Revolutionary Boy é l’ultimo disco di Mono con gli F.F.D.

Revolutionary Boy é l'ultimo

Revolutionary Boy é l’ultimo disco di Mono con gli F.F.D. Alessio Cattabiani, in arte Mono, è venuto a mancare l’ottobre scorso. Mono è stato un cantante, un dj, un promoter, un discografico che sin dagli anni novanta si è impegnato per fare la differenza nell’ underground italiano.

Nato e vissuto a Parma fonda gli F.F.D., acronimo di Four Flying Dicks, nel 1992. Sempre in bilico tra Oi!, punk rock, pop punk e ska la band vedrà avvicendarsi musicisti diversi rimanendo comunque rilevante ed amata. Gli F.F.D. assieme a Derozer, Punkreas, Los Fastidios e tanti altri segneranno una stagione del punk italiano.

L’ amicizia che mi ha legato a Mono rende difficilissimo scrivere queste righe senza cedere alla commozione. Una persona capace di spendersi senza indugio per gli altri senza aspettarsi nulla in cambio. Un vero originale, spesso profondo, ma sempre pronto a fare festa sopra e sotto al palco. Un uomo a cui non si riusciva a non volere bene. Sentirlo vivo e in forma smagliante, nei solchi di questo disco, mette il sorriso sulle labbra e stringe il cuore.

Il disco

Il disco è dunque il lascito del Mono ed è totalmente Mono dalla testa ai piedi. La band: Borto (basso), Joe (batteria), Ciffo (chitarra) e Arcu (chitarra) si distingue per l’ottima chimica che filtra da subito attraverso le casse dello stereo. Lo stile è quello che chi ama gli F.F.D. conosce bene. Uno stile affinato in anni di esperienza. Un cocktail carico di anfibi, scooter, punk, coscienza politica, ma anche tantissima spensieratezza.

I richiami a Cock Sparrer, Clash, Sham69 ma anche a Nabat e Klasse Kriminale impreziosiscono il sound del gruppo. Contemporaneamente si succedono ospiti d’ eccezione quali Il Gigio, Seby Derozer, Lucaintegrity, Alieno & The Souls che contribuiscono ad animare brani subito riconoscibili. Fuori su Kob Records il disco esce nel giorno del compleanno del Mono per festeggiare, inoltre, il trentesimo anno di attività degli F.F.D. e contiene tutti gli elementi per cui la band è sempre stata apprezzata. Il sound, centrato ed efficace come sempre, si sposa con composizioni energiche ed orecchiabili che sembrano nate con la vocazione del sing along.

Un saluto che arriva troppo presto ma che vi scalderà il cuore. Dodici tracce su cui costruire tanti nuovi stupendi ricordi.
“Ciao Mono at voi bein!”

F.F.D.

Facebook: https://www.facebook.com/FourFlyingDicks
Instagram: https://www.instagram.com/f.f.d._official/
Spotify: https://open.spotify.com/artist/3bui13EoH5cBhkqabngvtl

Dentro un viaggio senza vento, il concert book di Omar Pedrini

Dentro un viaggio senza vento

Dentro un viaggio senza vento è il concert book di Omar Pedrini scritto a quattro mani con Federico Scarioni. Un vero viaggio tra emozioni e aneddoti disponibile dal 17 novembre. Fa parte della collana Chinaski del Castello editore, diretta da Federico Traversa e dedicata al racconto dei grandi della musica contemporanea.

Si tratta inoltre del primo titolo del suo genere a entrare nel catalogo dell’editore. Dentro un viaggio senza vento è un formidabile concert book che conduce nuovi e vecchi fan dei Timoria alla scoperta dell’album Viaggio senza vento.

Il disco, pubblicato nel 1993, è divenuto in breve tempo disco d’oro. Dando così una grande iniezione di fiducia al movimento indie rock italiano degli anni ’90. Venticinque anni dopo, ristampato dalla Universal, entra immediatamente nella top ten della classifica, in vinile e in cd.

Il libro:

In questo libro, Omar Pedrini è coadiuvato dalla penna esperta di Federico Scarioni. Quest’ultimo già lo aveva accompagnato nell’avventura di “Cane sciolto” (Chinaski edizioni, 2017).

Dentro un viaggio senza vento ripercorre le emozioni e gli avvenimenti che hanno ispirato la nascita delle canzoni del quarto album in studio dei Timoria. Fra aneddoti, ricordi e la voglia di emozionare ed emozionarsi.

L’ambientazione è quella della data milanese che ha chiuso il tour trionfale del 2019. IL tutto accompagnato da un bellissimo diario fotografico firmato da Davide Sampieri. Ma anche da una storia nella storia a fumetti illustrata da Andrea Manfredini. Insomma, uno straordinario percorso di scoperta di un disco e di un artista di riferimento del rock italiano.

Ecco come commenta Federico Scarioni:

E pensare che venticinque anni prima il Viaggio senza vento aveva scalato come oggi le classifiche raggiungendo il traguardo del disco d’oro. Il primo album della “seconda ondata” rock italiana, quella degli anni ’90, […]

Un disco che ha dato speranze e fiducia a quelle band che in Italia si ostinavano a cantare il rock nella nostra lingua. I Timoria negli anni ’90 sono stati in questo senso dei precursori e hanno aperto la strada a una nuova stagione di rock italiano.

Infatti, hanno ripercorso il beat e il sentimento di vent’anni prima. Quando il progressive rock cantato in italiano degli anni ’70 aveva spalancato la strada verso nuove frontiere.

Oggi Omar quella strada la sta ancora battendo, con la polvere del rock sotto gli stivali che sale nella gola. Il sangue sulle mani dopo un assolo, il sacrificio sotto e sopra il palco, l’arte che brucia nelle vene.

Dentro un viaggio senza vento: Gli autori

Omar Pedrini: Fondatore e leader dei Timoria per quasi 20 anni, prosegue il suo percorso musicale come cantante solista. Artista trasversale e amante della contaminazione tra le arti, è autore della maggior parte delle canzoni contenute in Viaggio Senza Vento. Ideatore e autore principale di questo concept album.
www.omarpedrini.com

Federico Scarioni: Scrittore contemporaneo con 4 pubblicazioni all’attivo. Già autore nel 2017 della rock biografia di Omar Pedrini “Cane sciolto” edito dalla Chinaski Edizioni. E’ operatore culturale impegnato nella promozione della lettura e interessato alla filosofia estetica.
www.federicoscarioni.it

Fotografie:

Davide Samperi www.fotografieconunanima.it
Illustrazioni a fumetti: Andrea Manfredini www.behance.net/supersmanf
Art director: Filippo Ferrero

Dentro Un Viaggio Senza Vento

di Federico Scarioni &
Omar Pedrini.

Pagine: 118
Formato: 25 x 25 cm
Copertina rigida | interni a colori
Prezzo: € 20,00
Codice ISBN: 9788827602836.

Disponibile dal 17 novembre 2021.

Bad Coburns, in uscita il nuovo album Killer in Disguise

Bad Coburns

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Bad Coburns annunciano l’uscita del nuovo album “Killer in Disguise” per il prossimo 16 luglio 2021.

Killer in Disguise racchiude un’anima irrequieta e sincera, esattamente come il concept western che lo ispira. Cinque tracce che identificano un carattere forte e sfrontato, ben definito da uno stile composito, eclettico ed energico, con cui la band piemontese si presenta al pubblico.

Killer in Disguise propone un sound coinvolgente che getta le sue radici nel rock classico e nell’hard rock degli anni Settanta. Arricchito anche da sperimentazioni moderne, sfumature blues ed elementi southern, stoner e metal.

Ecco cosa dichiarano Bad Coburns

Il nostro sound è una perfetta sintesi di ciò che ci ha fatto maturare come musicisti, come band e che ci rappresenta ad oggi. Ovvero la forza di quelle influenze con cui siamo musicalmente cresciuti, che ci hanno arricchito e che ci ricordano da dove veniamo.

Ritmi incalzanti quelli dei Bad Coburns, assoli prepotenti e compatti, un groove cadenzato e aggressivo. Questi, sono i protagonisti indiscussi dei cinque braniche compongono il disco:

I pezzi nascono dalla semplicità dell’improvvisazione in sala prove. Convogliando e plasmando quell’energia e quella musicalità primordiale che si genera dall’unione dei nostri differenti stili musicali. Senza però troppi schemi o giochi a tavolino, proprio come quando eravamo ragazzini.

Killer in Disguise credits:

Killer in Disguise è frutto della forte armonia tra Amedeo Taffi (batteria e voce), Matteo Minacapilli (basso), Adalberto Bellini e Umberto Zigiotti (chitarre). I testi sono a cura di Umberto Zigiotti, la musica è dei Bad Corburns. Registrazioni, mix e master a cura di Giulio Capone ad Arona.
L’artwork dell’album invece è opera dell’artista Sam Mayle ed è ispirato al nome della band:

Abbiamo scelto il nome Bad Coburns in omaggio all’attore James Coburn, il “cattivo” di tantissimi famosi film western. Dopo tutto esprime bene quel concetto, che proviene proprio dal western, del “brutto ,sporco e cattivo” che ci piace parecchio. Grezzo, ma efficace: un po’ come il buon vecchio rock, fatto di alcol e sudore, che amiamo.

Tracklist:

The Needle
Killer In Disguise
Devil May Come
Long Time Gone
Be The One

I Bad Coburns sono:

Amedeo Taffi – voce
Umberto Zigiotti – chitarra
Adalberto Bellini – chitarra
Matteo Minacapilli – basso
Massimo Di Rocco – batteria.

https://www.facebook.com/badcoburns
https://www.instagram.com/badcoburns/

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Tra Ignoranza e Realtà, l‘EP d‘esordio de LaCùra

Tra Ignoranza e Realtà

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Tra ignoranza e Realtà è il titolo dell’EP d’esordio della band LaCura, in uscita per DELTA Promotion il prossimo 14 Maggio 2021. Oggi la label svela Copertina e Tracklist ufficiali.

Ecco le prime parole della band:

Tra ignoranza e realtà è innanzitutto il nostro primo lavoro musicale e rappresenta una nuova avventura artistica, stimolante e divertente.
Concettualmente si apre a due tipi di interpretazioni che in qualche modo si conseguono.
Da una parte c’è la sintesi di un ragionamento complesso.

Questo prende spunto dal cortocircuito che si è creato tra il nostro mondo sociale e l’incapacità di gestirlo. Ovvero tra la realtà, sempre più tecnologica e connessa, e l’ignoranza da parte della maggior parte delle persone.

Dall’altra parte poi c’è il mondo che ci ospita, la Terra, che subisce lo sfruttamento selvaggio da parte dell’uomo. L’unico pianeta in grado di ospitarci è portato verso la distruzione. Questo mette in pericolo l’esistenza della specie umana, oltre alle tante altre specie viventi. In questo contesto, l’ignoranza e la realtà sono il conflitto tra l’ uomo e la natura.

Maggiori informazioni sul disco Tra ignoranza e Realtà:

La copertina di Tra ignoranza e realtà e tutte le immagini che rappresentano il gruppo sono state realizzate da Diego Pagani. La band ha chiesto a Diego di dare la sua lettura sulla copertina e ci ha risposto così:

Ciò che mi piace è quella sorta di equivoco per cui le immagini hanno significati diversi per le diverse persone. Per me rappresenta l’alienazione della società moderna con la sua oppressione. Ma anche l’istinto per l’autodistruzione e la speranza, la rinascita.
Come diceva Shakespeare: Un cielo così cupo non può schiarire senza una tempesta.

Come dargli torto!

Le registrazioni di Tra ignoranza e realtà avvengono in presa diretta al Dedolor Music HQ nel Febbraio 2020. Mix e Master sono stati affidati a Gionata Bettini. La musica è a cura di Carlo Dones, i testi sono di Andrea Nurchis e gli arrangiamenti de LaCùra.

Tracklist Tra ignoranza e realtà:

1 – La Vanita‘
2 – Limite
3 – Sciacalli
4 – Specchio

LaCùra sono:
Andrea: Voce
Gabri: Voce
Carlo: Basso
CZ: Batteria.

Biografia:

LaCùra nasce nel 2019 da un’idea di Carlo Dones (Basso) e Andrea Nurchis (Voce).
Dopo alcuni mesi di assestamento la band trova l’assetto finale con l’entrata in formazione di Umberto (Batteria) e Gabriela (Voce Soprano).

Le precedenti esperienze di ogni membro della band nell’underground Italiano (Thee S.T.P., Quinto livello, Xternals) si incontrano. Creano così un suono che si muove nel genere hard rock di matrice alternativa.

Il primo elemento caratteristico del gruppo è l’ uso del solo Basso e della batteria per la parte strumentale. Mentre il cantato in Italiano alterna la voce rock maschile di Andrea con quella lirica femminile di Gabriela.

Quest’ultimo elemento arricchisce il progetto con tocco melodico e femminile. In questo modo la band sperimenta soluzioni alternative e si apre a nuove suggestioni.  Il risultato è dunque un sound ruvido che affonda le sue radici in certe sonorità dei ’90.
Si tratta di un omaggio alla musica che più ha influenzato il gruppo.

I testi prendono spunto dalla realtà quotidiana, da fatti di cronaca e da esperienze personali. Aprendosi a riflessioni più ampie con l’intenzione di universalizzare alcuni concetti. Questo emerge anche dalla scelta del nome “LaCùra“ che si sofferma sul doppio significato della parola “Cùra”. Da una parte il riferimento è rivolto alla necessità di perseguire un progetto e realizzarlo al meglio, cercando di dare la massima attenzione ai dettagli.

Dall’altra a quello che comunemente viene relegato come sostantivo di descrizione medica. Nel caso specifico si compie attraverso la musica, vera cura dell’anima e terapia capace di mettere in comunione gli esseri umani. Favorendo inoltre una consapevolezza più profonda.

Contatti band:

Facebook: https://www.facebook.com/lacura999
Instagram: https://www.instagram.com/lacura_band
Youtube: https://www.youtube.com/channel/UC_nbnrxGbKtscUIfBZ0gDWg

[/fusion_text][fusion_imageframe image_id=”7326|medium” max_width=”” style_type=”” blur=”” stylecolor=”” hover_type=”none” bordersize=”” bordercolor=”” borderradius=”” align=”center” lightbox=”no” gallery_id=”” lightbox_image=”” lightbox_image_id=”” alt=”” link=”” linktarget=”_self” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=””]http://www.rockmylife.it/wp-content/uploads/2021/03/LaCùra-Immagine-300×279.jpg[/fusion_imageframe][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Marte, ascolta il nuovo singolo di Manfredi Simonetti.

Marte

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Marte è il nuovo singolo di Manfredi Simonetti, un interessante brano che vede il featuring con Kimberly Mangano.

La canzone parla della complicata relazione fra due persone dai caratteri forti e completamente opposti. All’inizio della relazione è proprio la diversità ad unire la coppia e a rendere il rapporto più interessante. La stessa diversità diventa poi occasione di divisione, diventando terreno di scontro e motivo di incompatibilità.

Avranno gli stessi limiti, le stesse paure, gli stessi bisogni e nessuno dei due avrà l’amore e la motivazione per aiutare se stesso e l’altro.
Nasce così la metafora astronomica, in cui i due protagonisti si sentono così lontani e così diversi proprio come lo sono La Terra e Marte.
A rendere più reale questo “testa a testa” è proprio il featuring con Kimberly Mangano.

L’uscita di Marte è la ciliegina sulla torta ad un periodo di successi per Manfredi Simonetti. Il cantante è infatti stato selezionato tra i 24 cantanti e musicisti del Cecchetto Festival. (Web music stars “FestivalWeb”). Si tratta di una gara e concerto online fra gli artisti più seguiti del web a cura di Claudio Cecchetto. il contest si svolgerà sulla piattaforma digitale A-Live (la stessa dell’evento Heroes di settembre dall’Arena di Verona) nel prossimo Aprile 2021.

Scopriamo qialcosa in più sull’autore di Marte

Manfredi Simonetti, palermitano classe 1995, autore e musicista, si appassiona sin da piccolo alla scrittura creativa. Trova in seguito nel pop e nel rap, la possibilità di esprimersi a tutto tondo raccontando il suo punto di vista sulla società attuale. Riesce così, grazie a brani come “Ballare con te”, “Tutto andrà bene” e “Palermo Suona” a totalizzare più di 300 mila ascolti.

E’ anche produttore esecutivo e nella vita collabora con i più importanti influencer e talenti del web. E’ attivo infatti nella creazione di nuove idee e progetti che si distinguono nel mondo digitale per impatto visivo e seguito.

Segui Manfredi Simonetti anche sui social:

https://www.instagram.com/manfredisimonetti/
https://www.facebook.com/Manfredipop

http://www.facebook.com/sorrymom.it
http://www.sorrymom.it

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/Ucm0sDS5aNA” alignment=”” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” css_id=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Winston Blue, esce oggi il secondo singolo della cantautrice EB

Winston Blue

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Esce oggi ‘Winston Blue’, il nuovo singolo di EB, progetto solista della giovanissima cantautrice Elisa Bianchi.
Il nuovo brano fa parte di un più ampio progetto discografico in uscita a breve ed è pubblicato dalla nuova label B District Music (Bagana). Disponibile su tutte le principali piattaforme streaming e download da Pirames International. Il videoclip è su YouTube.

Winston Blue’ segue il singolo apripista ‘Dance With Me’. Singolo che ha riscosso molto successo a partire dall’anteprima con SKY TG24. Fino alla conquista del posto di Just Discovered su MTV New Generation.

“Cause you gave me a lot of questions,
but then you came out with no answers
And now I want one…of your Winston Blue”.

Ecco cosa dichiare EB a proposito di Winston Blue:

Considero ‘Winston Blue’ il mio “masterpiece”, il migliore per ora. E, se non tornerò più, in termini definitivi, rimarrà per sempre la mia migliore canzone mai scritta nella mia culla, Como. È stata la prima canzone che ha portato a qualcosa, a qualche cambiamento. Mi ha fatto rendere conto del mio potere in veste di songwriter.

Il testo è il risultato di una confusione devastante: è nato infatti dalla combinazione di diari, appunti, fogli sparsi tenuti nascosti per troppo trempo. Più che un segreto, questo brano è un vero e proprio rompicapo. È un viaggio: 5 minuti bastano davvero per descrivere come ci si sente ad essere bloccati in un posto sbagliato. Una città, un luogo che non ti appartiene, che ti trattiene e ti blocca.

Questa canzone è per tutti coloro che non concepiscono una vita immobile. Per muoversi basta poco in verità, non servono decisioni folli o pazzie. Così cominci a muoverti quando prendi coscienza della tua posizione, e noti che qualcosa manca. Colmare quella mancanza, o almeno provarci, è per me movimento.

Credits:

Testo e musica del nuovo singolo sono opera di EB, la produzione invece è di Alessio Senesi. registrazioni, mix e master di Andrea Trapasso presso Studio Arte del Suono di Cantù (CO). ‘Winston Blue’ è una riflessione interiore sulla necessità di andare avanti.

Scrivere una nuova pagina superando perimetri troppo stretti e circoscritti con una volontà risoluta e ritrovata. Un sound fresco e immediato, influenzato dalle più forti personalità femminili che hanno fatto la storia della musica. Parliamo di Patti Smith e Kate Bush, fino ad arrivare a Billie Eilish.

Segui EB anche sugli spazi social

www.facebook.com/eb.musicxxx
www.instagram.com/eb.music_

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/c6OnY-87_D8″ alignment=”” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” css_id=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Banksy, il singolo dei Lost scelto dall’app Reface

Banksy

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Banksy è il nuovo singolo della band Lost che arriva in questo 2021, un anno di rinascita sotto tutti i punti di vista. In America, artisti del calibro di Justin Bieber e Dua Lipa, per lanciare i loro nuovi lavori, si sono appoggiati all’app Reface.

Questa permette di sovrapporre la propria faccia a quella di una star e di trasformarsi nel protagonista di una scena di un film o di un clip musicale.
Ora l’applicazione, che sta spopolando in tutto il mondo, ha deciso di appoggiare i Lost per l’uscita del loro nuovo singolo.

Banksy, è un inno alla vita, un canto liberatorio per ciò che spesso diamo per scontato. Ci siamo resi conto, soprattutto di questi tempi, quanto siano importanti nella vita le piccole cose. Come respirare l’aria della notte, girare per le strade senza pensieri o essere semplicemente noi stessi.

Ora più che mai abbiamo l’obbligo e la necessità di portare avanti i nostri sogni, consapevoli di ciò stiamo vivendo. Fieri insomma, di quello che siamo e delle cicatrici che, sicuramente, faranno parte di noi per sempre

Il sound, serrato già dalle prime battute, evoca immagini dal sapore retro, un chiaro tributo agli anni 80 ma che guarda al futuro con un respiro internazionale. Per la location del video, i Lost scelgono i magazzini “Lost and Found Experience” di Musile di Piave. Gli ingredienti sono semplici: una coppia di ragazzi, un magazzino zeppo di vecchi cimeli provenienti da ogni epoca. Ma anche una sana dose di nostalgia e di avventura anni ’80 e la voglia di sentirsi vivi, almeno per una notte. Tutto questo trasporta lo spettatore in un piccolo mondo onirico fatto di emozioni e divertimento.

Segui la band anche sugli spazi social

https://apps.apple.com/it/app/reface-cambia-faccia/id1488782587
https://play.google.com/store/apps/details?id=video.reface.app&hl=en_US&gl=US
https://www.facebook.com/lostofficial
www.facebook.com/sorrymom.it
www.sorrymom.it

Ascolta Banksy su:

Spotify: http://spoti.fi/3qsDfFy
YouTube: https://bit.ly/2XRVxUA
Itunes: http://apple.co/3imh4Ou
Amazon: https://amzn.to/2N7aDTS

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/xj_EtBdN5AA” alignment=”” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” css_id=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Benvenuto Bene, il brano della rockwoman Alteria

Benvenuto bene

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Benvenuto bene, il nuovo singolo di Alteria è da oggi negli store digitali. Cantautrice, rockwoman e speaker radiofonica tra le più dinamiche ed apprezzate del panorama italiano.

Un brano rock per dare la scossa alla situazione di stallo che stiamo vivendo. Un rock per consacrare la vita; un rock per demolire per poi poter costruire, di nuovo, da capo.

«Quante volte in una vita ci capita di approdare ad un nuovo mondo, un nuovo posto. Paura e coraggio prima di un nuovo inizio»

Afferma Alteria nel testo della canzone.

Il videoclip del singolo Benvenuto Bene, vede la performance del ballerino Samuele Barbetta e la produzione di Crooner Films in un inno al dinamismo ed al coraggio.

Il singolo sancisce la collaborazione con la casa discografica Vrec, marchio di davvero comunicazione. Distribuita da Believe/Audioglobe che pubblicherà il nuovo album in uscita in CD e vinile con l’inizio del 2021.  L’album che contiene Benvenuto Bene è interamente prodotto dall’icona del rock Max Zanotti (Deasonika/Casablanca). Mix e mastering presso il Massive Arts Studio di Milano.

(Abbiamo già parlato del nuovo singolo in QUESTO ARTICOLO)

Biografia:

Alteria (Stefania Bianchi) è una delle voci più credibili ed apprezzate del panorama rock italiano. Dopo gli inizi nei NoMoreSpeech (l’esordio omonimo è del 2012) ha pubblicato due album autoprodotti. Si tratta di “Encore” (2013) tutto in inglese e “La Vertigine Prima di Saltare”, questa volta in italiano. Da questo sono estratti due fortunati singoli “Peccato” e “Sacro e Profano”.
Speaker radiofonica e conduttrice di RockTv, Rai4, Rai5, Radio Freccia ed attualmente in palinsesto a Virgin Radio. Alteria ha aperto i concerti di Aerosmith, Red Hot Chili Peppers, Litfiba e molti altri. Il nuovo album atteso nel 2021 includerà i due singoli Apnea e Benvenuto bene.

Segui Alteria a questi link:

Spotify: http://bit.ly/SP_Alteria
Instagram: http://bit.ly/IG_Alteria
Facebook: http://bit.ly/FB_Alteria
Twitter: http://bit.ly/TW_Alteria
Youtube: http://bit.ly/YT_Alteria
www.vrec.it

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/0degPWKQra4″ alignment=”” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” css_id=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Another (Don’t save me), il primo singolo degli Overchains

Another

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Another (Don’t save me) è Il primo singolo degli Overchains ed è da oggi disponibile all’ascolto. Il brano è estratto dal disco “Veil” prossimamente in uscita via Volcano Records & Promotion. Sarà disponibile in versione digitale su tutte le principali piattaforme di acquisto e di streaming online come Spotify, Deezer, iTunes e Amazon Music.

Another (Don’t Save me) è il brano oggetto del rifiuto verso aiuti esterni alle proprie forze individuali. Con questo intento, raccolte in un’atmosfera gotica, eteree voci femminili propagandano l’ideale di auto-eroismo. La forza interiore diviene protagonista del testo, si riveste di toni epici e si conferma come unico porto di salvezza per coloro che sono stati messi in ginocchio dalla vita.

Puoi leggere altro su Overchains cliccando QUI

Genere: Alternative, Gothic metal, modern metal
Artisti simili: Lacuna Coil, Amaranthe, Evanescence

Per maggiori informazioni su Another (Don’t Save me)

www.volcanopromotion.com
www.facebook.com/volcanopromotion
https://www.facebook.com/OverchainsOfficial/

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/V48P-UEOIcA” alignment=”” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” css_id=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

#UNITEDWESTAND – il rock unito contro il Covid-19

#UNITEDWESTAND

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

#UNITEDWESTAND è il brano scritto da Alessandro Liccardo (Volcano Records & Promotion) per una belle iniziativa all’insegna della solidarietà.

Nei giorni della pandemia, l’imperativo di rimanere a casa sembra stridere con quello che la musica rappresenta per milioni di persone. Per la precisione la condivisione profonda di passione ed emozioni sincere. Ma la musica non si ferma, mai. Per questa ragione, infatti Volcano Records promuove la realizzazione di un brano originale dal titolo #UNITEDWESTAND.
Il progetto mette così insieme dodici cantanti della scena rock e metal italiana, per mandare un messaggio di speranza e coesione all’Italia e al Mondo.

Le voci di #UNITEDWESTAND (in ordine di apparizione)

Sergio Toledo Mosca (Hangarvain)
Marco Basile (DGM)
Giacomo Voli (Rhapsody Of Fire)
Marco Pastorino (Temperance)
Branco
Valerio Bruner
Tiziano Spigno (Extrema)
Alessandro Liccardo (Hangarvain)
Iacopo Meille (Tigers Of Pan Tang)
Rosario Vasile (17 Crash)
Alessia Scolletti (Temperance)
Michele Guaitoli (Temperance)

#UNITEDWESTAND nasce proprio per sostenere le attività della Croce Rossa Italiana nel difficile momento di emergenza sanitaria.  Per donare il proprio contributo alla CRI, visitare il link https://donazioni.cri.it/donazioni/dona-per-emergenza-coronavirus

Per maggiori informazioni
www.volcanopromotion.com

Infine, vi invitiamo a cantare con tutti questi artisti lasciandovi andare sulle note di #UNITEDWESTAND

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/W0bUqdJfa1s” alignment=”” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” css_id=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Hangstorm, presentano il loro progressive rock sulle pagine di RML

Hangstrom

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Gli Hangstrom sono una band progressive rock originaria di Cremona.

Oggi parliamo della loro musica per la la rubrica ” I SOCIAL DIVENTANO PALCHI”. La band nasce dunque in provincia di Cremona nel 2017 con la classica formazione basso e voce, chitarra, batteria.
Così Stefano Gambarelli, Cristiano Tassi e Michele Chiozzani propongono un alternative rock con incursioni progressive e dark. Stilisticamente possiamo dire che sono accostabili a Tool, A Perfect Circle, Deftones e Nine Inch Nails.

Verso la fine del 2019 gli Hangstrom pubblicano il loro primo ep omonimo contenente quattro tracce. Attualmente però stanno ultimando i brani che andranno a comporre l’album, la cui uscita è prevista verso fine anno.

Emptied+Wasted” è il primo singolo degli Hangstrom pubblicato circa un anno fa. Il videoclip è realizzato in coproduzione con Bazoo di BZK production e si avvale della collaborazione della ballerina Tamara Fragale.
Il testo della canzone è una critica verso chi rinuncia ai propri sogni abbandonandosi a un’esistenza stereotipata e repressa. Ma anche una critica verso una società materialistica e sempre meno empatica.

Segui Hangstrom ai seguenti link:

Facebook –  https://www.facebook.com/hangstromband/
Instagram – https://instagram.com/hangstrom_band?igshid=13bw6u5x8oigk
you tube channel- https://www.youtube.com/channel/UC14OppwJjTr2Rx1hnvqYG8g

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/Hnzo7mcDqJw” alignment=”” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” css_id=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Nella mia ora di libertà, il nuovo singolo degli Osaka Flu

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Nella mia ora di libertà, è disponibile da oggi in digital download, in streaming e in rotazione radiofonica.
Il nuovo singolo degli Osaka Flu, band aretina, propone un personale sound a metà strada tra punk e indie, cover della famosa canzone di Fabrizio de Andrè.

Il brano anticipa l’uscita del misterioso nuovo disco del gruppo, che si cela dietro l’acronimo “L.S.F.” e che sarà un progetto particolare, disponibile dal 13 dicembre.

«A Novembre 2015 abbiamo fatto uno spettacolo in carcere suonando delle canzoni che parlavano della detenzione e l’ultimo pezzo era “Nella mia ora di libertà” di Fabrizio De Andrè.

Continuiamo ancora a suonarlo in tutte le nostre esibizioni. Dopo i concerti ci chiedevano tutti se era compresa in qualche disco così abbiamo deciso di registrarla.»

Nella mia ora di libertà, scritta e composta da Fabrizio De André e Giuseppe Bentivoglio e contenuta nel disco “Storia di un impiegato”, rivive in questa versione degli Osaka Flu.

La band, senza snaturarla, la contaminano con il proprio stile personale, che negli anni li ha contraddistinti come una delle realtà emergenti più interessanti del panorama indie rock italiano.

«Amiamo suonare “Nella mia ora di libertà”, perché tutte le volte ci insegna a guardare le cose da un altro punto di vista. L’abbiamo rifatta come la suoniamo sempre ai concerti provando a dare quello stesso tipo di energia.»

Nella mia ora di libertà è stata prodotta dagli Osaka Flu e registrata al Rooftop (Studio Arezzo). Mix di Marco Romanelli e Arturo Magnanensi, master di Gianni Versari.

Hanno suonato: Daniele Peruzzi (voce e chitarra), Francesco Peruzzi (basso, cori), Michele Casini (batteria, cori).

BIOGRAFIA

Gli Osaka Flu nascono ad Arezzo nel 2010 quando i fratelli Daniele (voce e chitarra) e Francesco (basso) conoscono Michele (batteria). La comune passione per la musica, da Cash ai Devo, passando per Dylan e i Rancid, spinge i tre a suonare e comporre insieme.

Alle prime canzoni prodotte affiancano sin da subito l’attività live e nel 2012 partecipano a uno dei festival più conosciuti in Italia: Arezzo Wave. Il primo disco, “Look out Kid”, esce nel 2014 per Soffici Dischi, distribuzione Audioglobe, e riscuote subito ottime critiche.

“Bo Diddley meets the Arctic Monkeys” così Antonio Romano definisce il loro singolo “I Don’t Care If It’s Right Or” su RockIt mentre Repubblica parla di Pulp Rock e di musiche che ricordano le colonne sonore di Quentin Tarantino.

Il video del primo singolo : Il video di “Sixteen Tons” (cover di Merle Travis) girato nel carcere di Arezzo con la partecipazione di Giorgio Canali come attore, è scelto da Repubblica come video in anteprima.

Il successo di critica e pubblico apre le porte a un’intensa attività live, che si traduce in un centinaio di date in giro per tutta la penisola. Il 10 novembre 2016 tornano con “KM 183”.

Secondo lavoro in studio, questa volta interamente cantato in italiano e sempre edito da Soffici Dischi, anticipato dal singolo “Propaganda” al quale fa seguito da “La sindrome del Giovane Holden”.

brani accolti con entusiasmo dalle emittenti radiofoniche (Contraradio Firenze, Rock’n’Roll Radio Milano, Radio Città Fujiko Bologna e Radio Kaos Itaky Roma) e con il quale scegliere una nuova forma promozionale.

Per dare risalto, oltre ai singoli, ad ogni canzone del disco. Con questo nuovo lavoro la band conquista saldamente la fiducia della critica e viene inserita tra i migliori concerti del 2017 da KeepOnLive.

Entra tra le 10 migliori band da seguire in Italia dalla rivista inglese Fred Perry SubCulture insieme a Giorgio Poi, Management del Dolore Post Operatorio e Motta.

Il 28 aprile 2018 pubblicano il terzo lavoro in studio, questa volta da indipendenti , dal titolo “L’Italia è fuori dal mondiale”, anticipato dal singolo “Gina” e seguito “Viva Verdi La Magnani e Berlinguer” e “Mi Fa Schifo Lavorare”.

Diventa così disco del giorno su Rockit.it e tra i migliori dischi dell’anno secondo Romasuona.it.

Il disco è stato seguito da un tour di 50 date in giro per la penisola aprendo gruppi come Tre Allegri Ragazzi Morti, Meganoidi, Roy Paci & Aretruska, Giancane, Deluxe, il Muro del Canto e The Bone Machine.

LINK UTILI

http://www.osakaflu.com/

https://www.youtube.com/channel/UC7FIzzgZjJROIzE4NIQU9LQ

PAGINA FACEBOOK:https://www.facebook.com/TheOsakaFlu/

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]