Duran Duran, arriva “Please please tell me now” la biografia sull’ icona pop generazionale

Duran Duran


Please please tel me now La storia dei Duran Duran” sarà in libreria dal 9 novembre, pubblicata in Italia da Il Castello marchio Chinaski Edizioni. Il libro porta la firma del celebre giornalista Stephen Davis (già autore del best seller “Il martello degli dei. La saga dei Led Zeppelin”). Attraverso interviste esclusive ai membri del gruppo, amici e collaboratori, ricostruisce dettagliatamente la loro storia dagli esordi nel 1978 fino ai giorni nostri.


Appassionati di artisti glam e synth pop del periodo come Roxy Music, David Bowie e Ultravox, LeBon e soci si misero alla ricerca di sound inedito per l’epoca. “E se i Velvet Underground fossero prodotti da Giorgio Moroder? Potremmo avere un sound di quel tipo?”.


Belli, giovani e sfrontati, sin dagli esordi sono stati capaci di realizzare musica raffinata e muoversi nei circo­li più glamour. Nick Rhodes era vicino ad Andy Warhol (“Oh, amo quel Nick…”, confidò ad Andy Taylor, “e a casa ho una sua foto, come prova!”). Simon Le Bon molto legato alla principessa Diana (“Qualcuno aveva confidato a Simon che era lui il preferito di Diana!”). John Taylor in intimità con la celebre “bad girl” inglese Amanda De Cadenet.

 

 

L’ esordio dei Duran Duran


Dagli esordi a Birmingham il gruppo attirò presto l’attenzione della discografia e dei mass media, rendendoli una delle prime band a ricevere un’esposizione mediatica mai accaduta nella musica. Questo soprattutto grazie all’uso massiccio del videoclip come strumento promozionale, ma anche allo sfruttamento del merchandise. Il loro merch si rivolgeva ai teenager e comprendeva vestiti, accessori, astucci e scatole per il pranzo, cosmetici, caramelle.


Moda e arte poi sono da sempre due degli elementi che hanno contribuito alla loro affermazione. Sin dall’inizio della loro carriera, i Duran Duran iniziarono a collaborare con stilisti come Perry Haines, Kahn & Bell e Anthony Price, in grado di dare al gruppo un’immagine raffinata ed elegante che recuperava i canoni neo romantici dell’epoca. Questa attenzione per l’estetica interessò numerose riviste giovanili e musicali britanniche e americane, che iniziarono a ritrarre i loro look puliti e aggressivi allo stesso tempo.

 

Please please tel me now, la storia dei più significativi rappresentanti degli anni ’80


John Taylor, Nick Rhodes, Roger Taylor, Andy Taylor e Simon Le Bon raccontano di come siano diventati una delle rock band più influenti del pianeta, con oltre cento milioni di dischi in tutto il mondo e tour sempre sold out. Nel volume sono documentati anche la prima scissione del 1985 passando per le varie reunion fino agli ultimi anni. Con tutte le vicissitudini personali, la sopravvivenza della band rispetto ai vari matrimoni dei componenti e il rapporto con i nuovi social media.

Attraverso successi senza tempo come “Hun­gry Like the Wolf”, “Girls on Film”, “Rio”, “Save a Prayer” e “A View to A kill” la musica li ha consacrati come i più significativi rappresentanti della musica degli Anni ‘80. Non meno sono diventati anche in Italia un’icona generazionale e un punto di riferimento della cultura di massa.
Stephen Davis è il giornalista e bio­grafo rock più famoso d’America, autore di numerosi bestseller, tra cui il grande successo “Il Martello degli Dei”, dedicato ai Led Zeppelin. Ha an­che collaborato con i leggendari musicisti Levon Helm e Mick Fleetwood per le loro autobiografie. Vive a Bo­ston.

 

Segui tutte le uscite de Il Castello Editore attraverso i link ufficiali:

https://www.ilcastelloeditore.it/

FB: https://www.facebook.com/castelloeditorepagina

Duran Duran

Megadeth, nuovo singolo We’ll Be Back e nuovo attesissimo album

Megadeth

I pionieri del thrash metal e le icone metal Megadeth concluderanno un’estate di tournée di successo a livello mondiale con l’uscita del loro attesissimo sedicesimo album in studio.

Si tratta di The Sick, The Dying… And The Dead! che uscirà per Universal Music il 2 settembre 2022. Con dodici nuovi brani, The Sick, The Dying… And The Dead! sarà pubblicato in CD e vinile. Oltre che in formato digitale attraverso tutti i partner online e può essere preordinato/pre-salvato QUI.

Il lavoro sarà disponibile anche una limited edition deluxe numerata in vinile (2LP 180g) con confezione gatefold. Inserto con testi e crediti e un bonus 7”/45 giri con i brani “We’ll Be Back” e l’inedita b-side “The Conjuring (Live)”. L’edizione limitata deluxe sarà disponibile in Italia esclusivamente sullo store ufficiale di Universal Music e può essere preordinata QUI.

We’ll Be Back

Il primo brano estratto da The Sick, The Dying… And The Dead! è la feroce e inconfondibile traccia dei MEGADETH “We’ll Be Back”. Accompagnata dalla prima mondiale di We’ll Be Back: Chapter I, un cortometraggio epico e ricco di azione.
Questo racconta le origini della mascotte dei Megadeth, Vic Rattlehead. Prodotto da Dave Mustaine, We’ll Be Back: Chapter I è la storia di un soldato che racconta il coraggio. Ma anche il sacrificio personale e la volontà di sopravvivere. È il primo capitolo di una trilogia di video che uscirà in concomitanza con l’uscita del nuovo album.

Megadeth spazio web3

La band ha recentemente rivelato il suo piano d’azione nello spazio web3, offrendo esperienze ampliate al fan club Cyber Army. Il primo lancio NFT sarà una collezione generativa chiamata RATTLEHEADS. Attinge a quasi quarant’anni di temi e immagini iconiche di Vic Rattlehead. I fan possono unirsi al Discord ufficiale per rimanere aggiornati in tempo reale, ecco il link:
https://discord.com/invite/megadeth

I MEGADETH saranno headliner della giornata conclusiva del Rock The Castle a Villafranca di Verona domenica 26 giugno 2022.

Ghost, Imperatour unica data italiana

Ghost Live Vertigo

05 maggio 2022, ci siamo: è il giorno dell’unica data italiana dell’Imperatour dei Ghost.

Sono le 21 precise quando le luci si spengono nel gremito Forum di Assago, parte la intro “Imperium” e il grande telo bianco che copre la scenografia si illumina. Alla prima nota di “Kaisarion” cade giù e inizia il grande spettacolo dei Ghost. Gli 8 Nameless Ghouls in total black e la loro maschera cyberpunk vengono accolti da un pubblico fremente e quando appare in scena Papa Emeritus IV esplode un boato.

A seguire “Rats” e “From the Pinnacle to the Pit” creano una combo di potenza che non lascia fiato e fa cantare tutti i presenti.
Finalmente arriva per Tobias Forge il momento di accogliere tutti i presenti con la sua ironia, simpatia e le sue movenze accattivanti. Qualche parola in italiano sapientemente usata per scanzonare e divertire e tutti rimangono conquistati dalla sua personalità da intrattenitore consumato.
Il palco è allestito in maniera grandiosa e necessita di tutto lo spazio a disposizione. Le vetrate sullo sfondo ricordano tanto una cattedrale gotica, ma sono affiancate da mezze lune e croci rovesciate. Ci sono anche tre cappelle con relative epigrafi dedicate alle precedenti incarnazioni del Papa che recitano “Papa Stronzissimo Emeritus”.

Lo spettacolo di luci e colori è impressionante e sapientemente calibrato sulla musica. L’impatto visivo è notevole. Gli effetti pirotecnici, la pioggia di coriandoli colorati e di banconote papali dal valore 666 rendono lo spettacolo maestoso senza mai sembrare negativamente eccessivo.
Lo show prosegue tra un siparietto e l’altro e si balla con “Mary on a Cross”. Si partecipa divertiti alla battaglia di assoli tra i due chitarristi, iniziata con “Devil Church” e comprensiva di un accenno/tributo alla nostrana Funiculì Funiculà.
Svariati cambi d’abito del Papa che passa dalla tunica talare debitamente demonizzata, alle ali di pipistrello, al dandy gothic horror e alla giacca di lustrini azzurri fanno capire che non è più tanto importante il personaggio emeritus, quanto la personalità seducente di quel genio di Tobias, a metà tra la blasfemia e la presa in giro, che riesce ad essere anche elegante ma soprattutto energico e trascinante.

Si susseguono canzoni tratte da vecchi classici e nuovi successi che confermano quanto sia in forma il protagonista assoluto della serata. “Cirice”, “Hunter’s Moon”, “Faith” e “Ritual” portano una energia incendiaria sul palco. La nuova “Spillways” risulta ancora più trascinante dal vivo. Il divertimento tra i Ghouls e l’interazione che hanno con il Papa, che li rimprovera, li accompagna, li applaude, sono notevoli e significativi. Meritevoli di cori e applausi continui.
Arriva poi Mefisofele con “Call Me Little Sunshine” per poi tornare intensamente al sinistro passato con
“Helvetesfönster”, “Year Zero” e “Spöksonat”. La bolgia che si crea tra le luci rosse e il coro “Hell Satan, Archangelo” ha una intensa forza trascinante tra il pubblico.

Momento perfetto per far risuonare le prime note della bellissima ballad “He Is” e lasciare libero sfogo alle emozioni intense e alle luci dei tanti telefoni e pochi accendini. Brividi.
E poi arriva lui, il mitico Papa Nihil, che viene portato sul palco in una bara trasparente e rianimato per poter suonare con il suo sassofono il finale di “Miasma”.
La potente e devastante “Mummy Dust” viene presentata con movenze di bacino e discorsi provocanti, ed è un momento di pura potenza. Mentre il ritornello di “Kiss the Go-Goat” vede l’istrionico Tobias impegnato a spargere baci a tutti i presenti.

Ancora un intermezzo dove il Papa tratta con il pubblico sul numero dei pezzi finali, raggiungendo un accordo per gli ultimi tre.
E’ la volta della cover dei Metallica “Enter Sandman” (celebrativa dei 30 anni del Black Album) e delle ultime “Dance Macabre” e “Square Hammer” che fanno scatenare tutti gli spettatori.

Il rituale è finito dopo un’ora e cinquanta minuti. La performance è stata eccezionale, confermando la qualità dello show tanto atteso. La musica dal vivo è stata oltre le aspettative, risultando ben più dura, pesante, potente ed efficace che su disco. Situazioni intense si sono combinate ad altrettante divertenti. Canzoni metal si sono alternate ad altre più catchy e cantabili. Forse è questo il segreto di Tobias che riesce ad unire nella sua schiera di credenti almeno due generazioni ed un pubblico variopinto che va dal rocker al giovane che tutto è tranne che metallaro.

L’ultimo pensiero va al toccante discorso di ringraziamento fatto con voce felice e commossa, in cui oltre ai doverosi omaggi ai fantastici Ghouls e al personale coinvolto nell’allestimento e la gestione dello spettacolo, Tobias ringrazia tutti coloro che hanno avuto il coraggio di tornare sottopalco dopo ben due anni, con l’ombra del virus sempre sulle spalle ma con tanta voglia di tornare alla normalità.

“So che questi ultimi anni sono stati duri, e so che per alcune persone è stato un atto di coraggio venire a questo concerto, perché il nostro mondo è così al momento, è comprensibile avere paura di stare insieme a troppe persone, abbiamo iniziato ad avere paura di stare accanto agli altri. Ma ora che siete qui, vi sentite bene? Voglio che facciate un applauso a tutti voi, perché avete avuto il coraggio di uscire stanotte. Vi sentite bene, a stare con la vostra famiglia musicale, a godervi un concerto?”

E la risposta non può essere che SI, siamo stati benissimo e ci siamo goduti un concerto portentoso e stupefacente. Finalmente, dopo tutto questo tempo!

Setlist:
Imperium
Kaisarion
Rats
From the Pinnacle to the Pit
Mary on a Cross
Devil Church
Cirice
Hunter’s Moon
Faith
Spillways
Ritual
Call Me Little Sunshine
Helvetesfönster
Year Zero
Spöksonat
He Is
Miasma
Mummy Dust
Kiss the Go-Goat

Encore:
Enter Sandman
Dance Macabre
Square Hammer

Links:
https://ghost-official.com/
https://www.facebook.com/thebandghost

Record Store Day, da East Market migliaia di vinili, CD, walkman e cassette

Record Store Day

Domenica 24 Aprile si festeggia il Record Store Day. Migliaia di dischi, CD e anche musicassette saranno protagonisti alla nuova edizione di East Market. Si tratta dell’ evento cult del vintage milanese dedicato a privati e professionisti. Qui tutti possono comprare, vendere e scambiare. La manifestazione si unisce alle celebrazioni internazionali dedicate proprio ai dischi.

Centinaia di articoli presenti al Record Store Day

Assieme alle centinaia di migliaia di negozi musicali indipendenti in tutto il mondo, East Market ha allestito una speciale area. Oltre 20 espositori musicali specializzati saranno presenti all’evento tra i consueti 300 selezionati venditori da tutta Italia. Insieme a migliaia di oggetti insoliti e stravaganti per il Record Store Day troverete i più ricercati capi d’abbigliamento vintage. Ma anche artigianato, complementi d’arredo e tutte le particolarità di East Market.

Inoltre, ci sarà uno spazio dedicato migliaia di dischi tra CD, musicassette, vinili tra LP, 45’’. Ed ancora picture, flexi, rarità e edizioni speciali per i semplici amanti della musica come per i più esigenti collezionisti.

Ecco i protagonisti di questa edizione

Trai protagonisti dell’esposizione troveremo Alessandro Esposito da Valenza (AL). Con il suo marchio Perfect Vinyl proporrà circa quattromila dischi dal progressive al metal. Dall’Hip-Hop alla musica italiana, ma anche new wave, grunge e stoner.
Tra offerte e rarità, ci sarà “Nord Sud Ovest Est” degli 883 originale del 1993 con adesivo. Ed ancora una copia di “Draw the Line” degli Aerosmith autografata da tutti i componenti.

Mr. Bernard con i suoi oltre settecento LP è specializzato in titoli dagli Anni ’50 ai primi Anni ’60 dal blues all’R&B. Tra i suoi dischi l’ultimo volume della compilation rock’n’roll “Las Vegas Grind!”, “Latin Fever” di Jack Costanzo. Naturalmente con l’iconica copertina Anni ‘50 e la compilation “Twisted!!!” di Clem Sacco in limited edition gatefold. Tapes di Karim Qqru, Giacomo Coveri e Tommaso Calamita. Questo è il primo progetto italiano interamente dedicato alle musicassette. Una mission per riscoprire un formato analogico molto amato dagli appassionati. Ma anche di tendenza per le nuove generazioni.

Nel suo catalogo ristampe d’eccezione come “Conflitto” di Assalti Frontali o “Vita e opinioni di Nello Scarpellini Gentiluomo” di The Zen Circus. Non mancano tuttavia degli inediti come “Live in Brooklyn” dei Calibro 35.
Dirt Tapes produce poi The Tape-Roller, un moderno walkman collegabile anche tramite USB e per chi volesse ci sono anche i nastri vergini brandizzati.

Record Store Day e Luca Gracci da Pisa

Con il suo marchio Takeatrip è un veterano del mondo dischi, le sue specialità sono le prime stampe. Ristampe e cd tra psichedelia, progressive, rock, blues e folk. Nel suo stand si troveranno oltre duemila LP e seicento CD. Tra questi le prime stampe inglesi di “Master of Reality” dei Black Sabbath del 1971 con poster. Ed ancora “In the Court of the Crimson King” del 1969.

Simone Borsacchi & Nelson Birtig

Direttamente da Milano porteranno tremila pezzi tra LP e CD, che comprendono una vasta gamma di generi e periodi storici. Si spazia dal metal al punk, brit pop, new wave, alternative, surf e 60’s. Tra i pezzi più particolari la prima stampa USA del 1966 con il debutto discografico della band psichedelica The 13th Floor Elevators e “Stiff Upper Lip” originale del 2000 degli AC/DC.

Market, food & Dinner

Accompagnano il market le aree food & beverage. East Market Diner, dove si trova la caffetteria e la bakery con prodotti da forno dolci e salati. Due bar sempre aperti per tutta la durata della manifestazione e la food area. In quest’ultima sono a disposizione del pubblico numerosi truck con un’offerta sempre diversa di cucina internazionale e street food.

Senza dimenticare la tradizione italiana e anche molte proposte per vegani, celiaci e kids. East Market adotta la politica #plasicfree ovvero una policy ecologista che bandisce completamente tutta la plastica nel food e beverage. Per cibi e bevande, infatti, sono disponibili solo materiali eco friendly e riciclabili. Completano la manifestazione i DJ set con il meglio delle selezioni musicali del momento e del passato.

Record Store Day – East Market

domenica 24 aprile
dalle 10 alle 21
Via Mecenate, 88/A – Milano
Ingresso Euro 5
Infoline +393516559781.

Per assicurarsi l’ingresso a East Market è necessario acquistare il biglietto online all’indirizzo https://link.dice.fm/. I bambini entrano gratis fino ai 12 anni (con documento identità), libero accesso ai cani, accesso agevolato per i disabili.
GREEN PASS OBBLIGATORIO.

Rimani aggiornato attraverso i link ufficiali

https://www.facebook.com/eastmarketmilano
https://www.instagram.com/eastmarketmilano/
http://www.eastmarketmilano.com

Sounds Of The Anguished Dead, nuovo Split 7” EP di Surgikill / Shed The Skin

Sounds Of The Anguished

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Sounds Of The Anguished Dead è un Old School Death Metal putrescente e diretto di matrice americana. Un attacco sonoro all’arma bianca presentato da una copertina firmata da Rok (Sadistik Exekution).

Si tratta del più importante artista horror ed heavy metal australiano. Il gruppo nasce nel 2015. Gli Surgikill hanno già all’attivo un full lenght dal titolo Sanguinary revelation e altri cinque Split.

Shed The Skin sono invece un super gruppo che ingloba membri di Incantation, Ringworm e Surgikill. Sulla scena dal 2011, un EP e tre album all’attivo, è inoltre in uscita il nuovo lavoro Thaumogenesis.  Per orecchie abituate ad ascolti senza compromessi, come tutto il materiale Blasphemous Art Records!

Il vinile è disponibile presso Detroit Rock City Music Store & Alternative Bar Cafè di Gallipoli o ordinandolo alla mail blasphemousart@libero.it con spedizione worldwide tramite Corriere Espresso (Servizio Tracking). Di seguito i dati tecnici del prodotto.

Sounds Of The Anguished Dead: DIE-HARD VERSION

– 280g Jacket With Matt Machine Varnish.
– 42g Trasparent Yellow Vinyl.
– Insert On 140g Art Paper.
– 150gsm Poster On Art Paper.
– Sticker.
– Limited To 100 Copies on Transparent Yellow Vinyl.
– 3 Exclusive all brand-new songs.
– Cover Artwork by the Australia’s premier horror & heavy metal Artist Rok / Sadistik Exekution.
– Die Hard Version: on Transparent Yellow Vinyl, 7” EP, Insert, Poster, Sticker.
– Available exclusively through BLASPHEMOUS ART RECORDS!

Sounds Of The Anguished Dead: REGULAR VERSION

– 280g Jacket With Matt Machine Varnish.
– 42g Black Vinyl.
– Insert On 140g Art Paper.
– 150gsm Poster On Art Paper.
– Limited To 250 Copies on Black Vinyl.
– 3 Exclusive all brand-new songs.
– Cover Artwork by the Australia’s premier horror & heavy metal Artist ROK / Sadistik Exekution.
– Regular Version: Black vinyl 7” EP, Insert, Poster.

Contatti:

E-mail: blasphemousart@libero.it
Web Site: www.blasphemousartrecords.com/
Instagram: blasphemous art productions
Facebook: Blasphemous Art Records / Antonio Urso

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Ny Mynd, fuori il nuovo singolo A Fist on Your Teeth

Ny Mynd

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

la band piacentina Ny Mynd pubblica attraverso Nova Era Booking il nuovo singolo dal titolo A Fist on Your Teeth.
Il progetto nasce all’inizio del 2016 in seguito allo scioglimento di una band precedente di cui rimangono come membri originari solo Drake (Voce) e Innerfrost (Chitarra).

Con l’arrivo di Master alla batteria e diversi cambi di formazione la line up si completa con Claudio alla seconda chitarra e Mick al basso.Il nome della band proviene dall’Islandese che significa “Nuova Immagine” e si combina con l’idea di fondo del progetto. Un incontro bilanciato di diversi generi, figli del percorso di ogni componente, che spazia dal Death al Thrash passando per l’Heavy fino al Black Metal.

Nel 2019 esce finalmente il primo EP dei Ny Mynd intitolato “Crystalize”, registrato al Sonitus Studio di Crema. A marzo di quest’anno la band firma con Nova Era Booking con cui rilasciano Marzo il nuovo singolo “A fist on your teeth”. Attualmente la formazione sta lavorando ai brani per il nuovo album.

A fist on your teeth:

Drake: Quando ho scritto il testo di questo pezzo così cadenzato e potente mi è venuto naturale parlare di uno sfogo. Una rappresentazione visiva di violenza, come vendicarsi di ciò che si può essere subito negli anni. Ciò che l’immaginario può voler esternare in un atto di violenza contro qualcuno o qualcosa. Il titolo è venuto in primis, e il testo di conseguenza è venuto come una cascata.

Innerfrost: A Fist On Your Teeth rappresenta per noi una sorta di passaggio alle nuove influenze che stiamo unendo con i nuovi lavori rispetto a “Crystalize”. Le registrazioni del singolo avvengono all’Elfo Studio di Piacenza. E’ il primo brano a cui lavoriamo con la line up ufficiale. Questo ci ha permesso di capire come i nostri percorsi differenti si possono intrecciare al fine di creare qualcosa di personale.

Segui Ny Mynd online:

Facebook: https://www.facebook.com/Ný-Mynd-Official-104833755485569
Instagram: https://www.instagram.com/nymyndofficial/
Bandcamp: https://nymyndofficial.bandcamp.com
Youtube Channel: https://www.youtube.com/channel/UC4WA9EFZRFHuWCRmt6vluAg

Link ascolto:

Spotify: https://open.spotify.com/album/1iHIiISY4pnIhxLYGA7f1Y

Youtube: https://youtu.be/RZSzEaGJODQ

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/RZSzEaGJODQ” alignment=”” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” css_id=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Angel Death, Blasphemous Art Records presenta Desire For Immortality

Angel Death

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Originari della città di Rieti e attivi tra il 1984 e il 1993, gli Angel Death si distinsero per la loro proposta dura e intransigente. La band inglobava elementi Grind a una ruvidissima base Death.

In carriera hanno prodotto complessivamente due demo e due singoli. Sempre rigorosamente autoprodotti. La Blasphemous Art Records ha ora deciso di riportare alla luce il demo 1991, altrimenti noto come Desire For Immortality. L’opera è considerata da molti la prova più significativa degli Angel Death.

Arricchita inoltre di tutte le canzoni tratte dai singoli, in modo da fornire una panoramica completa della loro carriera.
Un’operazione destinata a far battere il cuore ai vecchi fan. Ma soprattutto a descrivere agli appassionati del settore cosa significasse fare Death Metal in Italia a cavallo tra gli anni 80 e 90.

Il nastro è disponibile presso Detroit Rock City Music Store & Alternative Bar Cafè di Gallipoli. Oppure ordinandolo alla mail blasphemousart@libero.it con spedizione worldwide tramite Corriere Espresso (Servizio Tracking).

Angel Death – dettagli prodotto

// PRO-CASSETTE //
Angel Death (Italia ’91) “Demo 1991” (Death Metal) [Blasphemous Art Records] CASSETTE – OUT NOW!

– Black Opaque Cassette with white UV print on both sides.
– 5 panel J-Card.
– Limited to 200 copies.
– Incl. Bonus Tracks: “GORE (BLOOD OF WAR)” 7” EP 1992 + “EXORCISIN’ THE PAIN” 7” EP 1993.

Tracklist:

SIDE A:
1. Desire for Immortality.
2. Dystrophic Reclusion.
3. Grind Affection.
4. Neurophagia.
5. War Without Mercy.
6. Die…

SIDE B:
1. Gore (Blood of War).
2. Genious Fall.
3. Exorcisin’ the Pain.
4 Desire for Immortality.

Contatti:
E-mail: blasphemousart@libero.it
Web Site: www.blasphemousartrecords.com/
Instagram: blasphemous art productions
Facebook: Blasphemous Art Records / Antonio Urso

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

The Black Road, fuori il nuovo EP dei veronesi METHODICA

The Black Road

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Black Road è il nuovo Ep dei veronesi Methodica. Il lavoro esce nel bel mezzo della composizione del nuovo album in studio, il quarto in carriera. l’EP The Black Road è disponibile da oggi su tutte le piattaforme della band in formato digitale.

La band continua il suo prolifico viaggio alla scoperta di nuovi approcci progressive pubblicando una serie di cover. Ideale seguito della riuscita interpretazione del grande classico di Amy Winehouse, anch’essa contenuta nella tracklist.

Nei 20 minuti di running time, la band rovescia gli schemi del pop e innesta una serie di soluzioni sperimentali. Forisce così al pubblico una portata solida come ideale intermezzo tra il precedente ‘Clockworks’ e il loro prossimo album.

Black Road Tracklist:

Back to Black (Amy Winehouse).
On the Road Again (Canned Heat).
Zitti e Buoni (Maneskin).
A Trick (Remix 2022).

Ascolta il disco qui: https://open.spotify.com/embed/album/0SOkXXhD2j1xqRhDEvqI3f?utm_source=generator

La band aggiunge:

Quando abbiamo rilasciato su YouTube il video di Back To Black come omaggio a Amy Winehouse, abbiamo pensato che sarebbe stata una bella idea regalare ai nostri fan della nuova musica. Anche se erano cover di altri artisti, da qui la decisione di realizzare questo EP come divertimento e come omaggio a chi ci segue. Dato che non ci era possibile il contatto diretto live a causa delle restrizioni covid, reinventare i successi di altri artisti è stato molto divertente.

Ci ha dato inoltre l’opportunità di lavorare sul nostro suono, sperimentando nuove idee e nuove direzioni musicali e stilistiche. “Zitti E Buoni” è stata un’idea dell’ultimo minuto. E’ la prima volta che pubblichiamo un brano in italiano, è qualcosa di diverso dal solito per noi, e quindi ci siamo detti “perché no?!”

‘The Black Road’ è disponibile in streaming e acquisto digitale con la formula ‘Name Your Price’ a questo indirizzo: http://hyperurl.co/rvt0ak

Per informazioni e dettagli e prossimi show:

https://www.facebook.com/methodica.music/
https://www.facebook.com/K2MUSICManagement/

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Hammerfall annunciano il nuovo album Hammer of Dawn

Hammerfall

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Hammerfall, i salvatori svedesi dell’heavy metal, assestano un’altra martellata con il loro dodicesimo album in studio, “Hammer of Dawn”. Il disco è in uscita il 25 febbraio 2022 su Napalm Records!

La pubblicazione dell’album è preceduta dal primo singolo e title track, “Hammer of Dawn“. Disponibile anche in un video musicale girato al parco divertimenti Liseberg di Göteborg dal famoso regista Patric Ullaeus.

A proposito del singolo Oscar Dronjak dichiara:

La canzone è stata inizialmente concepita in Germania durante il tour World Dominion. Mentre il resto del lavoro è stato fatto a casa. Ho capito subito che aveva il potenziale per divenire qualcosa di importante. Infatti, quando Joacim ha aggiunto le sue melodie vocali abbiamo sentito entrambi che sarebbe stato il singolo perfetto. Una canzone con sostanza e potenza, ma anche un brano che non puoi smettere di cantare quando la musica finisce.

Parlando del video Joacim Cans aggiunge:

Avevamo già avuto l’idea di girare un video nel leggendario parco divertimenti di Liseberg vent’anni fa. Ma come ogni buona bottiglia di champagne questa idea aveva bisogno di riposare e maturare prima di essere messa in atto. E cazzo, sono felice che abbiamo aspettato! Insieme al regista Patric Ullaeus abbiamo creato qualcosa di unico e sorprendente che mi fa impazzire ogni volta che lo guardo.

Si può davvero dire che non abbiamo suonato insieme per quasi due lunghi e interminabili anni. Nel video siamo pieni di energia come un branco di lupi affamati, pronti a distruggere e dare alla luce il vangelo dell’heavy metal!!

Hammerfall:

Gli Hammerfall sono una delle forze principali dell’heavy metal. Hanno dominato non solo le classifiche svedesi degli album, ma anche quelle di tutta Europa nel corso della loro lunga carriera.

Per questo hanno ottenuto per tre volte il disco d’oro. Di fronte all’arduo compito di dare un seguito all’ultimo album in studio della band, Dominion, gli Hammerfall hanno affrontato la sfida a testa alta. Hanno dato vita così a quello che molti dei primi ascoltatori stanno definendo come il miglior album metal del 2022 e un apice del catalogo della band.

Joacim Cans a proposito del nuovo album afferma:

È difficile descrivere a parole quanto io sia estremamente felice e orgoglioso del risultato di ‘Hammer Of Dawn’. È stata una lotta, di sicuro, ma alla fine ce l’abbiamo fatta e abbiamo realizzato un nuovo album solido, vitale e positivo.
Ognuno è al massimo della forma e insieme abbiamo creato un’altra pietra miliare nella storia degli Hammerfall. Non vedo l’ora di cantare queste canzoni dal vivo insieme alle mie sorelle e ai miei fratelli, i Templars of Steel!

Oscar Dronjak aggiunge:

Abbiamo passato molto tempo a creare le canzoni per questo album, principalmente a causa del Coronavirus. Ma anche perché abbiamo iniziato a lavorare sul materiale molto presto. Questo è sicuramente evidente nel risultato. L’attenzione ai dettagli è molto grande.
Un’altra cosa che è abbastanza palpabile è il livello di energia, e questo dipende dall’estrema e forzata inattività che tutti abbiamo dovuto sopportare durante la pandemia. L’atmosfera nello studio era rilassata e rilassante. Inoltre, la mancanza di stress ha creato l’ambiente di lavoro perfetto per alzare la temperatura quando si è accesa la luce rossa.

Era facile raggiungere il picco quando era necessario, dato che non c’erano distrazioni esterne o scadenze immediate. Questo album è un prodotto della pandemia in qualche modo. La cosa più importante però è che una forte dichiarazione che stiamo vivendo il punto più alto della nostra creatività al momento. Come ho detto prima: gli Hammerfall non hanno mai suonato meglio di adesso!

Preordina la tua copia di “Hammer of Dawn” ORA!

Hammer of Dawn tracklist:

1. Brotherhood.
2. Hammer of Dawn.
3. No Son of Odin.
4. Venerate Me.
5. Reveries.
6. Too Old to Die Young.
7. Not Today.
8. Live Free or Die.
9. State of the W.I.L.D.
10. No Mercy.

Hammer of Dawn sarà disponibile nei seguenti formati:

– Ltd Deluxe Box, contenente CD Digisleeve, Hardcover Photobook, Plectrum Tin, Hammer Key Chain, Bottle Opener – limitato a 500 copie (esclusiva Napalm Webstore).
– CD Digisleeve.
– 1LP Gatefold Black.
– 1LP Gatefold Marbled Orange Transparent/Black – limitato a 300 copie (esclusiva Napalm Webstore).
– 1LP Gatefold Crystal Clear – limitato a 300 copie (esclusiva EMP).
– 1LP Gatefold Curacao – limitato a 300 copie (esclusiva Levy X & Ginza)
– Bundle CD + Shirt.
– Digital Album.

Hammerfall sono:

Joacim Cans – voce.
Oscar Dronjak – chitarra.
Pontus Norgren – chitarra.
Fredrik Larsson – basso.
David Wallin – batteria.

Hammerfall online:

Website: https://www.hammerfall.net/
Facebook: https://www.facebook.com/hammerfall
Instagram https://www.instagram.com/hammerfall_official/

[/fusion_text][fusion_youtube id=”/blv-O2To6iA” alignment=”” width=”1280″ height=”720″ autoplay=”false” api_params=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” css_id=”” /][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container][fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_imageframe image_id=”9173|full” max_width=”” style_type=”” blur=”” stylecolor=”” hover_type=”none” bordersize=”” bordercolor=”” borderradius=”” align=”center” lightbox=”no” gallery_id=”” lightbox_image=”” lightbox_image_id=”” alt=”” link=”” linktarget=”_self” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=””]http://www.rockmylife.it/wp-content/uploads/2021/12/Hammerfall-cover.jpg[/fusion_imageframe][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Messerschmitt, fuori il nuovo lavoro dal titolo Raising Hell

Messerschmitt

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Messerschmitt, ovvero la storia dell’heavy metal capitolino e non solo, rendono disponibile da oggi il loro nuovo album Raising Hell.
La band nasce nel 1983 e arrivano subito alla ribalta nazionale con un passaggio in RAI, un fatto clamoroso per l’epoca. Dopo tantissimi concerti incendiari, si sciolgono nel 1986 in seguito l’incisione del singolo Heavy Metal Fighters.

Il brano era destinato a diventare poi un classico del settore. Il richiamo del metallo pesante, però, è troppo forte per essere ignorato quando la passione è così pulsante.

Così, alla fine di una lunga pausa, il gruppo torna sotto i riflettori nel 2012 e tre anni dopo pubblica l’album Heavy Metal Fighters. Alcuni cambi in formazione e, sempre nello stesso anno, arriva sul mercato il live Naked Truth.

Si tratta di un ottimo documento della loro irruenza dal vivo, seguito dal singolo Heavy Metal Hero. La condivisione del palco con band di culto quali Battleroar, Tygers of Pan Tang e Dexter Ward, li consacra come realtà di rilievo anche della scena moderna.

Peraltro già certificata dall’inclusione del moniker nei libri Italian Metal Legion 1980-1991, the Days of Dream di Gianni Della Cioppa. Messerschmitt compaiono anche in Anni di Metallo di Andrea Ciccomartino. Una loro versione di Deuce è presente su Italian Kiss Tri-boot, il primo tributo italiano ai Kiss su vinile.

Raising Hell

A fine 2018 e dopo altri assestamenti nella line up dei Messerschmitt, è finalmente il turno di Raising Hell. Il loro album più maturo e più vicino alle tendenze heavy attuali, il cui lancio comincia nel 2019.

L’arrivo della pandemia a inizio 2020, però, induce il gruppo a sospenderne la promozione, con l’idea di riprenderla quando le condizioni lo avessero permesso. Quel momento è adesso arrivato e Raising Hell torna dunque a essere disponibile.

Heavy metal potente e sincero, composto con l’esperienza di chi ha sempre fatto parte della scena. Prodotto in maniera professionale e con tanta voglia di essere comunque contemporanei. O se preferite e per prendere in prestito le parole di un grande cantautore italiano, “con un piede nel passato e lo sguardo dritto e aperto nel futuro”.

Se amate l’heavy metal, siete già fan dei Messerschmitt.

Il caccia vola ancora
https://www.youtube.com/watch?v=I7JzKFZwNwo&ab_channel=MesserschmittHeavyMetalFighters

Tracklist:

1. Raising Hell.
2. Like Watching A New Child Born.

3. Glimpse Of Shame.
4. Born In The Slums Of Rome.
5. Hunter Today Prey The Next Day.
6. Once Again.
7. The Final Score.
8. Brakeless.

Line up Messerschmitt

Luca Loreti (Voce).
Fabrizio Appetito (Chitarra solista).
Francesco Ciancaleoni (Chitarra).
Mario Ghio (Basso).
Luca Federici (Batteria).

Rimani in contatto con Messerschmitt

www.messerschmittheavymetalfighters.it
https://www.facebook.com/MesserschmittHMF
https://twitter.com/messerschmittHM

[/fusion_text][fusion_imageframe image_id=”8812|full” max_width=”” style_type=”” blur=”” stylecolor=”” hover_type=”none” bordersize=”” bordercolor=”” borderradius=”” align=”center” lightbox=”no” gallery_id=”” lightbox_image=”” lightbox_image_id=”” alt=”” link=”” linktarget=”_self” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=””]http://www.rockmylife.it/wp-content/uploads/2021/10/Messerschmitt.jpg[/fusion_imageframe][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Oblivion, disponibile in tutti i digital store il nuovo disco degli Hymnodya

Oblivion

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” hundred_percent_height_scroll=”no” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” link=”” target=”_self” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_image_id=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” hover_type=”none” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”default” rule_size=”” rule_color=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=””]

Oblivion è il titolo del nuovo disco degli Hymnodya. Dopo alcune anticipazioni nelle scorse settimane, è ora finalmente disponibile su tutti i digital store e sulle maggiori piattaforme di streaming.

Si tratta della nuova fatica discografica del duo melodic death metal pugliese. Quattro brani in un concept album urticante e violento. Tra riff chitarristici taglienti ed un apparato ritmico incalzante a sostenere la voce feroce di Pasquale Ninni.

Questi, insieme a Leonardo Ascatigno, delinea un universo sonoro ed emozionale straniante ed oscuro. Nonostante la matrice stilistica inequivocabile, gli Hymnodya arricchiscono il loro sound di elementi melodici peculiari e desueti.

Il tutto, nel codice espressivo del death metal tradizionale, ma aggiungendo spessore ad un’impalcatura sonora davvero unica nel suo genere. Ascolto più che consigliato agli appassionati più incalliti del genere. Ma anche a chiunque voglia scoprire come metal estremo e ricerca culturale possano convivere ed armonizzarsi.

Ascolta Oblivion:

https://open.spotify.com/album/

Per maggiori informazioni:

www.volcanopromotion.com
www.hymnodya.com

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Ben Ottewell, Il cantautore inglese in Italia ad ottobre 2021

Ben Ottewell

Ben Ottewell, uno dei principali cantautori della scena indie-folk inglese, e leader fondatore dei GOMEZ, è pronto a tornare in Italia per un nuovo tour acustico a ottobre 2021.

Cinque gli appuntamenti live previsti per il cantautore inglese. Martedì 19 ottobre presso la Lambruscheria Ca’ Berti di Levizzano Rangone (MO). Giovedì 21 ottobre sul palco del Club Il Giardino di Lugagnano (VR) per poi arrivare venerdì 22 ottobre all’Arci Progresso di Firenze.

Infine concludere con sabato 23 ottobre presso la Sala Polivalente Don Bosco a Marostica (VI) e domenica 24 ottobre al Circolo della Musica di Rivoli (TO).

La data di Marostica di Ben Ottewell sostituisce la precedente prevista all’Orvettspace di Mussolente (VI). I biglietti acquistati rimangono validi, eventuali rimborsi potranno essere richiesti al circuito utilizzato per l’acquisto.

La voce baritonale e profonda di Ben Ottewell, che lo avvicina a Ray Lamontagne e Eddie Vedder, è uno dei marchi di fabbrica che contraddistinguono l’artista britannico.

Questo rende i suoi progetti solisti ampiamente affascinanti ed efficaci anche in versione acustica, ricordando non poco la poesia di Nick Drake, con grande emozionalità ed eccezionale carisma.

Autore di tre album in sei anni per la ATO Records, è vincitore del Mercury Music Award nel 1998. Il cantautore porterà sui palchi italiani tutti brani della sua carriera assieme all’ultimo lavoro ‘A Man Apart’, considerato tra i più maturi e avvicinabili alle composizioni coi Gomez.

Ben Ottewell

martedì 19 ottobre 2021 – Lambruscheria Ca’ Berti – Levizzano Rangone (MO).

giovedì 21 ottobre 2021 – Club Il Giardino – Lugagnano (VR).
ingresso disponibile su prenotazione all’indirizzo e-mail ilgiardino.musicclub@gmail.com.

venerdì’ 22 ottobre 2021 – Arci Progresso – Firenze.

sabato 23 ottobre 2021 – Sala Polivalente Don Bosco – Marostica (VI).
biglietti disponibili su Circuito ufficiale Mailticket Italia.

domenica 24 ottobre 2021 – Circolo della Musica – Rivoli (TO).
biglietti disponibili su Circuito ufficiale VivaTicket.

www.benottewell.co.uk
www.facebook.com/the.ben.ottewell/