I could tell you until I write it because every song is different. I start by writing the music first and then the lyrics come after listening to the music and it will pop in my head.

We say goodbye with one last question and thank you again for spending time with us. With the last question, please, satisfy my curiosity: I heard that in your youth there has been an “exchange” of guitars between you and Eddie Van Halen. Is it true? How did it go?

In 1978 I was in the hospital in bed for fews months, I couldn’t move . Ed came in my room after the first tour before the second album, I had purchased the same kind of guitar that he had and he modified his which change the sound and borrowed mine for the second album. Then he gave me his guitar he modified until he finished the album.

(Credits By Anna Paladin)

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container][fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_imageframe image_id=”3185|medium” max_width=”” style_type=”” blur=”” stylecolor=”” hover_type=”none” bordersize=”” bordercolor=”” borderradius=”” align=”none” lightbox=”no” gallery_id=”” lightbox_image=”” lightbox_image_id=”” alt=”” link=”” linktarget=”_self” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=””]http://www.rockmylife.it/wp-content/uploads/2019/02/chris-holmes-2-300×200.jpg[/fusion_imageframe][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container][fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_imageframe image_id=”3186|medium” max_width=”” style_type=”” blur=”” stylecolor=”” hover_type=”none” bordersize=”” bordercolor=”” borderradius=”” align=”none” lightbox=”no” gallery_id=”” lightbox_image=”” lightbox_image_id=”” alt=”” link=”” linktarget=”_self” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=””]http://www.rockmylife.it/wp-content/uploads/2019/02/chris-holmes-3-200×300.jpg[/fusion_imageframe][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Chris Holmes confermato headliner del Fuck You We Rock Festival

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Sarà Chris Holmes l’headliner del party più selvaggio, irriverente e pericoloso in Toscana!
Torna il Fuck You We Rock Festival  il 31 Marzo all’Exenzia Der Club di Prato con 5 band dal vivo, stands merch, vinili e guitar/bass pedal board Dophix per una serata imperdibile!

Headliner per la winter edition 2019 il co-fondatore dei mitici W.A.S.P. , il leggendario Chris Holmes Official – Chris Holmes & The Mean Men. Nella bill del fest anche i Junkie Dildoz e altre band t.b.a.

Chris Holmes, è un chitarrista heavy metal e un cantautore meglio conosciuto come il chitarrista solista della banda heavy metal W.A.S.P.
Il 26 novembre 2012, Chris Holmes ha pubblica il suo primo album, Nothing to Lose, che ha deciso di produrre, gestire e distribuire lui stesso insieme a sua moglie.

Dopo il successo del suo primo album, inizia a registrare il suo secondo lavoro da solista, Shitting Bricks.
Così il 2 maggio 2015 esce in tutto il mondo il suo secondo album a Nantes (Francia) dove lui e la sua nuova band Mean Man esordiscono con il loro primo spettacolo.

La band di MEAN MAN è composta da Chris Holmes come voce e chitarra solista, Thomas Cesario alla chitarra, voce per le canzoni WASP e back up, Pascal Bei al basso / back up e Frank Chircop alla batteria / back up.
La band ci regalerà uno spettacolo difficile da vedere altrove: Il potere degli anni ’80 e l’unico Mean Man che tornano finalmente ad infiammare il palco!!!!!

INGRESSO:

◆ Ingresso con consumazione € 15.00
◆ Tessera ACSI e documento d’identità obbligatori
◆ La tessera si può fare direttamente in loco al costo di 5€ con scadenza dicembre 2018 (dura 1 anno)
◆ Ingresso Gratuito dopo le 01:30 [consumazione obbligatoria]

DJSET ore 01:30 alle 04:00

IN SALA 1: THE MAIN ROOM EXENZIA ROCK [R]EVOLUTION SPECIAL PARTY
rock.industrial.numetal.goth.hardrock and more… in consolle DADEX

IN SALA 2: THE BLACK BOX
rock.glam.sleaze.hair metal…

EXENZIA ROCK CLUB:

Via Ettore Sambo, 10 Zona Industriale Maliseti -Prato.

EVENTO FACEBOOK: https://www.facebook.com/events/978021432406952/

OFFICIAL PARTNERS:

Dophix, Rock My Life, MVO Concerti, Volcano Records & Promotion, Metal In Italy, Metalforce, Metal Maximum Radio – MMR, Radio Pirata su Orme Radio

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Red RioT: Seek! Kill! Burn! Il primo album della band

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”20px” padding_right=”” padding_bottom=”20px” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”undefined” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text]

La band partenopea ReD RioT lo scorso Ottobre ha presentato il suo primo album
“Seek! Kill! Burn!” uscito tramite Volcano Records & Promotion. Album di dieci tracce arrivato dopo un primo EP “Fight” del 2016.
I ReD RioT sono originariamente Lexy Riot (basso) e JJ Riot (chitarra) e Berry (batteria). Trovano Max Power (chitarra) e O’zy Jack (voce), che però lascia dopo poco tempo e viene sostituito da Fred Riot. Dopo l’uscita del primo EP Fight sempre per Volcano Records and Promotion, Scar sostituisce Berry dietro le pelli e ad Aprile 2017, dopo aver suonato con band come Hangarvain, Giacomo Voli e Teodasia, DGM e Heimdall, partono per Fight In Europe Tour, un minitour europeo di 10 date. Ad Aprile 2018 suonano all’ Agglutination Warm Up insieme ad altre band, tra le quali i Flotsam and Jetsam.
Con la recente line up, i ReD RioT ci travolgono con un potentissimo album, Seek, Kill, Burn!!! E ci è chiaro fin dal titolo il messaggio della band.
Adrenalina pura sprigionata attraverso le dieci tracce che spaziano da elementi thrash old school miscelati ad un sound di reminiscenze anni ‘80 alla Motley Crue.
Riff taglienti, ruvidi che sottolineano un songwriting potente, provocatorio ed incazzato, in grado di dar fuoco alla miccia che fa esplodere i ReD RioT anche sul palco durante i live.
L’album ha un titolo che parla chiaro, e che affida l’apertura al brano “Attitude” con i primi 46 secondi di adrenalina sprigionati dall’intro di chitarra che precedono una voce corposa, “pesante” ma in grado di stupirci con un’estensione vocale da lasciare a bocca aperta.
Un album che ci coinvolge fin da subito con tutta la carica dei bpm da guerra che sfoderano uno stile eterogeneo che non lascia respiro fino alla traccia numero 4: “Rippin’ money” in cui il protagonista assoluto è il basso che apre il brano. Qui il riffing diventa più veloce e dinamico quasi selvaggio abbracciando il puro sleaze metal dei brani successivi, quasi come se queste dieci tracce fossero anelli di un’unica catena. In “Child of Steel” troviamo persino delle aperture melodiche che rendono il lavoro più fluido e ci lasciano metabolizzare quanto ascoltato fino ad ora. Arriviamo così a metà album ed abbiamo già capito che i ReD RioT hanno ben chiaro il proprio stile, benchè siano una band di recente formazione. Qui troviamo elementi anni ‘80 stretti in una morsa di metallo pesante in cui riescono ad ottenere un sound affilato come un rasoio, distruttivo come un caterpillar e d’impatto come uno scontro frontale, quello che troviamo in “Sleazy life”.
Alla domanda “Who We Are” dell’ultima traccia, rispondono con il loro grido di battaglia, “siamo incazzati e vogliamo raccontarlo con la musica”!

[/fusion_text][fusion_imageframe image_id=”2738″ style_type=”none” stylecolor=”” hover_type=”none” bordersize=”” bordercolor=”” borderradius=”” align=”center” lightbox=”no” gallery_id=”” lightbox_image=”” alt=”” link=”” linktarget=”_self” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=””]http://www.rockmylife.it/wp-content/uploads/2018/11/ReD-RioT.jpg[/fusion_imageframe][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container][fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”20px” padding_right=”” padding_bottom=”20px” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”undefined” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_youtube id=”/Oad9a1dqvoE” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

The Forest, debut video per i Roots From Above, la band Toscana entrata a far parte della scuderia Rock my Life

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”20px” padding_right=”” padding_bottom=”20px” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text]

In anteprima esclusiva, da un progetto targato Rock my Life il debut video dei Roots From Above “The Forest”, brano scelto come presentazione ufficiale della band. I Roots From Above nascono nell’Estate del 2017 quando Bruno Malevoli (chitarra) e Giulio Poggi(chitarra) decidono di dare vita ad un ambizioso progetto unendo le precedenti esperienze in altre bands locali. A credere nell’idea dopo qulache cambio veloce di line up arrivano  anche Alex Hruban (voce) Duccio Pellati (basso) e Mattia Mattei (batteria).
Il gruppo originario della provincia senese si distingue fin da subito con una forte identità che richiama molto sia nell’aspetto che nelle proprie produzioni il death metal nordico, tanto che dopo averli sentiti suonare si ha l’impressione di ascoltare una band di Vichinghi scandinavi che  uniscono un’originale miscela di death nord europeo e metal core giocando sapientemente con le caratteristiche principali dei due generi di riferimento, alternando granitici riff breakkati derivanti dal loro lato più moderno, ad aperture melodiche di ampio respiro tipicamente scandinave.
I Roots from Above, oltre all’aspetto prettamente musicale tendono a dare notevole importanza alle tematiche affrontate nei loro testi che affondano le radici nelle dinamiche della vita umana che volge alla modernità, in una dimensione intrappolata tra il radicamento identitario delle comunità alle terre e foreste di antiche tradizioni e l’incessante avanzamento dell’omologazione di una società che riconosce e abbraccia nuovi paradigmi e valori.

“The Forest” è la metafora della vita dell’uomo che si adatta al cambiamento e lotta contro le proprie paure, in antitesi con la natura stessa dell’uomo che lo tiene ancorato al suo lato più oscuro. Forze poderose e potenti rapiscono l’animo umano avvolgendolo in nubi oscure trascinandolo verso un ritorno alle origini stesse dell’uomo, ed è li che arriva il coraggio di non opporsi al cambiamento.

Ripped as wounded preys Dragged through grey landscapes, She laid at peace with it all Freeing his hand from her load Some say that the journey is the cure But only for who has the will to endure, The forest clings to your fears in life, Fits the wounds of your endless strife.

A pochi mesi dalla loro formazione ufficiale i Roots From Above hanno già in programma un calendario di date che li portera’ sui prestigiosi palchi toscani (tra cui quello del Sinistro fest il 10 Giugno e del Rock in Park open Air il 15 Luglio) ed oltre i confini regionali con una data a Bologna (Alchemica – 22 Giugno) ed una a Caserta (Altavoz – 24 Giugno)
In attesa di avere maggiori notizie sul loro imminente debutto su lunga distanza potete seguire i Roots From Above sui loro social ufficiali www.facebook.com/rootsfromabove e instagram, dove troverete tutte le notizie e gli aggiornamenti relativi alle date e ai progetti futuri della band.

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/996E8cGdyyk” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container][fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”20px” padding_right=”” padding_bottom=”20px” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_imageframe image_id=”2300″ style_type=”none” stylecolor=”” hover_type=”none” bordersize=”” bordercolor=”” borderradius=”” align=”none” lightbox=”no” gallery_id=”” lightbox_image=”” alt=”” link=”” linktarget=”_self” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=””]http://www.rockmylife.it/wp-content/uploads/2018/05/29597574_1626600330795060_9160256045786726740_n.jpg[/fusion_imageframe][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

“Being Human”, il primo singolo degli Ephyra è ora disponibile online

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”20px” padding_right=”” padding_bottom=”20px” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text]

Si intitola “Being Human” il primo estratto della band melodic death metal lombarda Ephyra, e va ad inaugurare “The Day of Return”, il nuovo poliedrico disco in arrivo il prossimo 18 maggio per Volcano Records.
Con questo brano d’esordio gli Ephyra ci proiettano in un microcosmo musicale piacevolmente straniante. Le maestose atmosfere orientaleggianti che aprono “Being Human” finiscono con l’essere squarciate in maniera fulminea da una cavalcata di riff possente, dal sound turbinoso e speed, realizzando un concentrato melodico davvero eccelso, dove la durezza occidentale del melodic death metal dialoga creativamente con le più placide sonorità della tradizione orientale.

Ephyra è una band Melodic Death Metal con influenze epiche e folk. E un futuro luminoso davanti. La band ha debutta nel 2013 con l’album “Journey”, un’avventura entusiasmante in ogni senso della parola, sia musicalmente che a livello personale, con brani che spaziano da atmosfere epiche, grandiose a passaggi oscuri e introspettivi. La band porta in giro per l’Italia quell’album senza sosta e sono molte anche le presenze in programmi radiofonici e festival come “Fosch Fest” e molti altri, condividendo spesso il palco con band internazionali acclamate come Satyricon, Carcass, Finntroll, Elvenking e Furore Gallico. Dopo aver firmato un accordo con la Bakerteam Records, Ephyra è pronta per passare al livello successivo con il nuovo album ‘Along The Path’, registrato presso Elnor Studio di Mattia Stancioiu (Labyrinth, Crown Of Autumn) uscito nel dicembre dello stesso anno. Mattia sarà anche ospite speciale delle percussioni insieme a Davide Cicalese (Furor Gallico, voce in “All At Once, Silvia Bonino, Folkstone, arpa) e Lisy Stefanoni (Evenoire, flauto), lo stile musicale della band si è evoluto in un moderno mix di riff di chitarra Death Metal e sezione ritmica, con voce maschile ringhiante/urlante e voce femminile pulita con influenze folk/sinfoniche etniche. Il concetto lirico collega ogni canzone alla stessa storia: un guerriero ha bisogno di trovare la sua strada nella vita, adattandosi costantemente al proprio destino. L’ambientazione alterna uno sfondo fantastico con battaglie, paesaggi selvaggi e gloriosi inni e atmosfere oniriche. Questo stile di scrittura è pensato per richiamare temi e risultati di vita comuni usando una narrazione evocativa. Band come Ensiferum, Suidakra, Eluveitie, In Flames e Dark Tranquility sono tra le principali influenze musicali di Ephyra, che mostrano ancora un avolta un approccio molto personale.

 

 

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/vRBou0x2zV4″ width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Junkie Dildoz: Contratto con VRec Music Label e nuovo 2 tracks single!

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”20px” padding_right=”” padding_bottom=”20px” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text]

La Horror-Rock band Junkie Dildoz ha appena firmato con VREC Music Label un accordo per la distribuzione digitale del nuovo 2 tracks single “Bastard”!
La band fiorentina e la label veronese avevano già collaborato in occasione del Pistoia Blues 2016 quando i Junkie Dildoz aprirono le esibizioni di Hardcore Superstar, The Answer e Whitesnake per poi partecipare alla compilation Pistoia Blues Next Generation Vol.2 prodotta da VRec.
Nata nel 2008 e di proprietà dell’Agenzia di musica e spettacoli Davvero Comunicazione, dal 2013 la distribuzione di VRec è curata da Audioglobe (www.audioglobe.it) per il mercato italiano e da Believe Digital per quanto riguarda gli store digitali di tutto il mondo.

Siamo davvero felici ed eccitati per questa nuova collaborazione che apre alla nostra band nuovi interessanti opportunità, vorremmo cogliere l’occasione per ringraziare il patron di VRec David Bonato e tutto lo staff di Davvero Comunicazione per aver creduto nel progetto, i consigli e il prezioso sostegno, siamo sicuri che questo sia solo l’inizio!

I brani Bastard e la sua “b-side” LoudTown sono stati registrati presso il SoundScape Studio di Firenze, la copertina è opera della giovane artista ligure Matilde Chizzola e sono disponibili per lo streaming e l’acquisto ai seguenti indirizzi:

Spotify: https://open.spotify.com/album/3NI9xdRUjWTjEe6Rpug4T1

iTunes / Apple Music: https://itunes.apple.com/it/album/bastard-single/1359816596

Deezer: https://www.deezer.com/it/album/59046922

Google Play: https://play.google.com/store/music/album/Junkie_Dildoz_Bastard?id=Bp3ggfxaehoe4setfd3xebu7bga

Amazon Music: https://www.amazon.it/Bastard-Explicit-Junkie-Dildoz/dp/B07BH5W9WY/ref=sr_1_1?s=dmusic&ie=UTF8&qid=1521187779&sr=1-1-mp3-albums-bar-strip-0&keywords=Junkie+Dildoz
www.youtube.com/junkiedildoz
www.reverbnation.com/therevelband

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

RML FESTIVAL 2018 Contest – Data e Regolamento

Il 13 Aprile 2018 all’Exenzia Der Club di Prato si terrà il contest che andrà a selezionare due band del panorama musicale toscano che entreranno a far parte del Rock my life Festival 2018 che quest’anno si svolgerà in stretta collaborazione con il Rock in Park, presentando per la prima volta il prestigioso marchio nella sua versione Open Air.
Le bands vincitrici del contest potranno condividere la serata con gli Headliners che il 13, 14, 15 Luglio saliranno sul palco del “Parco di Pietra la Cava” di Roselle (Grosseto) situato nel cuore della splendida Maremma.

REGOLAMENTO:

– Potranno iscriversi al contest solo bands provenienti dalla Toscana e con brani originali (non tribute o cover bands) Nel caso di impedimento o di rinuncia da parte delle bands iscritte, saranno estratte a sorte altre bands provenienti dalle altre regioni d’Italia.

– le iscrizioni dovranno pervenire entro e non oltre il 25 Marzo alla nostra casella di posta elettronica info@rockmylife.it, non saranno accettate iscrizioni o proposte pervenute tramite altri canali (pagina fb, messaggio privato….)

– Ogni band dovrà allegare una biografia dettagliata, link a video ufficiali, pagina facebook, sito web, twitter, instagram, press kit e stage plan.

– fra tutte le iscrizioni pervenute, la direzione artistica provvederà ad una preselezione che individuerà otto band che potranno avere accesso al contest del 13 Aprile. Le band selezionate verranno contattate via e-mail.

– ogni band avrà a disposizione 20 minuti, la votazione avverrà tramite l’utilizzo di urne in cui il pubblico inserirà un tagliando per scegliere la band che ritiene più idonea.

– alle band che avranno accesso al contest sarà fornita la scheda tecnica del palco e dell’impianto audio/voce messo a loro disposizione, a carico delle stesse tutti i personal e tutto ciò che non verrà indicato nella dotazione standard del palco. Ogni band dovrà attenersi agli orari forniti per il sound check, l’ordine in cui avverrà l’esibizione verrà estratto a sorte contestualmente allo stesso. Chi non sarà presente al sound check non avrà possibilità di recupero e potrà effetuare solo un live check.

Rock My Life 1st Anniversary – la nostra serata all’insegna della musica

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”20px” padding_right=”” padding_bottom=”20px” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text]

Finalmente è arrivato il Rock My Life 1st Anniversary e lo abbiamo festeggiato in grande stile al Winner’s Gallery Pub di Follonica (Gr).

L’evento è atteso da diverse settimane ed ha visto alternarsi sul palco i Drive me Dead e i Junkie Dildoz, due super bands che sono con noi fin dall’inizio di quest’avventura. L’atmosfera di festa è già nell’aria, cominciano ad arrivare le prime persone mentre Francesca e Luca spillano dell’ottima birra, i ragazzi stanno giocando al calcio balilla ed ai videogames mentre sul palco tutto sembra pronto per una serata che già si preannuncia calda e movimentata.

E’ la chitarra di Gento ad aprire il live, parte subito come un missile “Dear Dead” dei Drive me Dead cominciando a far battere il piede a tutti i rockers arivati a festeggiare con noi. La serata prosegue trascinandoci in un clima di divertimento e di festa, quello tipico delle serate tra amici, ma un pò più in grande, anzi, molto più grande, perchè il locale si riempie di gente, di musicisti e di persone passate anche solo per bere una birra e mangiare del buon cibo e che poi il ritmo trascinante della musica ha tenuto lì incollate sotto al palco a ballare e a godersi il rock. Oltre ai brani del nuovo album “Who’s the Monster” appena uscito, i Drive me Dead ci regalano anche due bellissime cover, Summer 69 e The Look dei Roxette, ma è su Lemmy’s Gost che i ragazzi si scatenano sulle assi di legno, complice la presenza di un nostro caro amico e sosia di Lemmy affezionato a tutti i nostri Live.

Veloce cambio palco per i Junkie Dildoz mentre l’entusiasmo e l’allegria salgono insieme al livello alcolico, il passaggio da una tennent’s alla spina e uno shottino di jagermaister avviene nel giro di un attimo. Giusto il tempo di continuare a far scatenare un locale gremito con “Loud Town”. E’ un grande ritorno quello dei travolgenti fiorentini in terra di maremma, e non si risparmiano davvero, a loro il palco non basta, perchè “the Screamer” un pezzo o due se li fa in piedi su un tavolo mentre braccia protese in avanti battono le mani a tempo di musica. Avevamo promesso una serata travolgente e così è stato, fino all’ultimo pezzo, “Fuck You We Rock”!

A concludere questa serata già perfetta una big Cake che abbiamo condiviso molto volentieri con tutti voi, insieme al nostro grazie e alla promessa che continueremo sempre a portare la vostra musica sul palco, perchè noi lo sappiamo bene che nella vita in fondo c’è bisogno di rock!!!

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Bad Moon Born: dall’Australia attraverso Volcano Records

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”20px” padding_right=”” padding_bottom=”20px” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”undefined” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text]

I Bad Moon Born sono una band australiana guidata dalla voce incredibile e potente di Frank Lakoudis diventato famoso in patria nel 2014 attraverso una serie di interpretazioni fulminanti di classici del rock in diretta nazionale durante lo show televisivo The Voice Of Australia.
Il gruppo rock australiano che fonde con personalità sonorità classiche e moderne guardando a Guns ‘N’ Roses, Alter Bridge, Avenged Sevenfold ed Audioslave su tutti, entra adesso nel roster promozionale dell’etichetta italiana che, dopo aver annunciato recentemente il lancio del comparto internazionale, mette le cose in chiaro facendo capire di non scherzare affatto con l’annuncio dei Bad Moon Born arrivato quasi in concomitanza della firma di un’altra ottima band internazionale, i teutonici Sacha Korn.
La musica dei Bad Moon Born è già in rotazione su The Rock FM e Triple M, i due più grandi network radiofonici di Australia e Nuova Zelanda, ed oltre 50 radio negli Stati Uniti.
Ancora poco conosciuti in Europa, la band australiana prova adesso ad entrare nel Vecchio Continente affidandosi all’iperattiva Volcano Records che ha preannunciato l’arrivo di altre novità prossimamente.

Ecco il video di Frank Lakoudis che canta Sweet Child O’ Mine a The Voice Of Australia 2014.

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/xV9Uxo9-ZBA” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

“My Best Enemy” – il video del nuovo singolo dei Lucky Bastardz che anticipa l’uscita dell’album “Be The One”

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”20px” padding_right=”” padding_bottom=”20px” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text]

I Lucky Bastardz rilasciano il videoclip di “My Best Enemy” secondo estratto dall’album
“Be The One” prevista per l’8 febbraio via Sliptrick Records. Il video è frutto di una collaborazione tra Titian Graphic Arts (Tiziano Spigno, che ha curato regia ed editing) e Gaston Video (Samuele Valle, riprese e fotografia). Le riprese si sono svolte negli suggestivi interni di Palazzo Durazzo a Novi Ligure, edificio settencentesco iscritto al Patrimonio dell’umanità dell’Unesco, per gentile concessione del proprietario Ferdinando Soldani e vede la partecipazione della giovane attrice Giulia Rudello.

I Lucky BastardZ (LBZ) sono una band italiana hard rock / metal di Alessandria, formatasi nel 2008. L’idea nasce da Geppo, founder member e primo singer della band, che trascina dentro anche Paco (ex-chitarrista di Secret Sphere). I due Bastardz iniziano la ricerca degli altri membri per completare la line-up, così arrivano anche Evan L.A. (Bass) e Pippo (Drums)
iniziando subito a suonare nei piccoli locali anche solo per 15 minuti, finchè non riescono ad incidere le prime due tracce per la demo: : LBZ Truth e Devil Cum.

Nell’ Estate del 2008 – Le Demo aprono le porte di molti e molti locali in tutto il nord Italia, tra cui quelle dello storico club chiamato Thunder Road aprendo addirittura per Adam Bomb. Poco dopo Pippo lascia la band e dietro ai piatti dei LBZ si alternano un paio di batteristi nel giro di pochi mesi fino all’arrivo di Mark che porta in quel periodo un notevole incremento di esibizioni dal vivo. Questo non impedisce ai Lucky Bastardz di lavorare ai nuovi pezzi che presto avrebbero formato un album vero e proprio.
E così è stato. Dopo molti spettacoli importanti (open act e supporting per Hardcore Superstar, Pino Scotto, Crucified Barbara, Innocent Rosie, Strana Officina) un’etichetta svedese, la Swedmetal Records, scelse di reclutare la band.

Nel Settembre 2009, L’etichetta pubblica il primo album dei Lucky Bastardz “HATED FOR WHO WE ARE”. Le recensioni che seguono l’uscita dell’album sono molto buone e ad ogni live arriva sempre più pubblico, in Italia e persino in Germania. La band è in continua crescita e inizia un periodo davvero molto favorevole che dura fino al 2010, anno in cui anche il bassista Evan lascia la band. I LBZ ingaggiano il bassista dei Mark’s Dream Theatre tribute band, Mr. TNT. Tempo di rodare la nuova formazione che i Lucky Bastardz fanno letteralmente scintille sul palco con oltre 100 live all’attivo in soli due anni, continuando sempre la loro attività incessabile di songwriters tra uno spettacolo e l’altro.
Abbandonata l’etichetta svedese, il secondo album sarà distribuito dall’italiana Red Pony. Dopo due mesi di pre-produzione, la band entra in studio terminando la sessione di registrazione in solo un mese, sia per la grande esperienza raggiunta fino a quel momento, sia perchè le loro idee erano più chiare che mai. La loro seconda fatica porta il nome di “Bite Me Dude” è la consacrazione della band, inizia un lungo periodo di live, tour e duro lavoro, trasmissioni radiofoniche, programmi tv e festival di una certa importanza.
Nel Dicembre 2012 Geppo e i Lucky Bastardz prendono strade diverse, La decisione viene presa di comune accordo al termine di una lunga serie di discussioni tenutesi durante l’ultimo anno. I disaccordi, per lo più riguardanti la direzione artistica della band, erano troppi, poiché era evidente l’impossibilità di trovare un compromesso che soddisfacesse tutti. Nel giro di un anno i Lucky Bastardz hanno un nuovo cantante. Dopo una lunga serie di audizioni, che hanno avuto luogo durante i primi mesi dell’anno, la line-up è finalmente completata: il nuovo membro è TITIAN. Il primo spettacolo con la nuova line-up è ‘Langhe Rock Festival 2013′. È il momento del primo mini tour, i Lucky Bastardz si recano in Lettonia per una serie di spettacoli. Durante la produzione del terzo album, la band apre persino lo show italiano per la leggendaria band thrash metal ANTHRAX.
Nel Gennaio 2014 esce un Il nuovo album “Alwayz On The Run” con l’etichetta Sleaszy Rider Records, la band è ormai lanciata su una strada lastricata di successi che li vede protagonisti indiscussi della scena Hard Rock/metal italiana.
L’ 8 Febbraio uscirà finalmente l’atteso “Be The One” un album che si farà apprezzare ed amare fino all’ultima traccia.

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/cb5jq4-6E1Q” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]