Blur al Lucca Summer Festival, unica tappa in Italia

Blur

Blur, storica formazione britannica del 1988 e tra i più grandi esponenti del genere britpop, farà tappa in Italia per un’unica irripetibile data.
Prende forma infatti il cartellone 2023 del Lucca Summer Festival, con questa importante conferma. Il che il 22 luglio del prossimo anno sotto gli spalti delle Mura urbane, si terrà una nuova edizione del prestigioso festival.

Questa stessa area resa iconica dallo storico concerto dei Rolling Stones ospiterà l’unica data italiana dei Blur.  La band manca in Italia da quasi 10 anni, ovvero sia dal 2013. L’evento vedrà Damon Albarn, Graham Coxon, Alex James e Dave Rowntree sul palco per eseguire le loro canzoni più celebri.

Completeranno il programma della serata alcuni special guest che verranno annunciati in seguito. Da quando hanno debuttato con l’album Leisure nel 1991, i Blur hanno continuato a rivoluzionare il suono della musica pop inglese. Con i cinque album successivi hanno raggiunto la vetta delle classifiche. Parliamo di Parklife (1994), The Great Escape (1995), Blur (1997), 13 (1999) e Think Tank (2003). Oltre ad una serie di singoli nella Top 10, tra cui due numeri 1 con Country House e Beetlebum. Questi hanno contribuito a spingere la band verso la popolarità di massa in patria e all’estero.

Considerata una delle più grandi band britanniche degli ultimi tre decenni, i Blur hanno pubblicato otto album in studio. Ma hanno anche collezionato dieci Nme Awards, sei Q Awards, cinque Brit Awards e un Ivor Novello Award. Inoltre hanno suonato dal vivo davanti a migliaia di devoti fan in tutto il mondo. L’album più recente della band, The Magic Whip, ha scalato le classifiche di tutto il mondo alla sua uscita nel 2015.

Ecco la line up già confermata per l’edizione 2023

Oltre ai Blur fanno già parte del cartellone 2023 del Lucca Summer Festival i Simply Red (1 luglio, piazza Napoleone). Celine Dion (15 luglio, Mura storiche), One Repubblic (16 luglio, piazza Napoleone). Checco Zalone (21 luglio, piazza Napoleone).

Anche per i Blur trovate le info sui biglietti a questi link:

www.luccasummerfestival.it
www.dalessandroegalli.com
FB: https://www.facebook.com/LuccaSummer

Imagine Dragons, ad agosto il concerto al Circo Massimo a Roma

Imagine Dragons

Imagine Dragons ha annunciato l’unica data in Italia per il 2023 al Circo Massimo di Roma. La band infatti torna in Italia dopo il successo dello scorso giugno ad I-Days con un concerto che si preannuncia storico.

La formazione guidata da Dan Reynolds sarà infatti nella nostra Capitale il prossimo anno per una data del tour in supporto all’album “Mercury Acts 1 & 2“.  Vincitrice di un Grammy Award per la Best Rock Performance. 46 milioni di album venduti per 4 dischi di Platino, oltre 30 dischi di Platino per i singoli e ben 74 miliardi di stream.

Gli Imagine Dragons hanno pubblicato proprio oggi anche il nuovo singolo ‘Symphony’. Il brano arriva sulla scia del successo dei precedenti ‘Bones’ e ‘Sharks’, già dischi di platino.

Imagine Dragons al Circo Massimo di Roma nel 2023

Quello tra gli ID e i fan italiani è un amore che arriva da lontano e nel corso degli anni si è cementificato sempre di più. Nel 2018 la band guidata da Dan Reynolds ha fatto il record di presenze ad un concerto con i 60.000 fan accorsi all’Area Expo di Milano per Milano Rocks e anche gli ultimi show del 2019 e, nel 2022 ad I-Days, sono stati un bagno di folla. Proprio per questo gli Imagine Dragons hanno pensato di tornare in Italia annunciando un unico, grande show per il 2023.

Biglietti

I biglietti saranno disponibili in anteprima per gli utenti My Live Nation dalle ore 10.00 mercoledì 30 novembre. Per accedere alla presale basterà registrarsi gratuitamente su www.livenation.it.

La vendita generale dei biglietti sarà aperta a partire dalle ore 10.00 di giovedì 1°dicembre su www.ticketmaster.it, www.ticketone.it e www.vivaticket.com.

PREZZI BIGLIETTI
PIT: € 90,00 + diritti di prevendita
General Admission: € 65,00 + diritti di prevendita
Info PACCHETTI VIP su livenation.it

NO FUN AT ALL, LA BAND SKATE-PUNK SVEDESE TORNA IN ITALIA PER DUE DATE

No Fun At All

I No Fun At All tornano, finalmente, per una doppia data italiana. La skate-punk band svedese farà tappa con il suo tour la prossima primavera, il 17 maggio al Bloom di Mezzago (MB) e il 18 maggio al Vidia Club di Cesena.

Dopo quattro lunghi anni di attesa, lo scorso 14 ottobre è uscito per SBÄM Records il settimo album in studio dei No Fun At All, intenzionalmente intitolato Seventh Wave. L’album, anticipato dai tre singoli It’s Not A Problem, See the Splendor e Dead and Gone, ha ricevuto ottimi riscontri da parte di pubblico e critica. La critica lo ha definito come una delle migliori produzioni della band svedese.

Anche dopo più di 30 anni di storia della band,  sono ancora lontani dall’essere a corto di idee. Dopo il loro ultimo album in studio Grit (2018) seguono debitamente 12 nuove canzoni su Seventh Wave.

No Fun At All nascono  nel 1991 a Skinnskatteberg, in Svezia

La band trova rapidamente  il proprio sound melodic-hardcore punk costruendo una fanbase ben oltre i confini della Svezia grazie al loro EP di debutto Vision (1993) e il successivo album No Straight Angles (1994).

Insieme a Millencolin e Satanic Surfers, sono diventati – e sono tuttora – una delle più grandi e rappresentative band della scena skate-punk svedese.

Di seguito i dettagli delle due date.

17 MAGGIO 2023

BLOOM, MEZZAGO (MB).

Biglietti in vendita su DICE e Mailticket, prezzo: 20€ + d.d.p.

18 MAGGIO 2023

VIDIA CLUB, CESENA.

Biglietti in vendita su DICE, prezzo 20€ + d.d.p.

Segui tutti gli aggiornamenti qui:

FB: https://www.facebook.com/hubmusicfactory/
IG: https://www.instagram.com/hubmusicfactory/

SLAM DUNK FESTIVAL ARRIVA PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA!

Slam Dunk Festival

Slam Dunk Festival è uno dei festival più interessanti d’Europa. Arriva adesso per la prima volta in Italia il prossimo 2 e 3 giugno presso Bay Arena. (Parco Pavese & Beky Bay) Bellaria Igea Marina (RN). Anche il pubblico italiano adesso potrà finalmente vivere l’esperienza di un festival con due palchi, che verranno calcati dalle migliori band punk (e non solo) del pianeta.

La line-up della prima giornata del festival prevede il ritorno da headliner di uno dei gruppi storici della scena punk rock mondiale, i Rancid. Tim Armstrong, Lars Frederiksen, Matt Freeman e Branden Steineckert torneranno in Italia a distanza di sei anni dalla loro ultima esibizione nel Bel Paese.

I primi nomi confermati

Faranno compagnia alla band californiana nella prima giornata del festival gli Anti-Flag. Storica band con più di vent’anni di carriera alle spalle, dieci album in studio e svariati tour mondiali. Hanno anche dato voce negli anni a cause politiche, sociali e umanitarie rilevanti.

Con loro i Less Than Jake, protagonisti assoluti della scena ska punk mondiale, con ben trent’anni di carriera alle spalle. Tra chilometri macinati e locali sudati troveremo i Bowling For Soup. Iconica band pop punk resa celebre da singoli come High School Never Ends e 1985. Infine, le Destroy Boys, punk rock band della nuova leva con delle sfumature garage.

Dettagli Slam Dunk Festival

La giornata del 3 giugno vedrà come protagonisti principali gli Offspring. tornano in Italia dopo i due trionfali show di Milano e Padova nel 2022. Tra I primi nomi confermati nel bill della seconda giornata troviamo invece i Simple Plan. Band pop punk “hitmaker” dei primi anni 2000 con brani come Welcome To My Life e I’m Just A Kid. Attualmente sono proprio in tour con gli Offspring.

E inoltre, i Billy Talent, una tra le rock band canadesi più importanti e conosciute della scena underground di Toronto. Gli Enter Shikari, band britannica dalle mille sonorità, che variano dal post-hardcore, all’elettronica, passando per il metalcore. I Trash Boat, band di casa Hopeless Records che viaggia tra gli schemi del pop punk e il post hardcore. Lo Slam Dunk Festival è decisamente l’unico festival a dare una forte enfasi al punk e all’hardcore in tutte le loro sfumature rispetto a qualsiasi altro evento in Europa.

Il progetto originale

In Inghilterra il festival si svolge in tre diverse località durante l’estate. In Italia, invece, il prossimo 2 e 3 giugno la location sarà una sola. Si tratta della nuova Bay Arena di Bellaria Igea Marina (RN).
L’ arena concerti della Riviera Romagnola racchiude in sé il Parco Pavese. Il Beky Baysarà un unico, grande villaggio con due palchi e accessi pedonali, Ma soprattutto, sarà un festival che vedrà suonare le band all’interno di una location praticamente in riva al mare. Unica per il panorama italiano.

Di seguito i dettagli del festival.

2-3 GIUGNO 2023
BAY ARENA (PARCO PAVESE & BEKY BAY) – BELLARIA IGEA MARINA (RN)

Biglietti e abbonamenti disponibili su slamdunkfestival.com e Ticketmaster.it a partire da martedì 22 novembre.
Virgin Radio e Punkadeka sono i media partner ufficiali del festival.
Evento Facebook: https://fb.me/e/3d7UXw20L

Chris Bay in programma il 9 Dicembre 2022 al Legend Club Milano. Ecco gli opener della serata.

Chris Bay

Chris Bay storico chitarrista e voce della band power metal tedesca FREEDOM CALL, salirà sul palco del Legend Club Milano il 9 Dicembre 2022. Oggi Rock In Park Agency presenta gli opener della serata.

Branco

A salire sul palco per primo sarà BRANCO. Cantautore Folk Rock milanese che vede il suo esordio da solista fra le strade di Los Angeles nel gennaio 2020. L’artista porta sul palco i brani del suo percorso artistico includendo le canzoni del primo EP “2050”. (Registrato presso gli Steakhouse studios a Hollywood,CA e rilasciato da Volcano Records & Promotion nel marzo del 2021).

Mr.SAINTPHILIP

Seguirà Mr.SAINTPHILIP, cantautore pop/rock, di scrittura introspettiva e sonorità moderne. Chitarrista degli Anewrage, fa il suo esordio col suo progetto solista nel 2020 proponendo due singoli in lingua inglese ‘It doesn’t Matter’ e ‘Don’t Bother’. Dal 2022 si è concentrato sulla scrittura in lingua italiana, toccando profondità lessicali e mettendosi a nudo in un modo che solo la padronanza della lingua madre può dare.

Lucas Lopez

Anticiperà Chris Bay sul palco Lucas Lopez, cantautore e compositore di origine cilena. Il suo tratto distintivo sta nell’aver trovato equilibrio tra le sonorità delle sue radici e un sound new folk con decise declinazioni che spaziano dal Soul all’R’n’b. Un gradito ritorno dalla forte carica emozionale.

Chris Bay – Legend Club Milano dettagli:

Prevendite Milano: DICE 9,00€ + ddp
Biglietto in cassa la sera dell’evento: 12,00€
Evento Facebook Milano: https://fb.me/e/25kC7ZBo3

Punkreas e Nicolò dei Peter Punk live serata TempoRock al Fuori Orario

Punkreas

Punkreas tornano al Fuori Orario (Taneto di Gattatico RA) il prossimo 26 Novembre insieme a Niccolò dei Peter Punk.
E’ il 30° anniversario del TempoRock e gli anni 90 e 2000 sono stati quelli del nostro grande successo! Una notte per celebrare i grandi party organizzati da noi nei principali club di tutto il Nord Italia!


3 piste, 16 dj, dance performers vestite a tema, giochi pirotecnici e gadget! Una notte diversa da tutte le feste anni 90/2000, organizzate, spesso, da chi in quegli anni non era nemmeno nato! Un viaggio musicale in un ventennio irripetibile.

Ad aprire la serata il grande concerto dei PUNKREAS una delle band che hanno fatto la storia del TempoRock. Inoltre avremo come special guest Nicolò dei Peter Punk altro nome che ha partecipato agli eventi del Tempo negli anni 90/2000.

E inoltre, Dj set 100% 90s e 2000 con tutte le hit dei nostri anni migliori!!! Suddivise nelle 3 piste del Fuori Orario. Per l’occasione saranno presenti le maggiori organizzazioni alternative dell’Emilia per un party iconico con oltre 6 ore di musica non-stop.

Ecco i dettagli:

– 3 piste, 15 djs, 4 bar, 15000 watt di impianto sonoro.
– Performers, Model Dancers, light e visual show con effetti pirotecnici & allestimenti a tema.
– Ore 22.00 dal vivo Nicolò dei PETER PUNK e a seguire l’attesissimo concerto dei PUNKREAS nel loro tour dei 30 anni. Tanti quanti quelli del Tempo… La band eseguirà dal vivo tutti i suoi brani più famosi.

 

3 DANCEFLOORS anni 90/2000:


– Arena Centrale: rock, pop-punk, indie, pop & electro
– Super Trash (pista open-air): trash, commerciale & cartoon
– The Abyss (Tube floor): hard-rock, metal, crossover, punk

 

Punkreas / Nicolò dei Peter Punk evento Facebook:

https://facebook.com/events/s/millennial-il-party-902000-alt/443701951247664/

BardoMagno in arrivo il secondo album e il tour “Li Bardi Son TOURnati”

BardoMagno

BardoMagno, menestrelli di Feudalesimo e Libertà, seguono l’uscita del secondo album “Li Bardi Son Tornati in Locanda” di venerdì scorso. Annunciano inoltre nuovi concerti per “Li Bardi Son TOURnati” che li vedrà sui palchi nel 2023.

Due gli appuntamenti già annunciati per quest’anno. Il 12 novembre al Gardacon di Montichiari (BS) e il 19 al Legend Club di Milano che registra ora TUTTO ESAURITO! Si aggiungono cinque le nuove date per il prossimo febbraio: venerdì 10 a Pistoia presso The Wall. Sabato 11 a Roma presso Traffic Live, venerdì 17 a Torino presso Spazio211. Venerdì 24 al Revolver di San Donà di Piave (VE) e sabato 25 all’Arci Tom di Mantova. Prevendite da ora disponibili per tutte le date del tour, dettagli in calce.

Il nuovo progetto dei BardoMagno

È intriso di storia, ironia e attualità il nuovo progetto dei BardoMagno “Li Bardi Son Tornati in Locanda”. Uno stile inconfondibile rilegge fatti e costumi della nostra quotidianità trasportandoli nella storia con intelligente umorismo. Mostrano inoltre come la storia umana si ripete nei secoli.

Nove brani originali e tre bonus track compongono questo album. Rock e ironia si fondono alla storia accostando il grande gusto per il rock epico a sonorità medievali. Il tutto fa il verso a quel linguaggio “neo-volgare” portatore sano di una satira nuova, intelligente e divertente che. Caratteristica che ha reso celebre Feudalesimo e Libertà – la più importante community social d’Italia dedicata al Medioevo .

I nuovo singoli di BardoMagno

“Magister Barbero” è l’ultimo singolo estratto dal nuovo lavoro. Anticipato a marzo da “Federico II c’è”, “Hanno ucciso Carlo Magno” sul finire del 2021. “Nel mio feudo” per i nostalgici degli anni ‘80 ma dell’anno mille.
Cerveza y Latifondo” è invece il primo reggaeton feudale esistente al mondo. “La Cintura di Castità” dalle sonorità medieval folk pop tipiche della band d’altri tempi. “Drakkar Special” è invece una cover dallo stile ‘Made in Aquisgrana’ di “50 Special” dei Lunapop.

BardoMagno sono:

Abdul il Bardo (Valerio Storch dei Nanowar Of Steel) Voce, chitarre.
Fra’ Casso da Montalcino (Edoardo Sala, ex Folkstone) Batteria.
Beroardo Arpeggiapalle (Joseph Ierace) Tastiere.
Svenwalter lo Normanno (Massimo Volontè, Furor Gallico) Flauti, cornamuse e bouzouki.

Segui la band attraverso gli spazi ufficiali

www.facebook.com/BardoMagnoBand
www.instagram.com/bardomagnoband
http://bit.ly/BardoMagnoSpotyBio
http://bit.ly/BardoMagnoYouTubeBio

“Li Bardi Son TOURnati”

Sabato 12 novembre 2022 – Gardacon – Montichiari (BS)
Ingresso gratuito.

Sabato 19 novembre – Legend Club – Milano
!!!SOLD OUT!!!

Venerdì 10 febbraio 2023 – The Wall – Pistoia
Ingresso gratuito.

Sabato 11 febbraio 2023 – Traffic Live – Roma.
Biglietti € 12 + ddp su TicketOne e Mailticket.
Evento FB www.facebook.com/events/611334150783449/

Venerdì 17 febbraio 2023 – Spazio 211 – Torino
Biglietti € 12 + ddp su Mailticket e DICE.

Venerdì 24 febbraio 2023 – Revolver – San Donà di Piave (VE)
Biglietti € 12 + ddp su TicketSms.
Evento FB www.facebook.com/events/525460042471153

Sabato 25 febbraio 2023 – Arci Tom – Mantova
Biglietti € 12 + ddp su Mailticket.
Evento FB www.facebook.com/events/6257254550970424

Marlene Kuntz presentano il nuovo album Karma Clima con un tour

Marlene Kuntz

Marlene Kuntz presentano dal vivo il nuovo album appena pubblicato. Karma Clima è la voce della band sui temi della sostenibilità e dell’arte creativa e performante. La scrittura dell’album e le registrazioni avvengono in Piemonte, tra ottobre e dicembre 2021.

Si tratta delle tre residenze artistiche durante le quali i Marlene Kuntz sono entrati a stretto contatto con le comunità che vivono quei luoghi. Hanno realizzato così una music factory aperta al pubblico.

I nove brani del disco sono ciascuno un grido, una presa di coscienza di ciò che sta accadendo al pianeta. Attualmente è in radio “Vita su marte”. Il brano mette in evidenza il folle atteggiamento egoistico di coloro che pensano di salvarsi da soli dall’emergenza climatica.
Magari cercando rifugio su Marte, ipotesi ricorrente dei pochi straricchi del pianeta. Il testo è volutamente ironico ed il tono caustico. Il video vede alla regia Michele Piazza e mostra l’inutile follia egoistica attraverso immagini dello scenario di Val d’Ayas. In particolare il lago blu.

Una danza sulla fine del mondo, tra le rocce, in piena montagna. Un territorio che disperatamente mostra le ferite dell’uomo all’ambiente. Con la presenza di un fiume che si nutre dell’acqua del ghiacciaio che sta tristemente sciogliendosi.

I Marlene Kuntz sono

Cristiano Godano (voce, chitarra), Luca Lagash Saporiti (basso), Riccardo Tesio (chitarra) e Davide Arneodo (tastiere).

La band si forma nel 1992 a Cuneo. Da allora 30 anni di carriera, 10 album in studio, 4 dal vivo, 8 raccolte, 10 colonne sonore. (L’ultima, quella per il film“Io sono Vera” di Beniamino Catena, uscita il 17 febbraio 2022). 1 disco d’oro, innumerevoli tour in Italia e all’estero.

Acquista i biglietti qui: https://www.ticketone.it/event/

GENUS ORDINIS DEI, la data allo Slaughter Club per WFR Night

Genus

Genus Ordinis Dei tornano il 18 Novembre con una data sensazionale allo Slaughter Club per WFR Night
L’evento infatti vede come headliner una delle band italiane più affermate nel settore metal. I potentissimi Genus Ordinis Dei proseguono così un periodo pieno di live show di grande successo!

La band nasce nel lontano 2011 e negli anni successivi crea il proprio stile fondendo il metal moderno con sonorità più sinfoniche. Nello stesso periodo i GOD cominciato a creare un concept rappresentativo della propria identità musicale, artistica e figurativa. Comincia anche un’intensa attività live sia in Italia che in Europa che ne accresce la popolarità e rafforza la fanbase del gruppo.

Con il grande successo dell’ambizioso progetto “Glare of Deliverance” vengono definiti dagli addetti ai lavori come la miglior band italiana nel loro genere. Genus Ordisi Dei porteranno il loro potentissimo show sul palco dello slaughter club il 18 Novembre 2022.

Insieme a loro i fantastici Drabik, band veneta di casa Volcano Records & Promotion. I ragazzi sono attualmente impegnati nella promozione del loro primo album in studio ‘Mannequin’. Prodotto da Marco “Maki” Coti Zelati (fondatore e bassista dei Lacuna Coil).

Sul palco anche gli Obsolete Theory che presenteranno dal vivo in anteprima assoluta per WFR il loro nuovo lavoro. Opener d’eccezione, i Crawling Chaos!

WFR Night – Genus Ordinis Dei/Drabik/Obsolete

Theory/Crawling Chaos
Apertura cancelli: 19.30
Inizio live show: 20.30.
Ingresso: 12€ ACQUISTA IL BIGLIETTO QUI: https://link.dice.fm/a0bff6839185

Evento Facebook: https://fb.me/e/33YH41s7Q
IN COLLABORAZIONE CON ORION AGENCY

E per non farci mancare niente, dopo il Live Show preparatevi al Dj Set della nostra mitica Nyva Zarbano di Rock’n’Roll Radio.Inoltre, se hai una band non perdere questa opportunità!

In occasione di questa serata speciale e in pieno spirito di supporto all’underground che da sempre caratterizza WFR, i promoter dell’evento hanno deciso di organizzare una serie di iniziative per promuovere il più possibile la vostra musica. WFR mette a disposizione una grande opportunità a tutti coloro che fanno parte di una band.

Acquistando il biglietto infatti avrete la possibilità di

Essere intervistati da ROCKER TV che sarà presente all’evento con le sue telecamere
Intervista sulle frequenze di WFRADIO durante una delle nostre puntate
Uno dei vostri brani entrerà in rotazione radiofonica su WFRADIO
Inserimento nel nostro database per i futuri eventi organizzati da WFR
Ed ancora, una serie di convenzioni su cibo e bevande!

Non mancare l’appuntamento con questa imperdibile opportunità, un modo per godersi un gran concerto, divertirsi e far conoscere la propria musica, il 18 Novembre porta la tua band, non te ne pentirai! Perchè WFR supporta sul palco e oltre….

Rimani aggiornato attraverso gli spazi ufficiali

https://www.facebook.com/wfrsupportstheunderground
https://www.facebook.com/SlaughterClub

Rock Metal fest 2022 Torna ad Agosto nel comune di Pulsano

Rock Metal fest

Dopo due anni di stop, causato dall’emergenza sanitaria, ritorna finalmente il Rock Metal Fest. L’evento è giunto infatti alla sua dodicesima edizione. Il tutto andrà in scena Mercoledì 17 Agosto 2022 – Pulsano (Taranto), organizzato dalla Associazione Onlus Rock Metal Events.

Si rinnova, quindi, nell’estate pugliese, l’appuntamento gratuito più atteso dagli amanti del rock duro!! L’evento è organizzato dall’Associazione Rock Metal Events, che dal 2009 porta avanti il progetto di tenere alto l’interesse nei confronti del rock e del metal.
Il 17 agosto, nell’area parcheggio della zona industriale del Comune di Pulsano (Ta), ci saranno così cinque band a infuocare gli animi degli amanti del genere e non.

Headliner della serata saranno gli Elegy Of Madness, la nota Symphonic Metal band tarantina torna dal vivo con interessanti novità. Una su tutte: la nuova singer Kyrah Aylin. La cantante ha, tra l’altro, interpretato il ruolo della Regina durante l’evento “Rock The Castle” nel 2019. Ha ricoperto il ruolo anche nel 2022 al Castello Scaligero di Villafranca di Verona.

https://www.elegyofmadness.com/
https://it-it.facebook.com/elegyofmadness

Le altre quattro band che suoneranno nello spazio allestito presso la Zona industriale, sono le seguenti (in ordine alfabetico):

Anthenora – Heavy Metal da Saluzzo (Cn).
http://www.anthenora.com/
https://it-it.facebook.com/anthenoraofficial/

DiesAnEra – Alternative gothic metal da Livorno
https://it-it.facebook.com/diesanera

Hot Cherry – Metal Stoner da Livorno

https://it-it.facebook.com/hotcherryband/

Reapter – Thrash Metal da Roma
http://www.reapter.com/
https://www.facebook.com/thrashreapter/

Rock Metal fest – Ingresso Gratuito

Mercoledì 17 Agosto 2022 – START ORE 20:00
Zona Industriale di Pulsano (Taranto).
Riferimenti Google maps:
https://www.google.it/maps/@40.3903775,17.3540315,207m/data=!3m1!1e3

Nell’area del concerto saranno presenti numerosi stand con cibo e bevande ed inoltre gli appassionati troveranno merchandising, magliette, bracciali, dischi, fumetti, musica e tanto altro. Per altri dettagli e informazioni seguite il sito ufficiale della Associazione Rock Metal Events http://www.rockmetalevents.com/

Serravalle Rock, in arrivo la sesta edizione l’ultimo week-end di Luglio

Serravalle Rock

Ritorna con la sesta edizione il Serravalle Rock che si terrà nel weekend dal 29 al 31 Luglio all’interno della Rocca di Castruccio, a Serravalle Pistoiese. Tre giorni di grande musica ad ingresso libero.

Ancora una volta Serravalle Rock si dimostra un festival che anticipa le tendenze. Dà infatti spazio a giovani artisti di grandi speranze alternandoli alle migliori proposte del rock d’autore italiano. Il programma è molto vario e bilanciato tra nomi di assoluto spessore del panorama nazionale.

Parliamo di Andrea Chimenti, Small Jackets e sul piano internazionale internazionale Conny Ochs. Realtà che stanno crescendo esponenzialmente come i Bluagata, Cassandra, Le Pietre Dei Giganti. Ed ancora gli artisti promettenti Le Domeniche Del Lunedì e Guinevere.

Numerose anche quest’anno le artiste femminili, in continuità con l’edizione passata che aveva spiccate tinte rosa. Il festival è organizzato dal Comune di Serravalle Pistoiese – Assessorato alla Cultura in collaborazione con l’agenzia Moonmusic e l’etichetta discografica Vrec. L’evento si colloca in un gioiello di arte e cultura. Il borgo vanta, fin dal Medioevo, una posizione strategica nel territorio del pistoiese e della valdinievole. Serravalle Pistoiese specialmente nel periodo estivo, diventa la meta di moltissimi eventi a livello nazionale e internazionale.

Sponsor: Toscana Energia e Publiacqua.
Partner: Suffissocore, La Taverna Della Musica, Barberia Losco.

Per l’occasione è stato pubblicato, in formato cd e digitale, il terzo volume della compilation Serravalle Rock. Verrà distribuita gratuitamente al festival oppure ordinabile su www.vrec.it

Questo il programma del Serravalle Rock:

VENERDI’ 29 LUGLIO

Bulgata
Cassandra
Le domeniche del lunedì.

SABATO 30 LUGLIO

Small Jackets
Conny Ochs.

DOMENICA 31 LUGLIO

Andrea Chimenti
Le pietre dei giganti
Guinevere.

Segui l’evento attraverso questo link:
https://www.vrec.it/prodotto/serravallerock3

Rock in Roma. O meglio, Thrash in Roma con i Testament.

Testament Rock In Roma

Rock in Roma. O meglio, Thrash in Roma, come ha continuato a ripetere il cantante degli Exodus Steve Souza in uno dei suoi intermezzi tra una canzone e l’altra.

E con ovvia ragione, perché l’esibizione di martedì di quattro band che hanno fatto la storia del genere più in voga nella Bay Area californiana è di quelle “che ci volevano”.

C’è da dirlo: il Rock In Roma, rassegna della quale appunto faceva parte il concerto di Testament, Exodus, Death Angel e Heathen per la data del 19 luglio, non aveva prodotto moltissime giornate di vero rock, tra performer della scena rap e trap italiana.

Ci avevano pensato i Litfiba a scaldare la Capitale il giorno precedente, per arrivare poi alla serata spaccaossa con un genere come il thrash metal, con un sano ritorno al pogo di cui i romani – e non – avevano certamente bisogno.

E le attese non sono state tradite: abbiamo assistito a un’esibizione degna di tale nome, con tutte e quattro le band centrate e a fuoco sul palco dell’Ippodromo di Capannelle.

Anche se, vista la grande capienza dell’area, la percezione della gente presente non era esagerata, quello che invece è stato ripagato è stato il calore con cui il pubblico ha risposto a tutte le performance.

Heathen

Ad aprire le danze, puntuali come un orologio, sono stati alle 18 gli Heathen, come tradizione vuole provenienti da San Francisco. Ma in realtà anche da Cremona, dato che due giorni prima erano a infiammare il pubblico del Luppolo In Rock assieme ai colleghi Testament ed Exodus.

A sensazione, a livello di decibel quella della band capitanata dal chitarrista Lee Altus è stata forse quella con i volumi più alti del quartetto.

Ma gli Heathen hanno fatto vedere sul palco come siano un gruppo da tenere maggiormente in considerazione in tutta la scena, mettendo sul piatto una scaletta da pogo immediato nonostante la non moltissima gente iniziale, pescando in qua e là dai pochi album a repertorio.

Chiudendo poi con il botto con Hypnotized, il cui coro cantato dal pubblico lasciava già presagire che tipo di serata sarebbe stata anche con le band successive.

Death Angel

I Death Angel tengono alta la bandiera di San Francisco, bravi anche loro a coinvolgere il pubblico al suono degli iconici riff della band.

Esibizione sul palco un po’ più statica rispetto ai colleghi precedenti, come da tradizione del collettivo di Rob Cavestany.

Una delle band forse più “eleganti” del panorama thrash metal e, proprio per questo motivo, precisa e curata nei minimi dettagli.

E ovviamente il pit non ha fatto mancare il suo apporto.

Exodus

I giri del motore sono già abbondantemente a pieno regime quando sul palco salgono gli Exodus, acclamatissimi da tutto il pubblico che, ad un certo punto, sembrava fosse lì proprio per loro.

Gary Holt e compagni non tradiscono le attese, sfoderando un’esibizione spaccaossa fino all’ultimo colpo.

Attingono dal loro repertorio pezzi che hanno fatto la storia, come Blacklist e Bonded By Blood, alternando brani del nuovo disco Persona Non Grata, uscito lo scorso anno.

Nemmeno a dirlo, l’esibizione è stata una bomba. E non è mancato qualche momento patriottico verso il pubblico italiano quando il batterista, Tom Hunting, ha preso una bandiera italiana e l’ha delicatamente apposta sulla propria batteria prima di concludere la propria esibizione.

Spiritato anche il cantante Steve Souza, in forma con la sua riconoscibilissima voce acida, sempre a fuoco fino alla fine del set.

Testament

È il momento dei Testament, che salgono sul palco e lanciano subito un trittico con Rise Up, The New Order e Pale King che serve a innescare la miccia.

Il pubblico ancora non si infiamma del tutto, ma è questione di attimi. Non manca anche un siparietto con Chuck Billy che fatica a ricordare il pezzo successivo in scaletta.

Parte così Children of the Next Level, brano apripista dell’ultimo album The Titans of Creation, che fa anche bella mostra di sé sullo sfondo del palco. Prima di passare a un grande classico come Practice What You Preach, che mette definitivamente a ferro e fuoco lo stage e il sottopalco dell’Ippodromo.

Altro trittico devastante arriva con WWIII, True Believer e DNR, che non fa altro che scatenare ancora di più il moshpit, adesso diventato una vera bolgia nella polvere di Capannelle.

Altro gran pezzo tratto dal primo album è Night of the Witch, prima di passare a The Formation of Damnation.

Un bel solo di Steve DiGiorgio apre una spettacolare Souls of Black, nonché una seconda parte della scaletta farcita di classici che il pubblico apprezza oltremisura, passando poi a First Strike Is Deadly.

Over The Wall fa impazzire e cantare tutti, ma è su Into The Pit che l’essenza dei Testament esce fuori. Prima Chuck chiama il wall of death, poi il pubblico accende un fumogeno e si lancia in un circle pit da brividi, con al centro la fiamma rossa.

Il tutto vale certamente il prezzo del biglietto.

L’intramontabile Alone in the Dark chiude una scaletta forse un po’ corta ma tutto sommato giusta, visto il format con cui è stata studiata l’esibizione, con le quattro band californiane tutte di altissimo livello.

Conclusioni

Insomma, i Testament sono in forma e lo dimostrano da come suonano, da come si muovono sul palco e da come si divertono.

Il basso di Steve DiGiorgio esce fuori dal coro come solo lui sa fare, così come le chitarre di Alex Skolnick ed Eric Peterson, che si alternano nei soli e giocano spesso tra armonizzazioni e ammiccamenti vari.

Forse un po’ impastata nel mix – e nei suoni non proprio eccellenti – la voce del buon Chuck, comunque sempre precisa e potente nei suoi cambi, specialmente sui growl, dove esce fuori tutta la sua cassa toracica.

Poco protagonista, diversamente da come ci saremmo aspettati, la batteria di Dave Lombardo, comunque sempre in palla, precisa e potente.

E i Testament hanno davvero infiammato Roma, così come prima di loro hanno fatto Heathen, Death Angel ed Exodus.

In conclusione, è il caso di dire, viva Thrash in Roma.